La Struttura ondulatoria della materia

Il Giornale Online L'Interconnessione dell'Essere – La Responsabilità a spettro completo. Superare il dualismo accettato da tempo immemore con le sue antagoniste implicazioni fatali per la storia

È sempre più utile riconoscere la nostra comune identità umana
che non sopravvalutare alcune differenze
o addirittura fantasticare sull'alterità
alimentando così la xenofobia ed il razzismo

Sintesi delle idee d'avanguardia di Milo Wolff (1) presentate nel suo libro Schrödinger's Universe – Einstein, Waves & the Origin of the Natural Laws, Technotran-Press 2008 (http://quantummatter.com) con domande, commenti e prospettive sulle implicazioni riguardanti il concetto che l'essere umano ha di sé e relative conseguenze.

di Wolfgang Fischer

Traduzione dall'inglese a cura di Claudia Biacchi Translations for Progress http://www.translationsforprogress.org/main.php

Milo Wolff, che nacque nel 1923, è un ricercatore di astronomia ed è stato professore di fisica. Ha lavorato per il MIT, la NASA e le Nazioni Unite. Le sue scoperte respingono la teoria del Big Bang e dello zoo di particelle della fisica tradizionale. Le conclusioni a cui è giunto contribuiscono a gettare le basi per una visione del mondo autentica, e io qui cercherò di mostrare perché al tempo stesso esse corroborano le intenzioni di salvaguardare la vita da parte del Movimento Globale, a differenza di quelle forze politiche che persistono nel portare avanti l'attuale cultura del nichilismo, ampiamente conosciuta come Globalizzazione delle multinazionali.

“La nozione che tutti questi frammenti esistano separatamente gli uni dagli altri è ovviamente un'illusione, e una tale illusione non può far altro che portare ad un conflitto senza fine ed alla confusione. Infatti, il tentativo di vivere secondo la nozione che i frammenti siano realmente separati gli uni dagli altri è, in sostanza, ciò che ha condotto ad una serie crescente di crisi estremamente urgenti, che oggi ci troviamo ad affrontare. Così, come è ormai ben noto, questo stile di vita ha determinato l'inquinamento, la distruzione dell'equilibrio naturale, la sovrappopolazione, il disordine economico e politico a livello mondiale e la creazione di un ambiente che nel complesso non è salutare né mentalmente né fisicamente per la maggior parte delle persone che vivono in esso. A livello individuale, si è sviluppato un sentimento diffuso di impotenza e di disperazione, di fronte a quella che sembra essere una massa schiacciante di forze sociali disparate, che oltrepassa il controllo e addirittura la comprensione degli esseri umani che sono coinvolti in essa.”
(David Bohm, Wholeness and the Implicate Order, 1980)

Nel settembre del 2008 l'amministrazione statunitense ha disposto una spesa di più di 1.000 miliardi di dollari con il denaro dei contribuenti americani per stabilizzare il declino dell'ipocrita sistema finanziario, indotto da avventurieri e predoni assetati di denaro. Esattamente come il settore finanziario, anche molti altri settori che dirigono delle società si sono trasferiti da tempo nel regno della psichiatria: quelli “in carica” hanno perso la (sana) ragione. Oltre all'amministrazione statunitense, entro ottobre 2008 anche l'Unione Europea e la Germania, invece di pensare ad un cambiamento di questo sistema fallimentare, sono pronte a continuare a pompare somme sempre più alte di denaro pubblico in un sistema che da migliaia di anni indebolisce la sana gestione di bilanci impegnati a sostegno dell'interconnessione planetaria.
Il sistema capitalista, inteso come il frutto più recente e bellicoso dei sistemi patriarcali, utilizza il denaro in modo tale che esso garantisca dei profitti a qualunque costo. I bisogni generali del pubblico globale interessano a malapena, né si tiene conto dell'integrità della natura. Di conseguenza, troppe persone hanno perso l'orientamento che le salvaguardava, altrimenti si opporrebbero e cambierebbero queste situazioni così anomale e dannose. Situazioni che si presentano inevitabilmente ogni volta che si perde di vista il benessere generale, a favore di interessi secondari, esclusivi, egoistici e parziali. Non c'è da stupirsi del calo che ne è seguito, non è per nulla accidentale. È solo la reale conseguenza del difetto strutturale dei sistemi dominanti, in cui le persone sono soggiogate, alienate e condizionate dalla religione e dalla cultura, a sostegno di schemi sistemici, come ad es. il consumismo. In questo modo la gente viene indotta ad agire contro se stessa, contro la natura e contro le leggi cosmiche.

Ecco perché il lavoro dei pionieri dell'umanità come quello di Wolff e di altri è estremamente necessario, al fine di creare occasioni per un generale riorientamento sulla realtà così come è stata sviluppata dalla storia, sulla realtà così com'è. Una volta affrontata questa realtà, possiamo recuperare la possibilità di riparare e di aggiustare ciò che è uscito dagli equilibri creativi. Abbiamo bisogno di diffondere il coraggio di credere nelle potenzialità di umanità che sono insite in noi e che possiamo usare a beneficio della vita globale. Essere all'altezza di questa prospettiva lascerà in eredità, nella migliore delle ipotesi, sicurezza, felicità e prosperità. La prova di questa universale regolarità fa parte del contributo di Milo Wolff all'umanità.

