LA PIU' GRANDE ESPLOSIONE DA UN BUCO NERO – Un quasar col botto


Quasar SDSS J1106+1939 (Crediti: ESO/L. Calçada)

Nuove osservazioni dell'ESO con il VLT rivelano la più potente emissione da un quasar mai vista. Questo nuovo studio ha osservato in dettaglio uno di questi oggetti energetici, SDSS J1106+1939, con lo strumento X-shooter montato sul VLT dell'ESO all'Osservatorio del Paranal in Cile.

di Redazione Media Inaf

Alcuni astronomi hanno scoperto con il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO un quasar con l’emissione più vigorosa mai vista, almeno cinque volte più potente di tutti quelli mai osservati finora. I quasar sono nuclei galattici molto luminosi, alimentati da buchi neri supermassicci. Molti eiettano enormi quantità di materia nella galassia ospite e questi flussi di materia sono fondamentali per l’evoluzione delle galassie. Però, finora, i flussi osservati nei quasar erano meno potenti di quanto previsto dai teorici. I quasar sono i centri luminosissimi di galassie distanti, alimentati da enormi buchi neri. Questo nuovo studio ha osservato in dettaglio uno di questi oggetti energetici – noto come SDSS J1106+1939 – utilizzando lo strumento X-shooter montato sul VLT dell’ESO all’Osservatorio del Paranal in Cile. Anche se i buchi neri sono noti per attirare materia su di sè, la maggior parte dei quasar accelera anche parte del materiale circostante e lo espelle ad alte velocità.

«Abbiamo scoperto il più vigoroso flusso di materia prodotto da un quasar mai osservato. Il tasso con cui l’energia viene trasportata via da questa enorme massa di materia espulsa ad alta velocità da SDSS J1106+1939 è almeno pari a due milioni di milioni di volte la potenza totale del Sole. Equivale a circa 100 volte l’emissione totale della Via Lattea – un vero flusso mostruoso!», spiega Nahum Arav (Virginia Tech, USA) a capo dell’equipe di lavoro. «Questa è la prima volta che si misura un getto prodotto da un quasar alle energie elevate previste dalla teoria». Molte simulazioni teoriche suggeriscono che l’impatto di questi getti di materia sulla galassia circostante potrebbe risolvere diversi enigmi della cosmologia moderna, tra cui il modo in cui la massa di una galassia è legata alla massa del suo buco nero centrale e perchè ci sono così poche galassie grandi nell’Universo. In ogni caso, non era chiaro fino ad ora se i quasar fossero o meno in grado di produrre flussi abbastanza potenti da produrre questi fenomeni.

Il flusso appena scoperto si trova a circa mille anni luce dal buco nero supermassiccio al centro del quasar SDSS J1106+1939 ed è almeno cinque volte più potente del record precedente. L’analisi eseguita dall’equipe dimostra anche che una massa di circa 400 volte quella del Sole si allontana da questo quasar ogni anno, a una velocità di circa 8000 chilometri al secondo. «Non avremmo potuto ottenere i dati di elevata qualità che hanno permesso questa scoperta, senza lo spettrografo X-shooter del VLT.” dice Benoit Borguet (Virginia Tech, USA), primo autore dell’articolo. “Siamo stati in grado di esplorare la regione intorno al quasar per la prima volta in gran dettaglio».

Oltre a SDSS J1106+1939, l’equipe ha anche osservato un altro quasar e ha trovato che entrambi questi oggetti producono poderosi getti di materia. Poichè questi sono esempi tipici, ma finora poco studiati, di un comune tipo di quasar, questi risultati dovrebbero essere applicabili ai quasar luminosi di tutto l’Universo. Borguet e colleghi stanno al momento studiando una dozzina di altri quasar simili a questi per verificare che sia proprio così.

«Ero alla ricerca di qualcosa di simile da una decina d’anni», dice Nahum Arav «perciò è emozionante trovare finalmente uno di questi flussi mostruosi come era stato previsto!».

(INAF)
Fonte: http://www.media.inaf.it/2012/11/28/un-quasar-col-botto/ http://www.eso.org/public/

LA PIU' GRANDE ESPLOSIONE DA UN BUCO NERO – Un quasar col botto ultima modifica: 2012-11-29T11:21:56+00:00 da Richard
< Previous Article
L'alternativa alla gravità
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)