LE APPARIZIONI MARIANE:un fenomeno che interessa duemila anni di storia cristiana

Il Giornale Online
Le apparizioni della Madonna sono numerose e citate sin dall'antichità. La Chiesa guarda, da sempre, con estrema cautela al fenomeno delle rivelazioni mariane e ai miracoli ad esse connessi. Lourdes – dove Giovanni Paolo II si è recato il 14 e 15 agosto 1983 – è esempio emblematico. Bernardette Soubirous, che tra l'11 febbraio e il 16 luglio 1858 ha diciotto visioni, patisce una vera e propria persecuzione prima d'esser creduta. Il riconoscimento ufficiale arriva nel 1862. Nel 1871 sulla roccia soprastante la grotta di Massabielle si inizia a costruire la prima basilica e nel 1901 viene consacrata la chiesa sotterranea.

Al luogo dove apparve l'Immacolata Concezione accorrono malati da ogni parte del mondo. E le guarigioni dello spirito sono sempre numerose. Quelle fisiche sono state sinora un migliaio, anche se la Chiesa ha riconosciuto appena 64 miracoli. È Vergine dei prodigi anche la Madonna delle Lacrime di Siracusa, dove il Papa si è inginocchiato in preghiera il 5 novembre 1994. Nel 1953, alla fine d'agosto, l'effige in gesso di Maria custodita in una modesta abitazione pianse più volte lacrime vere. Un tempio singolare e realizzato nell'arco di trent'anni – un'ardita struttura conica in cemento alta 75 metri – ricorda l'evento.

Una delle prime apparizioni mariane della storia si ebbe comunque nel 270 quando si ha notizia di un'apparizione della Madonna a Gregorio Taumaturgo. Agli inizi dell'Alto Medioevo risalgono le apparizioni a Teofilo e a Maria egiziaca. Dell'VIII secolo è il cosiddetto miracolo di San Giovanni Damasceno, al quale la Vergine avrebbe restituito la mano tagliata dall'emiro di Damasco. L'apparizione più significativa dell'epoca moderna è quella di Guadalupe, in Messico. Dal 9 al 12 dicembre 1531 una Signora apparve per cinque volte, sulla collina del Tepeyac, a Juan Diego, un indigeno messicano, da poco convertito e battezzato.

Dal XIX secolo si susseguono le apparizioni in Europa. Le tre apparizioni avvenute nel 1830, in rue du Bac a Parigi, a Caterina Labourè, 23 anni, nativa della Borgogna e novizia presso le Figlie della Carità. L'apparizione di La Salette, del 19 settembre 1846, ai due pastori Melania Calvat di 14 anni e Massimino Giraud di 11, riconosciuta ufficialmente il 19 settembre 1851.

Le 18 apparizioni di Lourdes a Bernadette Soubirous, avvenute – come ricordato prima – dall'11 febbraio al 16 luglio 1858. L'apparizione in cielo di Nostra Signora nella Francia invasa dai prussiani, il 17 gennaio 1871.
Le sei apparizioni della Vergine a Fatima, in Portogallo, capitate il 13 di ogni mese (tranne agosto) da maggio ad ottobre del 1917, a tre ragazzi: Lucia Santos, Francesco e Giacinta Marto.
L'ultima apparizione, quella del 13 ottobre, fu caratterizzata dal miracolo del sole che ballava in cielo, che impressionò una folla di 70 mila persone.

L'apparizione di Beauraing, in Belgio: dal 29 novembre 1932 al 3 gennaio 1933, cinque bambini videro 33 volte la Vergine su di una nube bianca. Le apparizioni della Vergine dei poveri alla bambina Mariette Beco, a Banneux: nove, dal 15 gennaio al 2 marzo 1933, riconosciute dalla Chiesa il 22 agosto 1949.

“In duemila anni di cristianesimo si calcola che ci siano state nel mondo circa mille apparizioni della Madonna”, dice padre Mannes Ghizzardi, domenicano, studioso di problemi mariani.

“Il celebre teologo francese René Laurentin, in una sua mastodontica opera, ne sta catalogando addirittura 1800. E la cosa che sorprende e incuriosisce sta nel fatto che quasi la metà di queste apparizioni si siano avute nel Ventesimo secolo. Anzi, dopo la Seconda guerra mondiale, quindi in un tempo molto vicino a noi. Possiamo dire che negli ultimi cinquant'anni si è verificata un'autentica esplosione di apparizioni mariane. E non più limitate all'Europa, come per il passato, ma anche in America, in Africa, nei Paesi dell'Est e perfino in Giappone, in Corea, in India e in Cina”.

Domanda. Quale spiegazione potrebbe avere questa esplosione di soprannaturale?

Risposta. “Gli scettici affermano che nel nostro tempo sono aumentati i mitomani, le persone che si immaginano di avere contatti con l'aldilà. Ma io penso che queste apparizioni potrebbero invece essere un “segno”, un richiamo forte al soprannaturale in una società laicizzata, materialistica e cinica. Comunque, per valutare il fenomeno occorre tempo, vederne gli sviluppi e osservare i frutti spirituali che da esso derivano”.

D. Tra le apparizioni recenti, quali ritiene particolarmente significative?

R. “Molte. Soprattutto alcune che si sono manifestate in Paesi dell'Est quando erano ancora oppressi dai regimi comunisti, come per esempio le apparizioni a Grushew, in Ucraina, che si sono verificate a partire dal 26 aprile 1987, quando l'Ucraina faceva parte dell'Unione Sovietica”.