“Ad ogni bivio sulla strada che porta al futuro, ogni spirito progressista viene osteggiato da un migliaio di uomini designati a custodire il passato.”
(Conte Maeterlinck, Premio Nobel di Letteratura nel 1911)

L'autore usa un linguaggio semplice in modo consapevole, per far sì che il lettore profano possa cogliere ogni dettaglio sulla visione autentica dell'universo, dell'essenza dell'esistenza e del genere umano. Wolff fa riferimento ad una selezione di scienziati come William Clifford (1845-1879), Erwin Schrödinger (1887-1961), Albert Einstein (1879-1955), Paul Dirac (1902-1984), Geoff Haselhurst (1960-), che sostengono la sua interpretazione. La visione presentata è in linea con l'umile tradizione di altri Grandi Spiriti della perenne Saggezza Indigena del nostro pianeta.
Essendo l'intero universo infinito, noi siamo solo in grado di esplorare quella parte di esso che possiamo sperimentare: l'Universo di Hubble. Tuttavia, possiamo immaginare che lo spazio sia un mezzo continuo e che quindi, ovunque ed in qualsiasi momento, ospiti un carattere identico, identiche qualità, regolarità e leggi (molto probabilmente anche al di là di quelle sfere che si possono osservare fisicamente).

“Un pioniere lo riconosci sempre dalle frecce che si porta sulle spalle”
(Anonimo)

Verso la Diversità, partendo dall'Unità dovuta all'Unione inerente e creativa della Dualità

Secondo l'esplorazione e l'ispirazione scientifica d'avanguardia di Wolff, la Struttura ondulatoria della materia (The Wave Structure of Matter [WSM]) è caratterizzata da tre principi.

Contrariamente al modello standard di spazio, diviso fra entità/corpi separati di materiale discreto e spazio vuoto, Wolff suggerisce una Continuità dello spazio, che consiste in un mezzo quantico ondulatorio che attraversa tutto l'universo. (2) Le onde stazionarie, sferiche e scalari ed i loro rispettivi centri costituiscono le 'particelle' di base, e la loro struttura determina le regole di comportamento delle 'particelle' (I Principio).

Le onde uscenti da tutti i centri esistenti influenzano e formano congiuntamente l'onda entrante, che si muove verso qualsiasi singolo centro specifico. Così, ogni 'particella' è di fatto il centro del proprio 'universo' in un universo infinito. In questo modo, tutto nello Spazio è interconnesso, ciascuna parte è in grado di comunicare con le altre, può scambiare informazioni/energia con le altre. La tessitura/matrice dei centri d'onda congiunti, il modo in cui si uniscono o non lo fanno e la quantità di numeri che si sommano tra di loro determinano la Densità dello spazio, ciò che noi comunemente percepiamo come un diverso tipo di materia (le “Schaumkronen” di Schrödinger, letteralmente “creste di schiuma”).

Inoltre, la densità determina la Gravità. La densità del mezzo dello spazio è proporzionale alla somma delle intensità delle onde di tutta la materia (propriamente: di tutti i centri d'onda) nell'universo. (II Principio). Le “Schaumkronen” di Schrödinger all'interno dell'oceano dell'esistenza tendono a diminuire le loro altezze; in qualunque punto dello spazio le onde tendono a regolarsi su un'ampiezza minima: lo si può sperimentare ovunque all'interno del mondo non-animato (III Principio, Minimum Amplitude Principle [MAP], cioè principio di ampiezza minima o entropia).

La Mutua causalità (Feed-back o retroazione) – La WSM è l'espressione di uno scambio di informazione bidirezionale

I Cambiamenti di fase nei rispettivi centri d'onda, causati da una proprietà geometrica dello spazio tridimensionale, eseguono una 'rotazione sferica' di 720°, e in questo modo producono uno spin su un lato o sull'altro, il che permette ancora una volta un Movimento ed una struttura circolari e/o a spirale.


onda entrante (glafreniere.com)


+ onda uscente (glafreniere.com)


= onda stazionaria (glafreniere.com)

Se osserviamo l'Ampiezza delle onde e poi la Frequenza, potremo riscontrare un relativo Movimento di qualsiasi centro d'onda, se il centro è in movimento. Le dinamiche individuali, di conseguenza, hanno un impatto ed un'influenza sull'intero universo. Tutte le apparenze, dal Microcosmo al Macrocosmo, si adattano perfettamente alla Tessitura di regolarità data dalle armoniche. La Matrice dinamica delle armoniche incarna la sovrastruttura della WSM. L'ordine armonico e coerente dello spazio viene realizzato costantemente dalle interferenze risonanti e consonanti all'interno della WSM. D'altra parte, l'assenza di Risonanza o addirittura la Dissonanza realizzano il III Principio = Entropia. (È possibile vedere ulteriori diagrammi sulle onde qui http://www.spaceandmotion.com/science-physics-wsm-wave-diagrams.htm).

