La Russia diventa una superpotenza nelle nanotecnologie

Il Giornale Online

La Russia ha chance perfette per divenire una potenza nel campo delle nanotecnologie. Quello che ci serve è rendere interdisciplinari la scienza e l'educazione Russa.
Si è svolta una tavola rotonda a S.Pietroburgo nel forum internazionale “Scienza e Società”, in cui gli scienziati hanno discusso lo sviluppo nelle nanotecnologie.

Otto premi Nobel, provenienti da Russia, Germania, USA e Francia e altri importanti scienziati da varie università e centri di ricerca del CIS, hanno partecipato all'incontro. Si è portata molta attenzione al “sistema innovativo per l'addestramento dei professionisti nei campi dei materiali e delle nanotecnologie” in Russia.

Grandi istituzioni di ricerca e scientifiche e compagnie produttrici del nostro paese verranno equipaggiate con strutture ad alta tecnologia, che ospiteranno oltre 4500 nuovi impiegati.
Le autorità Russe pianificano di aprire 39 centri regionali educativi sulla base di istituzioni educative famose.

Il Premio Nobel Zhores Alferov ha suggerito di passare da un programma di Laurea di 3 anni ad uno di quattro, dato che le nanotecnologie richiedono l'addestramento nelle scienze fondamentali, come fisica, biologia, chimica e scienza dei materiali. Un ulteriore anno serve ad approfondire il campo delle nanotecnologie per i giovani professionisti.

Tale addestramento dovrebbe iniziare nelle scuole primarie, continuare nelle secondarie e nelle superiori, per arrivare infine al programma di Laurea. Tutto questo può essere fornito in speciali nanocentri in grandi istituti accademici o grandi istituzioni per l'educazione.

Il Rettore dell'Università di Stato di Mosca considera la sua istituzione un posto perfetto per stabilizzare un nanocentro nel centro di Russia. Altro luogo per tale scopo potrebbe essere l'Istituto Kurchatov di Fisica Nucleare. Il Nord del nostro paese può ospitare un nanocentro sulla base del centro educativo di S.Pietroburgo, in fisica e tecnologia e di alcune facoltà del Politecnico.

Anche la Siberia è un luogo potenzialmente adatto per simili progetti educativi in Novosibirsk, Yekaterinburg, Irkutsk e nel Lontato Est.
Le autorità Russe hanno calcolato una produzione media di un impiegato di S.Pietroburgo, 12-15000$, di diverse volte inferriore ad un lavoratore Occidentale, circa 90000$.
Gli impiegati in Russia nel campo dell'innovazione e della tecnologia, guadagnano 30000$ all'anno.
Nonostante tali differenze nella produzione media, gli ingegneri Russi hanno usato le nanotecnologie per creare efficientissimi LED, per rimpiazzare le costose lampade elettriche; nuovi tipi di materiali compositi con certe proprietà e molto altro.

Le innovazioni nelle nanobiotecnologie hanno permesso di dare inizio alla produzione di agenti antisettici e anti-tumorali e sistemi di diagnosi. I medici Russi hanno anche sviluppato terapie sostitutive di successo, basate sulle tecnologie a celle.

Oggi molti centri scientifici in Russia lavorano sulle nanotecnologie. Questo significa che la scienza di casa si sta trasformando da interdisciplinare a quasi-specializzata. I fisici, biologi, medici e gli scienziati nel campo dei materiali o altri ancora, continuano a lavorare a ritmo globale, che è essenziale per continuare la via verso grandi livelli nelle nanotecnologie.

Kizilova Anna

Fonte: http://nkj.ru/news/13882/ , http://www.russia-ic.com/education_science/science/breakthrough/777/

La Russia diventa una superpotenza nelle nanotecnologie ultima modifica: 2008-12-18T21:54:07+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)