LA RESPIRAZIONE ORIENTALE: UNIRE L’INTENZIONE AL RESPIRO

Il Giornale Online
di Lidia Katia C. Manzo

Gli orientali hanno sempre accentuato il valore delle respirazioni profonde non solo come un grande aiuto spirituale nella cultura di sé, ma anche quale valido coadiuvante per la salute e la longevità . Esiste sicuramente una relazione tra arti marziali e respiro e tra respiro ed energia, il “ki”. Saper respirare significa controllare le proprie emozioni e paure, mantenendo una mente lucida e pronta; ecco perché oggi molte discipline dedicano attenzione alla respirazione e la utilizzano per trovare una migliore sintonia con il proprio corpo.

Il concetto di respirazione ha un significato molto più esteso in Oriente che non in Occidente, dal momento che comprende non soltanto il processo di riempimento dei polmoni d’aria e l’espulsione di anidride carbonica e di altri residui, bensì anche la trasmissione dell’ossigeno e delle sue proprietà a tutti i tessuti del corpo attraverso il sangue. La parola “ki” che può essere tradotta in “fiato”, include così anche il concetto di energia vitale, di vitalità e di spirito.

Una corretta respirazione deve essere effettuata con tutto il polmone. Molto spesso invece al giorno d'oggi si utilizza solo una parte dei polmoni, quella alta. Lasciando inutilizzata la parte più bassa si riduce la ventilazione e gli effetti benefici della respirazione che sono, come universalmente risaputo, l'ossigenazione del sangue e quindi di tutto il corpo.

Purtroppo la frenetica vita quotidiana e lo stress inducono ad una respirazione scorretta, appunto quella che utilizza prevalentemente la parte alta dei polmoni. La respirazione più naturale è quella che prevede l'utilizzo di tutto il polmone. Per accorgersi della differenza basta osservare i bambini più piccoli: loro non sono ancora diventate vittime dello stress e la loro respirazione è quella che gli adulti hanno perduto e devono, quindi, imparare di nuovo!

Regolare il respiro significa giungere a una respirazione priva di un controllo consapevole; nelle arti orientali sono diversi i tipi di respirazione, ma principalmente se ne possono descrivere tre: la respirazione con le narici , la respirazione con la bocca e le narici e la respirazione addominale.

Nella respirazione con le narici la bocca è chiusa e sia l’inspirazione che l’espirazione avvengono attraverso il naso. Si ricorre in genere a questa tecnica quando si ha l’obiettivo di calmare la mente. È una respirazione docile e lenta.
Nella respirazione con le narici e la bocca , la bocca rimane chiusa durante l’inspirazione e l’aria entra attraverso il naso, mentre nell’espirazione esce dalla bocca. Si ricorre a questo metodo durante il rafforzamento del tan-t’ien, punto situato nel ventre, due o tre centimetri sotto l'ombelico, che corrisponde al baricentro del corpo umano.
La respirazione addominale è quella più profonda e l’intero tronco del corpo ne è coinvolto. Essa richiede un’intensa attività del diaframma. Gli organi interni devono, inoltre, essere sufficientemente flessibili per non ostacolare il diaframma quando esercita una forte pressione per spingere l’aria nell’addome. Questa forma di respirazione dovrebbe essere naturale e non richiedere sforzo. Nelle fasi iniziali, il praticante può focalizzare il movimento del respiro, a volte contando le inspirazioni e le espirazioni, altre volte concentrandosi semplicemente su di esse.

L’aspetto essenziale di una corretta tecnica di respirazione, che deve essere assolutamente compreso da ogni principiante, è che l’aria inalata va spinta non soltanto fino ai polmoni, bensì giù nell’addome. Tutti i più avanzati metodi per far circolare il “ki” e immagazzinare l’energia purificata richiedono l’abilità di concentrare il respiro nella regione addominale bassa, abilità che può essere sviluppata con specifici esercizi e con la meditazione.

Gli occidentali provano difficoltà a guidare il respiro fino al ventre; ciò è dovuto all’abitudine ad inalare profondamente allargando il torace: questo fa sì che l’aria si fermi all’altezza dei polmoni. Per aiutare a superare questo problema ci sono diversi modi atti a promuovere la respirazione profonda e a indirizzare l’aria inspirata dal torace all’addome.

Benefici generali della respirazione yoga
La respirazione Pranayama dello yoga è di grande beneficio generale. Il sangue viene reso più ricco di ossigeno, non tanto nel momento preciso dell’applicazione della tecnica, quanto durante tutta la giornata, poiché la respirazione normale viene stimolata e resa più proficua per un periodo di circa 24 ore.

Il sangue risulta migliorato in qualità e quantità, nutre più adeguatamente l’intero organismo, specialmente il cervello, la spina dorsale, nervi relativi e quelli spinali, con notevole vantaggio di tutto il corpo che viene mantenuto sano, forte e giovane. L’eccezionale influenza della respirazione yoga sul sistema nervoso ed endocrino – le respirazioni lente e profonde è noto hanno un effetto sedativo – creano l’armonia necessaria alla salute. È stato osservato che più le respirazioni controllate sono lente e più facilitano l’acume, la visione e la creazione della mente ed eliminano con la pratica la tendenza all’agitazione psichica.

Una pratica utilizza i palmi delle mani per guidare il respiro. Innanzitutto si pongono i palmi all’altezza dell’addome sopra l’ombelico, a mo’ di coperchio. Mentre si espira dalla bocca, premere con le mani per aiutare l’addome a contrarsi e ad espellere l’aria. Inspirando per il naso, invece, cedere la pressione gradualmente e costantemente. Ripetere per alcune volte, abbassare la posizione delle mani fino al momento in cui si collocheranno direttamente sopra al “mare del respiro”, l’addome.

Con la pratica il respiro verrà indirizzato automaticamente, anche se il successo di questo metodo dipende in buona parte dalla condizione e dall’atteggiamento del corpo: occorrerà essere sereni nello spirito e con i muscoli rilassati. Allo scopo è bene indossare abiti larghi, slacciare la cintura in modo da lasciar libera la circolazione sanguigna nell’addome e sdraiarsi a faccia in su, mantenendo il corpo, il collo e la spina dorsale allineati e dritti. Sia l’inalazione che l’esalazione vanno compiute lentamente, gradualmente e costantemente, senza produrre suoni nel naso o nella gola.

All’inizio è consigliabile praticare questa forma di respirazione al mattino presto appena svegliati o la sera prima di coricarsi. Con la pratica si potrà eseguire questo esercizio anche seduti o in piedi fino alla facile esecuzione dovunque e in qualsiasi forma. Dopo un certo periodo di addestramento regolare, verrà raggiunto uno stadio più avanzato, nel quale l’addome proverà una sensazione di calore come risultato della potente energia che vi si accumula.

A questo punto, mediante una corretta disciplina, sarà possibile immagazzinare questa energia vitale e sospingerla in ogni parte del corpo, dalla mente alla punta delle dita o al centro delle piante dei piedi (conosciute ai taoisti come le “cavità della sorgente rigogliosa”) e di nuovo indietro sino al “mare del respiro”. Il ciclo ricorrente di questo flusso di energia vitale attraverso il corpo è di enorme valore per il conseguimento degli obiettivi di salute e longevità.

Dirigere il respiro
Il flusso del respiro viene guidato nel corpo, iniziando con una respirazione lenta o veloce, e concentrandosi poi sul processo di inspirazione e di espirazione. Il controllo non è mai forzato: è l’intenzione che avvia il movimento e la respirazione si fa naturale. Il metodo iniziale consiste nel divenire consapevoli della respirazione contando il numero di inspirazioni e di espirazioni mentre il processo è in atto. In genere si ricorre a questa tecnica per arrestare il flusso selvaggio dei pensieri o per allontanare la mente dagli avvenimenti dalla realtà esterna.

La forma più perfezionata di controllo del respiro è lasciare che l’intenzione guidi la respirazione, metodo conosciuto come tao-yin (letteralmente guidare e dirigere). Quando la mente è svuotata dai pensieri, la vera intenzione emerge. Una volta che l’intenzione si è raggiunta, il controllo cosciente scompare e il movimento della respirazione segue i canali aperti del sistema circolatorio e scorre naturalmente nel corpo.

Fonte: http://www.benessere.com/fitness_e_sport/sport/respirazione_yoga.htm

Gli esercizi per vincere insonnia, mal d'auto, indolenzimenti, stress e tensioni muscolari

LA RESPIRAZIONE ORIENTALE: UNIRE L’INTENZIONE AL RESPIRO ultima modifica: 2009-09-10T14:10:00+00:00 da xxo
About the Author