E se ora parlassimo del mondo animato? Della Vita?

Essendo composta di elementi non animati all'interno dello spazio, la Struttura ondulatoria della materia si comporta in maniera diversa nel regno della Vita. Apparentemente il mondo animato si evolve in modo contrario al III Principio della WSM, cioè in modo contrario all'entropia. Questo paradosso ben si adatta all'enigmatica proprietà di retroazione (feed-back) dello spazio quantico. Forse questi sono i due misteri rimasti dell'Universo. Ovviamente, la Proprietà di retroazione dello spazio quantico e la Vita sono collegate, in quanto all'universo piacciono risposte ed analogie semplici.

La Vita si evolve partendo da unità piccole e compatibili, per arrivare a varietà altamente differenziate ed in costante accrescimento all'interno di una diversità coerente che, per sua natura, rimane interconnessa con l'intero universo. Grazie all'inerenza della sua dinamica e della sua organizzazione, la vita sulla terra rappresenta un miracolo che, quando ha il permesso di muoversi senza restrizioni, è in grado di aumentare il grado di ordine sul nostro pianeta a beneficio di tutti noi. L'aumento di ordine nella vita, però, non è libero. Da qualche altra parte dell'universo vi è una perdita di energia/entropia che sostiene lo sviluppo della vita. In poche parole, ogni forma di vita deve “mangiare”. Quelle forme di vita che hanno delle opzioni dovrebbero “mangiare” soltanto ciò che è salutare per loro e per l'ambiente, altrimenti dovranno affrontare conseguenze con una lezione da imparare.

Perseguire una politica di compatibilità ecologica e di giustizia sociale: anche i sistemi creati dall'uomo possono lavorare in modo flessibile e favorire la minimizzazione dell'entropia, in modo da preservare, anziché distruggere. Così, il nostro lavoro, grazie al costante miglioramento del pensiero e dei sentimenti, contribuirà a mantenere il mondo come un paradiso di pace, incastonato in una Natura che lo nutrirà sempre. Per la sopravvivenza della specie, l'uomo deve adottare la propria sede permanente nel concerto evolutivo. Il motivo principale della sinfonia della vita si ritrova notoriamente nel tema di ogni singolo gruppo di strumenti. Le innumerevoli variazioni di un motivo creativo ispirano solisti magistrali, anche fra il pubblico, a partecipare con ancora maggiore diletto. Una conseguenza di questa gioia orgiastica è la formazione sempre più numerosa ed organizzata di un'orchestra la cui esecuzione armoniosa ed estatica assicura la continuità dell'esistenza e della solidarietà di tutto il pubblico presente al concerto.

Diventare membri sostenitori della casa dell'evoluzione

Aristotele distingueva tra oikonomia e crematistica, quest'ultima in grado, secondo lui, di trasformare l'economia domestica organica e sociale, che si adopera in modo esclusivo per la sussistenza, in un congegno atto a fare profitti alle spese del bene comune; per la storia della civiltà è diventato l'ordine prevalente del mondo, con effetti e conseguenze infelici.
Perciò, sostenendo la prima e cercando di capire il miracolo della vita, la OIKONOMIA e l'autosostegno, ci chiediamo: da dove proviene questo ordine animato, questa energia creativa, questa vita che dà informazioni? Qual è la sua essenza?

Quando si osserva la Natura, la Luce del Sole sembra chiaramente svolgere un ruolo predominante nella risposta a queste domande. Il Ritmo della Luna si trova ad essere copiato in una varietà di ritmi biologici. Fin dall'antichità l'uomo aveva notato che la modulazione dei ritmi del Sole e della Luna, influenzati da certe costellazioni di stelle (come ad es. lo zodiaco), e la loro ripetizione periodica o anno platonico esercitavano un forte impatto sulla sua vita, le sue relazioni e il suo destino.
Sono solo speculazioni? Come possono le onde elettromagnetiche di luce interferire con le onde scalari della WSM? Come possono influenzare la mente, la mentalità e la coscienza? Come possono determinare la Vita stessa?
Per rispondere a queste domande, vorrei condividere la mia visione basata sull'esperienza, lasciando che siate voi stessi a giudicare. Magari troveremo qualche indizio utile a comprendere la misteriosa evoluzione della vita.


Sphere Eversion – oscillating the whole universe

«La vita si presenta come l'eco (Risonanza) di una oscillazione generata dall'universo. Mediante la meditazione od altri metodi introspettivi, questa oscillazione può essere sperimentata da ciascuno di noi come luce con un'armonia propria, cioè come energia. (4) Possiamo immaginarla come una forza organizzatrice, che 'piove' sulla terra da secoli. Questa oscillazione si forma (si modula), tra l'altro, mediante il ciclo dell'anno platonico, il ciclo planetario e quello lunare. Ad un certo momento, la materia (dal latino: mater, madre) inizia a rispondere in maniera animata ed in accordo con l'oscillazione. In relazione alla vita cosmica, che stimola l'oscillazione dell'informazione vivente, si sviluppa sulla terra un “ordine” coerente, che regola ogni cosa: dal ritmo del giorno e della notte, passando per le maree degli oceani, fino al vento ed al tempo atmosferico. È l'interconnessione di tutto l'essere.

La vita si sviluppa. All'inizio in strutture molto semplici, ma poi esse si sviluppano fino a diventare connessioni sommamente complesse, caratterizzate dal fatto che sono tutte interconnesse tramite rapporti reciproci e si influenzano a vicenda, retroagendo fino al membro più piccolo, fino all'origine di tutta la vita. Esse non sono soggette ad alcuna restrizione spaziale né temporale. L'effetto è diretto e simultaneo. La sostanza alla base della vita contiene nella sua regolarità tutte le informazioni dall'inizio ad oggi e, attraverso un obbligo inerente all'armonia, essa specifica anche il valore e la qualità della vita futura. La coincidenza e l'accidente genetico come motori esclusivi dell'evoluzione non hanno senso e non sono sufficienti. Il modello di oscillazione della vita, con la sua lotta per l'accordo e l'armonia, traccia l'evoluzione come uno sviluppo organizzato, che tende alla moltiplicazione delle differenze come meta di una rivelazione (manifestazione) di vita, la quale si fa sempre più complessa e diversificata.

In principio si tratta di “atomi” o, detto in modo più specifico, secondo la definizione di Milo Wolff: Strutture ondulatorie sferiche e stazionarie di materia elementare nello spazio; esse si raggruppano a formare delle molecole, in accordo con le leggi cosmiche di organizzazione inerente, dopodiché attraverso molte tappe si sviluppa la sostanza genetica di base (oggi nota come l'RNA o il DNA dei cromosomi). Conosciamo anche lo sviluppo successivo degli organismi unicellulari, delle piante e degli animali fino agli esseri umani. Nella linea di sviluppo possiamo vedere l'emergenza di specie completamente diverse come fenomeni di risonanza alla originale oscillazione di energia vitale, in accordo con le oscillazioni di energia vitale di tutti gli organismi. Possiamo stabilire come meta un aumento di indipendenza, di possibilità e di abilità, per le quali questi organismi subordinano se stessi di nuovo al tutto, in modo tale da permettere l'emergere di una maggiore qualità della vita.» (citazione tratta da DECLARATION OF A FRIENDLY WORLD http://emanzipationhumanum.de/english/human/credo.html)

La Responsabilità – L'analogia umana alla Mutua causalità nella WSM/nello Spazio

Citando Milo Wolff con l'aggiunta di spiegazioni fra parentesi quadre, otteniamo: «l'aspetto più sconcertante dello spazio è la propria retroazione [che è conseguenza, è un tipo di responsabilità, un'azione che ne causa un'altra e di conseguenza causa una “risposta”] in modo tale che la densità dello spazio determina la forma della materia (centri d'onda) e, inversamente, ogni centro d'onda (materia) contribuisce alla densità dello spazio nell'universo. Se vi è un Dio, è questo.»
È curioso notare che la “densità” sia una qualità, perciò potremmo estrapolare e dire che la qualità dello spazio determina la forma della materia (centri d'onda) e, per converso, ogni centro d'onda (materia) contribuisce alla QUALITÀ della densità dello spazio nell'universo. Anche il suo carattere?

“Lo spazio indica alle onde come comportarsi e le onde dicono allo spazio quello che è”
Milo Wolff

In merito alla Vita Umana possiamo dire: l'aspetto più sconcertante della vita umana è la sua retroazione, la sua conseguente, inevitabile e totale Responsabilità. (5)

Siccome questo meccanismo di retroazione è nascosto dietro velocità di trasferimento molto diverse, gli effetti possono non essere percepiti immediatamente, ma possono presentarsi molti decenni più tardi. Ecco perché le persone cercano sempre di sfuggire alla Responsabilità e creano dei Capri Espiatori. Da un punto di vista biblico conosciamo l'espressione: “destino di sette generazioni”. (Fu Carl Gustav Jung a sottolineare che si dovrebbe parlare di FATTO (in tedesco: Machsal = farsi da soli) piuttosto che di FATO (in tedesco: Schicksal = essere inviati)).

La velocità di trasferimento dipende dal contesto. Il dolore del martello che cade sul mio dito è istantaneo. Le cause multiple del cancro necessitano di un tempo maggiore (e la “zona tampone tra inertanza ed indolenza” è ancora più larga) perché emergano gli effetti, e passa ancora più tempo prima che le persone siano pronte a riconoscere queste interrelazioni fatali e ad accettare la loro responsabilità a livello individuale e sociale. Lo stesso vale per i problemi climatici che dobbiamo affrontare, oltre ad altre questioni. Un tempo le persone potevano abbandonare “le aree problematiche” per trasferirsi in territori sconosciuti ed “immacolati”.

Agendo in quel modo immaturo, evitavano di affrontare i problemi del territorio di origine e creavano un maggior numero di problemi nei luoghi in cui si recavano. Così, la civilizzazione e la colonizzazione incrementarono i loro molteplici effetti devastanti sulla natura, sui popoli e sulle culture. Solo ora cominciamo a capire che viviamo in un villaggio globale, e ci rendiamo conto che non possiamo più sfuggire alle conseguenze delle malefatte individuali e sociali. Umanità significa maturare e migliorare il modo di vivere insieme e sentire il dovere e la responsabilità di riparare ciò che è stato diviso, separato e distrutto in precedenza, altrimenti gli esseri umani si estingueranno come mera conseguenza del loro fallimento collettivo. (6)

L'interconnessione del tutto (materia), dovuta alla Struttura ondulatoria della materia, è il mezzo per creare un tipo di vita benevola e responsabile nell'Universo. È più che ovvio che, a livello collettivo, non ci stiamo ancora comportando come 'l'apice della creazione'. Dobbiamo considerare le attuali forme umane di organizzazione sociale sulla Terra come dei progenitori primitivi. Ma noi abbiamo la possibilità di maturare, imparando a comportarci e ad organizzarci come i guardiani ed i protettori di ciò che è e ciò che sarà.

Siccome non possiamo permetterci di aspettare che passino altre mille generazioni di esseri umani per far evolvere il meglio di noi, per fortuna ci sono due modi per accelerare questo processo:

a) creare/lasciar emergere con fiducia dei sistemi di culture o società che alimentino il processo cognitivo umano e seguano gli insegnamenti appresi, senza predicare dei dogmi pur facendo ipocritamente il contrario.

b) aver fiducia nelle forze di risonanza e di retroazione, che si applicano anche alle sfere mentali/spirituali della mentalità, della spiritualità e dell'informazione: la noosfera (Pierre Teilhard de Chardin), il campo Akashico della Conoscenza Vedica.

Sappiamo da lungo tempo che c'è una differenza fondamentale tra l'Umanità e la Natura, sebbene l'Umanità sia ovviamente parte della Realtà di Natura. l'Umanità ha delle opzioni che si basano sull'intenzione. l'Umanità è libera di decidere. E grazie a questa innata libertà, tutta l'Umanità, senza eccezione, ha il dovere di Responsabilità per le conseguenze sul loro modo di vivere. La connessione intrinseca ed interdipendente della libertà di decidere, insieme alla responsabilità di queste decisioni e dei loro effetti rappresentano l'identità comune degli esseri umani: il nostro specifico carattere umano. Gli individui e alcune comunità vivono da sempre in accordo con questo standard umano, che venne chiamato biofilia da Erich Fromm (1900-1980).

È ora che la dimensione planetaria adotti anche lo standard umano

La qualità della vita sociale è determinata dalla qualità delle azioni dei singoli membri e dai loro effetti sull'habitat terrestre. Seguendo questa interpretazione, deve essere attuato il principio “la causa paga”, al fine di garantire una responsabilità globale. Attraverso dei processi necessari di retroazione sensibile saggiamente equilibrati, la responsabilità e la maturità umana per il benessere della biosfera riparerà e aggiusterà, cioè renderà giustizia a quegli effetti prodotti dagli esseri umani che disturbano l'equilibrio eco-sociale dello Spazio.

Con gli strumenti mentali della WSM possiamo farcela!

Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono dei coetanei interessati a sostenere un cambiamento a favore della Verità, dell'Emancipazione, della Giustizia Eco-Sociale, di Modi Sostenibili di Essere, di preparare il nostro Destino Creativo rimanendo allineati con ciò che le religioni chiamano Dio e con tutto ciò che sogniamo e meritiamo: una Vita piena per tutti.
Ricordandoci di avere solo questo destino, abbiamo le migliori chance di riuscire a salvare il futuro dell'umanità.

Perché?

La WSM è figlia della ricerca e scienza causale, è reale ed autentica. E spiega come stanno realmente le cose, offrendo così un approccio responsabile e molto sensibile per trattare la realtà creativa nel complesso, a favore di un benessere totale. La gente solleva dei dubbi sull'approccio scientifico che va per la maggiore, con il suo zoo di particelle virtuali, perché è un approccio incompleto, non-olistico, è l'approccio che divide e separa, l'approccio che non avanza attraverso l'ispirazione e la responsabilità, ma tramite il denaro e l'avidità di supremazia, l'approccio che, a causa dei suoi sviluppi esponenziali, tende a sfuggire al controllo, perdendo la visione e la prospettiva del tutto, e perciò non crea un senso, ma piuttosto il nonsenso e il declino.

Il quadro mentale della WSM offre un orientamento più chiaro all'interno della Realtà dell'Essere.
In questo modo la Spiritualità può maturare ed assumere le proprie capacità di guida a beneficio del Benessere Globale

– Questo accade quando la spiritualità scava nelle profondità dell'essere, nelle relazioni perenni della vita, nell'essenza cosmica. Questo è tutto tranne che metafisico, è realtà pura. Ed interferisce. Non è al servizio di nessuna istituzione, nessuna chiesa, nessun partito, nessun gruppo elitista. È soltanto al servizio della comprensione e dell'unione di tutte le creature della terra, e lo fa in maniera egualitaria.

– Il compito di questa spiritualità secolare è la riforma delle nostre fondamenta mentali. È facilitare la trasparenza ed incoraggiare le persone a trascendere i limiti con la loro testa; invece esse sono state educate ai fini allettanti di interessi secondari. Intese nella loro totalità, la spiritualità e la religiosità secolari (parallelamente ad una percezione olistica ed autentica della realtà) creano un sano senso comune ed aiutano a cambiare ed a regolare quelle impostazioni mentali che ci impediscono tutt'ora di reagire a pieno titolo agli effetti locali dell'ingiustizia e della miseria globali.

– Vista da questa prospettiva, la spiritualità non è altro che un perfetto dispiegamento della capacità mentale di acquisire la consapevolezza dell'interconnessione di tutto l'essere. In questo contesto, la religione è l'espressione del nostro continuo tentativo di comprendere l'origine della vita. È il tentativo umano di capire la vita in tutte le sue relazioni e di dare vita ad una prospettiva. La religione fa parte del nostro continuo tentativo di identificarci con l'esistenza nella sua totalità.

Ulteriori implicazioni con effetti incoraggianti sulla fiducia e sull'equanimità

Un sano e fertile flusso di informazioni tra il corpo e la mente presuppone una retroazione viva ed ininterrotta, all'interno degli emisferi cerebrali, di esperienze corporee ed emotive interagenti con i sistemi endocrini e periferici.

Per dirigerci verso una pratica spirituale ed una religione naturale della vita, le nostre riflessioni devono includere l'aspetto olistico della vita sulla terra e devono dare la priorità, al di là delle preoccupazioni umane, alle esigenze biologiche di una Natura sana.

Una spiritualità in sintonia con la Natura è contrassegnata dalla realtà della vita registrata nelle strutture del sistema nervoso centrale in modo completo e senza mistificazioni.

Le sfere fisiche e psicologiche possono essere trascese in alcuni stati di meditazione e di trance, in cui si può percepire a livello individuale la risonanza con la vita in quanto tale.

Per molti indigeni questa unione rappresenta da sempre un sapere comune ed è data per scontata; solo l'uomo bianco si fa avanti per accusarli di barbarie e per abusare di essi per i propri fini.

Attraverso gli stati di trance, la vita è vista in un contesto universale, come una UNIONE del TUTTO, che non potrà mai essere colta unicamente attraverso l'intelletto.
Libera dal dominio e dalla violenza, l'interazione anarchica dell'individuo con l'universo dà origine ad un autentico flusso di idee (l'intelligenza emotiva) che permette la manifestazione dell'evoluzione continua.
Un esempio biologico della creatività profonda degli stati di trance è l'unione sessuale quando si realizza con amore cosciente ed in modo tranquillo, molto al di là della mera soddisfazione fisica.

Epilogo:

Il raggiungimento della natura umana – Vivere in funzione di essa

La Rivoluzione degli Umili si lascerà alle spalle dei modelli di comportamento legati alla vita patriarcale. I pacifici sono stati (e sempre saranno) annientati dai violenti. La soluzione non è che i pacifici debbano diventare altrettanto violenti. La soluzione è lasciare che i violenti sperimentino la gratificante dolcezza della serenità. Gli Umili daranno prova dell'estensione dell'intelligenza emotiva necessaria per allinearsi deliberatamente con l'universo, per vivere in risposta coerente con esso, per vivere in maniera responsabile, come richiedono in modo preciso i processi retroattivi dello Spazio, i quali garantiscono in maniera inerente una totale armonia…….

vedi: Vie d'uscita dalla miseria, la decadenza e la disperazione http://emanzipationhumanum.de/umanizzazione.html

Note a piè di pagina

1) Trasgredire è difficile: sfortunatamente, coloro che cercano un cambiamento o una trasformazione importante al giorno d'oggi sono addirittura considerati e trattati come “terroristi”. La teoria di Popper della correzione dell'errore si può comunque applicare soltanto quando il cambiamento è possibile e lo si desidera con coraggio. “Il sistema immanente di correzione dell'errore postulato da Popper condurrà verso l'evoluzione sociale e un mondo migliore per tutti soltanto dove una possibile comprensione non verrà bloccata dal desiderio smodato per il profitto o per il potere e dove lo status quo potrà davvero essere rimesso in questione.

I pesi e contrappesi relativi al sistema di governo hanno qualche difficoltà di fronte alle potenzialità dell'umanità, che si è evoluta in modo naturale e che ci dà la libertà di scegliere se vedere o meno. Ciò avviene perché i sistemi di correzione funzionano solo a condizione che le antenne non vengano manipolate o scollegate, i sensi non vengano offuscati, storditi o comunque confusi in un modo o nell'altro.
Questo è il punto esatto da cui dobbiamo partire, perché nella nostra attuale società, preparata alla violenza e dominata dall'ideologia neo-liberale capitalista, il nostro centro di integrazione sensoriale è certamente in delirio, se non addirittura completamente scollegato. I correttivi automatici costruiti all'interno del sistema hanno fallito: sebbene il danno causato dal sistema economico globale diretto dall'OMC (l'Organizzazione Mondiale del Commercio) sia evidente e palpabile, restiamo paralizzati come il coniglio ipnotizzato dal serpente, senza utilizzare i nostri strumenti per una gestione economica potenzialmente alternativa.

Se le nostre società fossero davvero delle democrazie aperte e libere, fornirebbero costantemente potenzialità alternative per compensare qualsiasi tendenza che cominciasse a diventare pericolosa. Eppure il sistema, organizzato in stile totalitario affinché gli interessi di una minoranza annullino quelli della popolazione generale, è rigido e mortifero. Previene qualsiasi sviluppo sociale positivo, che va nella direzione di un mondo migliore per tutti. L'uso corrente della violenza assicura lo sfruttamento di risorse per molte generazioni a venire, mentre la manipolazione mentale attraverso media compiacenti sta impedendo il riconoscimento generale di questi ed altri pericoli e quindi di qualsiasi resistenza diffusa, che potrebbe costituire l'inizio di un correttivo davvero necessario.” (citato da: Nature and Civilisation, A Life -Threatening Conflict and the Way of Survival, – Alienation of Humanity and Possibilities for Healing – http://emanzipationhumanum.de/english/nature.html )

2) Questa Continuità dello mezzo spaziale raccoglie l'idea generale dell'etere cosmologico dello spazio così come l'idea di energia orgonica di Wilhelm Reich (1897-1957). Puoi trovare una selezione di articoli corrispondenti in Orgone Biophysical Research Lab http://www.orgonelab.org/

3) Il concetto mondiale di Unità nella Diversità, di due elementi apparentemente diversi (Yin e Yang, Yana e Yanan), le cui caratteristiche sono la proporzionalità reciproca e la mutua complementarietà, il concetto globale (PACHA) dell'Unione del Due (Parità), in cui vi sono PAIA di diversi elementi (Yana e Yanan), le cui caratteristiche sono: la relazione nella contraddizione (la proporzionalità reciproca o TINKUY) e l'integrazione reciproca (la complementarietà o YANANTIN). Qhapaq Ñan: The Inka Path of Wisdom http://machaqmara.googlepages.com/javierlajo di Javier Lajo

4) Secondo il filosofo indiano che ora vive nel Regno Unito Sutapas Bhattacharya (The Oneness/Otherness Mystery http://emanzipationhumanum.de/downloads/MysteryOfExistence.pdf), tutta l'idea materialista della scienza moderna può essere integrata nell'immagine più grande, centrale, profonda e trascendentale del misticismo yogico indiano, e cioè nell'idea che l'universo fenomenico si manifesta attraverso delle vibrazioni energetiche che nascono dalla Luce di Pura Coscienza del macrocosmo, dal Fondamento di tutto l'Essere. Bhattacharya identificò l'origine biologica e fisica correlata alla Luce Divina nel Sistema di Attivazione Reticolare (RAS) del cervello.

Cos'è il Sistema di Attivazione Reticolare? La formazione reticolare del tronco encefalico (bRF) proietta gli assoni verso tutti i centri del cervello e si accende continuamente, attivando il cervello. La definizione tecnica di morte cerebrale è la cessazione del Sistema di Attivazione Reticolare. Le onde cerebrali generate da questo sistema sono alla base di tutte le restanti attività delle onde cerebrali, che continuano anche durante un sonno senza sogni e cessano solo alla morte. La medicina moderna distingue tra l'Attivazione (Arousal) della Coscienza (dovuta all'attività del RAS) e i Contenuti, che la medicina suppone che nascano nella corteccia cerebrale.

Facendo un elettroencefalogramma in stato di trance, l'unica cosa che si riscontra in tutto il cuoio capelluto è uno stato coerente di Ritmo Alfa. Questo ritmo alfa coerente compare anche durante il coma e negli stati di pre-morte. Non è una cosa sorprendente, in quanto da tempo il Buddhismo indiano considera il Nirvana come qualcosa di leggermente diverso dalla Morte. L'Illuminazione viene associata da tempo alla Morte. È la morte della supremazia dei dogmi religiosi od ideologici e di altri falsi pensieri, a favore dei poteri di guarigione della Realtà coerente e della Vita Autentica. Negli stati di Pre-Morte e di Illuminazione prossimi all'Unione Mistica, tutto il cervello si spegnerà, facendo posto solamente all'attività soggiacente del RAS. Perciò, mentre gli elettrodi sul cuoio capelluto misureranno le onde cerebrali provenienti da quest'unica fonte soggiacente, tanto la lettura quanto la percezione interiore dell'individuo illuminato saranno coerenti.

