La mummia del TITANIC

Al momento del naufragio il TITANIC trasportava anche una mummia egiziana: la vera causa potrebbe risiedere in un'antica maledizione…

di Claudio Bossi

Facciamo un salto a Il Cairo nell'anno 1910, due anni prima della disgrazia del TITANIC, quando un americano, di cui non fu reso noto il nome, avvicinò l'egittologo inglese Douglas Murray, proponendogli l'acquisto di un prezioso reperto. Si trattava di un sarcofago rinvenuto nel tempio di Ammon-ra, appartenente ad una principessa di rango vissuta a Tebe attorno al 1600 a.C. All'esterno del sarcofago erano raffigurate, in smalto e oro, con tecnica raffinata, le fattezze della principessa. Il sarcofago si presentava in perfette condizioni di conservazione. Murray non si lasciò sfuggire l'occasione e staccò subito un assegno all'americano, il quale non arrivò mai ad incassarlo perché morì la sera stessa. Nel frattempo Murray aveva già preso provvedimenti affinché il sarcofago venisse spedito a casa sua a Londra.

Un altro egittologo, che si trovava nella capitale egiziana, raccontò a Murray la sinistra storia legata al sarcofago. La principessa di Ammon-ra, sacerdotessa del culto dei morti, aveva fatto incidere sulle pareti della sua camera mortuaria un inquietante monito: su chiunque avesse spogliato il suo sacello si sarebbero abbattute disgrazie e terrore. Douglas Murray, però, si fece beffe di quella superstizione fino a tre giorni dopo, quando un fucile gli esplose misteriosamente in mano, durante una battuta di caccia lungo il Nilo. Dopo una settimana di atroci sofferenze in ospedale, il braccio rimastogli ferito dovette essere amputato all'altezza del gomito. Quello non fu che l'inizio. Durante il suo viaggio di ritorno in Gran Bretagna, due amici di Murray morirono per “cause ignote”.

Inoltre i due domestici egiziani che avevano trasportato la mummia morirono nel giro di un anno o poco più. Per Murray quel sarcofago diventò un'ossessione. Quando vi posava gli occhi, il viso modellato della principessa sembrava tornare in vita con uno sguardo che gelava il sangue.

Alla fine decise di disfarsene ma una sua amica lo convinse a consegnarglielo. In poche settimane la madre della donna morì, lei fu abbandonata dal suo innamorato ed in seguito venne colpita da una sconosciuta malattia da deperimento. Alla fine lasciò come disposizione testamentaria che il sarcofago dovesse ritornare a Douglas Murray. Però Murray, ormai malridotto, non ne volle più sapere e donò il sarcofago al British Museum.
Anche all'interno di questa istituzione, ben nota per il suo rigore scientifico, il sarcofago acquistò un'oscura fama. Un fotografo che aveva scattato alcune foto morì sul colpo, mentre un egittologo responsabile di quel sinistro reperto fu trovato morto nel suo letto. A questo punto gli amministratori del museo si riunirono in gran segreto, votando all'unanimità di spedire il sarcofago ad un museo di New York, che aveva accettato il dono a patto che però venisse consegnato senza troppa pubblicità e con un mezzo fra i più sicuri.
Il sarcofago non raggiunse mai New York, perché si trovava proprio nella stiva del TITANIC quando affondò. Coincidenza? Disgrazia? O la maledizione della principessa aveva colpito ancora una volta?

Un'altra storia circa la mummia, cominciata forse da alcuni giornali a New York, ha cominciato a girare intorno al fatto che il motivo reale dell'affondamento del TITANIC fosse una mummia che era nella sua stiva del carico. Secondo la storia il sarcofago di un re egiziano antico, stava per essere contrabbandato in America da un commerciante d'arte senza scrupoli. Il commerciante d'arte stava recandosi negli Stati Uniti per vendere il prezioso carico ad un museo celebre a New York per 50 milioni di dollari (ovviamente del 1912). Quando il TITANIC stava per affondare i ladri cercarono di rovistare per trovare il prezioso sarcofago di questo re egiziano.

Sembra che il dio, Anubis, non fosse soddisfatto di questa cosa e sembra che gli dei egiziani non gradissero vedere vendere le spoglie mortali di un loro re al più alto offerente. Nella rappresaglia, per questi pochi chiari atti sporchi, Anubis avesse affondato il TITANIC e la mummia fosse andata persa nel mare per l'eterno riposo.

Ci sono inoltre storie, anche altri libri di tutto rispetto sul TITANIC, che perpetuano questa storia. In una di queste, sembrerebbe che la mummia non fosse affondata con il TITANIC. Si afferma che il contrabbandiere avesse corrotto uno degli ufficiali del TITANIC per poter collocare la mummia su di una lancia di salvataggio. La storia continua affermando che una volta che la mummia arrivò a New York, tutti coloro che vennero in qualche modo a contatto con il sarcofago, fossero stati “contagiati” da una maledetta sfortuna. Di conseguenza, la mummia fu restituita all'Egitto sulla nave, l'Empress of Ireland, che in seguito affondò con diversi periti. Di nuovo, la mummia è “sopravvissuta” e fu messa su di una delle lance di salvataggio. Fu spedita una seconda volta in Egitto. Questa volta la nave era il Lusitania, ma anche questa volta la mummia non si salvò ed ora giace indisturbata nella stretta del carico del Lusitania.

Ancora un'altra storia ci parla che questa mummia apparteneva alla collezione inglese di Lord Canterville, che la trasportava a New York per una mostra sui tesori egizi. Era una mummia di una veggente, ricoperta da numerosi amuleti, tra i quali un amuleto raffigurante il dio Osiride, con la seguente iscrizione: “Svegliati dal sonno in cui sei piombata; lo sguardo dei tuoi occhi trionferà su tutto quello che viene intrapreso contro di te”. Inoltre dato il valore immenso del reperto si preferì non sistemarlo nella stiva. Fu sistemato in un baule di legno e deposto proprio dietro il ponte di comando. A questo proposito, ed in riferimento al naufragio analogo di circa un secolo prima, nacque la teoria della radioattività avanzata dal giornalista John Newbargton: “Fu questa mummia che provocò la follia del capitano Edward John Smith.

Munita senza dubbio di un sistema di protezione a base d'irradiazioni radioattive, essa guastò anche tutti gli strumenti del TITANIC”. Lo stesso giornalista sostenne che gli egiziani, già dai tempi dell'Antico Egitto, erano molto abili nella estrazione, lavorazione ed utilizzo dell'uranio. Questa stravagante ipotesi è affermata anche da un fisico spagnolo che riteneva che gli antichi egizi, avessero scoperto i poteri dell'uranio e lo utilizzassero per proteggere i loro templi, piramidi e simili. Secondo questo studioso hanno ricoperto i pavimenti di lastre di uranio, o hanno applicato alcune di queste lastre alle pareti, per causare – ancora oggi – o la morte o gravi lesioni fisiologiche.

Fonte: http://www.titanicdiclaudiobossi.com/Index.htm


La mummia del TITANIC ultima modifica: 2009-11-29T12:26:44+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico