La sorprendente Aurora "Whirpool"

di Roberto Baldini

Il 14-15 febbraio, sul cielo artico è apparsa in modo inatteso una aurora che gli osservatori “veterani” hanno dichiarato essere tra le migliori di questi mesi.
Al culmine della sua manifestazione, un satellite del US Defense Meteorological Program ha fotografato un vortice di “Northern Lights” sul Mare di Bering.
“Un certo numero di immagini http://spaceweather.com/submissions/large_image_popup.php?image_name=Paul-McCrone-DMSP-F18-FClr-Day-Fog-Stratus-Full-150744Z-FEB-12_1329341530.jpg dal satellite DMSP F18 ha catturato l'evento aurorale delle ultime notti”, dice l'analista Paul McCrone, che ha elaborato i dati presso la US Navy Fleet Numerical Meteorology and Oceanographic Center di Monterey, CA. Il motivo di questa improvvisa e inaspettata aurora non è ancora completamente chiaro. E 'iniziato il 14 febbraio quando la perturbazione magnetica si è “increspata” attorno al polo nord. Non erano stati registrati arrivi di CME in modo evidente nei dati del vento solare pervenuti. Una volta iniziato, lo spettacolo è stato amplificato dalle azioni del campo magnetico interplanetario (IMF).

Fonte: http://antaresnotizie.blogspot.com/2012/02/whirpool-aurora-da-satellite.html

La sorprendente Aurora "Whirpool" ultima modifica: 2012-02-17T15:19:31+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)