Queste correlazioni e l'autoregolazione genetica, neuronale e mentale di tutti gli organismi, compreso l'essere umano, costituiscono lo studio dettagliato e fondamentale del neurologo russo Ivan Petrovich Pavlov (1849-1936); tutto ciò fu provato dal neurologo e ricercatore sull'Ipnosi ungherese Franz Andreas Völgyesi (-1967). Entrambi gli scienziati riportano dettagliatamente le potenzialità mutilanti che, essendo sollecitate dalle informazioni suggestive delle organizzazioni ed istituzioni dominanti, interferiscono con la vita dell'individuo, esercitando così un effetto sulla qualità della vita di tutte le società. Le loro analisi e le loro esperienze rivelano simultaneamente degli approcci verso delle soluzioni, al fine di evitare disfunzioni o disorganizzazione e di avvalersi della possibilità intrinseca di supporto alla vita dell'organismo, per garantire un benessere generale.

La Luce è presente in ognuno di noi in ogni momento. Non c'è bisogno di religioni o di altri insegnamenti puramente razionali, né di un'ulteriore evoluzione del cervello, come suggerito da alcuni seguaci della New Age. Urgente però e necessaria è un'organizzazione sociale globale che – e non mi stanco mai di ripetermelo – sia sempre favorevole ad un autentico processo di apprendimento dei singoli, al fine di sviluppare appieno la sua capacità innata verso le sue potenzialità umane.

5) Questo meccanismo retroattivo della responsabilità è definito più in dettaglio in: Global Responsibility http://emanzipationhumanum.de/english/responsibility.html .. citazione: (…) Tutto in natura, dai processi ciclici, chimici e molecolari, passando per il DNA dei nostri geni fino ai movimenti galattici dell'universo, è governato da leggi identiche. La causa di tutti i movimenti all'interno dell'universo utilizza processi di retroazione (Principio di Risposta = Responsabilità) per sviluppare forme di organizzazione che sono strettamente interconnesse ed allo stesso tempo legate alla loro origine comune (re-ligio). L'universalità complessa e differenziante della vita è basata sui cosiddetti ordini spontanei, nati da fenomeni di risonanza all'interno del sistema di vita.

L'auto-organizzazione, gradi più elevati di ordine e la crescente complessità della vita accadono in contrasto con le avvisaglie di morte, causate dalla legge fisica dell'entropia. Una connessione sincronizzata di tutte le forze con la fonte di energia della luce solare (sinergia dei 'poteri della luce') è la base per l'evoluzione della vita sulla terra, diretta verso una differenziazione sempre maggiore (Principio della Direzione = Giustizia). Attraverso i principi di giustizia in continuo sviluppo e di responsabilità, tutta la vita è interconnessa in un contesto ecologico. Questo significa che il nostro futuro dipende dalla giustizia universale, dalla piena responsabilità e dall'armonizzazione con le leggi sperimentate della vita. (…)

6) Il fallimento collettivo comporta l'ANTHROPOPTOSIS – Universal mechanism of the socially conditioned self-liquidation of humans http://emanzipationhumanum.de/english/human/anthropoptosis.html di S.P. Semenow, V.A. Kasatkin, Saint Petersburg 2007

Siti web sulla WSM:

Geoff Haselhurst http://www.spaceandmotion.com/ – Denys Lépinard http://www.ontostat.com/anglais/index.htm – Gabriel La Frenière http://www.glafreniere.com/matter.htm – Ray Tomes http://ray.tomes.biz/b2/index.php/a/2007/07/24/p158 – Hans Cousto http://www.planetware.de/octave/index.html

Libro attinente alla WSM in tedesco: Hans Cousto, Die kosmische Oktave, Der Weg zum universellen Einklang (The Cosmic Octave, The Path towards Universal Harmony), Synthesis Verlag, 1984

Video sulla WSM:
Ray Tomes' Harmonic Theory – Wave Structure of Matter http://nz.youtube.com/watch?v=8BTcmuGdLCU How to Make a Universe, Parts: http://nz.youtube.com/watch?v=c8Hgaa6wlNs&feature=related http://nz.youtube.com/watch?v=YDN6F6j_rQY&feature=related http://nz.youtube.com/watch?v=h-gWJkyzpyo http://nz.youtube.com/watch?v=K6EUn5PL-KY&feature=related

Milo Wolff intervistato da Geoff Haselhurst http://www.youtube.com/watch?v=Ekp1OKi6e4o

Dedicato a: WUPED, World Unity and Peace Education Department of City Montessori School, Lucknow, India

Fonte: http://emanzipationhumanum.de/wsm_it.html
Vedi: http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_02.htm

La Struttura ondulatoria della materia ultima modifica: 2011-08-24T15:57:46+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)