Il luogo, Grushew o Gruscevo, è un villaggio dell'Ucraina occidentale molto conosciuto dai cattolici ucraini perché in quello stesso posto si erano verificate delle apparizioni della Madonna già nel 1806 e nel 1914. Nel 1914 la Vergine era apparsa a 22 contadini e il Suo messaggio preannunciava tempi dolorosi. La Vergine disse che era imminente lo scoppio di una guerra mondiale, che la Russia sarebbe diventata un Paese senza Dio e che l'Ucraina per otto decenni sarebbe stata privata della propria sovranità e il popolo avrebbe vissuto tra sofferenze e persecuzioni.

Tutte cose che si sono realizzate alla lettera. Sul luogo delle prime apparizioni, quelle del 1806, era stato costruito un piccolo santuario, che poi è stato chiuso dai comunisti nel 1958, diventando una costruzione abbandonata e sconsacrata. La mattina del 26 aprile 1987 una bambina di 12 anni, Marina Kizyn, che abitava a pochi passi dalla chiesetta sconsacrata, uscì di casa per recarsi a scuola. Appena fu in strada, notò una strana luce sulla cupola della vecchia chiesetta. Si fermò a guardare e in mezzo a quella luce vide la figura di una giovane donna con un bimbo in braccio. Spaventata, tornò in casa ad avvertire sua madre Miroslava. La donna corse fuori e vide anche lei l'immagine. Non ebbe dubbi e disse alla figlia: “Inginocchiati e prega: è la Madonna!”.

La notizia si diffuse rapidamente. L'Immagine della Santa Vergine rimase visibile per un mese. Curiosi e pellegrini giunsero da ogni parte. Era il periodo della “perestrojka” di Gorbaciov: autorità, poliziotti, giornalisti, operatori televisivi, nessuno sapeva come comportarsi. Nella confusione tutti cercavano di barcamenarsi con i vecchi sistemi di repressione mescolati con la tolleranza del nuovo corso politico. La polizia, per impedire ai pellegrini di sostare sul posto, innalzava steccati, ma poi lasciava che la gente passasse.

Una fonte governativa affermò che arrivavano in media 45 mila persone al giorno, provenienti anche da molto lontano. La Madonna continuò ad apparire, lasciando numerosi messaggi alla piccola Marina Kizyn. Tra l'altro, nel 1988 disse:

“Sono venuta a confortarvi e a dirvi che le vostre sofferenze presto finiranno. Io vi proteggerò per la gloria e il futuro del regno di Dio sulla Terra, che durerà mille anni”.

L'anno successivo ci fu la caduta del Muro di Berlino seguita da quello dell'Impero sovietico. Padre Mannes ricorda che negli ultimi vent'anni la Madonna è apparsa anche in Libano, nel Burundi, in Egitto, in Corea, in Giappone, in Cina, ad haiti e in vari Paesi africani. Cioè in molti luoghi dove i cattolici sono una minoranza. Ma moltissime sono state anche le apparizioni in Europa e in Italia. “troppo recenti per poter dare su di esse delle valutazioni”, dice padre Mannes. “Alcune però sono ormai ritenute anche dalla Chiesa degne di grande considerazione”.

D. Per esempio?

R. “Le apparizioni a Fontanelle di Montichiari, in provincia di Brescia. Sono poco conosciute, perché la veggente, Pierina Gilli, una povera contadina, è sempre stata umile e riservata, fuggendo ogni forma di pubblicità. Io l'ho conosciuta. E' morta nel 1991, a 81 anni. La sua vita è stata piena di fenomeni mistici e carismatici, ma tenuti sempre nascosti”.

D. Quando si verificarono queste apparizioni?

R. “La prima nel luglio del 1947, quando Pierina aveva 36 anni, e l'ultima nel 1991, poco prima della sua morte. Sono passati solo 14 anni dalla scomparsa di questa umile veggente, ma Fontanelle è già un santuario mariano di grande importanza. Conosciuto molto anche all'estero. Lo scrittore cattolico Vittorio Messori recentemente ha affermato: “Fontanelle è una piccola Lourdes in divenire”.

D. Perché piccola Lourdes?

R. “Perché anche a Fontanelle vi è una fonte miracolosa, come a Lourdes. Durante una delle apparizioni, quella del 17 aprile 1966, la Vergine condusse Pierina a una vicina sorgente, si chinò, mise le Sue mani nell'acqua e disse: “Il Mio Divin Figlio Gesù mi ha inviata a rendere miracolosa questa sorgente”. Da allora molti ammalati hanno trovato in quell'acqua la guarigione. Ogni giorno ci sono persone che vanno a bere l'acqua e molti la portano a casa per darla a qualche parente ammalato. Come a Lourdes, è stata ricavata anche una piscina, dove gli ammalati che giungono a Fontanelle in pellegrinaggio sono immersi”.

D. Come iniziarono le apparizioni a Fontanelle?

R. “La storia è lunga. Pierina fu preparata all'incontro con la Madonna da altre apparizioni di santi, in particolare da Santa Maria Crocifissa di Rosa, fondatrice delle Ancelle della Carità di Brescia, presso le quali Pierina, da giovane, trascorse diversi anni. Come ho detto, Pierina era una povera contadina. Un'anima semplice e candida e la Vergine se ne è servita per far conoscere al mondo un nuovo messaggio”.

D. Che genere di messaggio?

R. “La Madonna, presentandosi a Pierina, in una delle tante visioni, un giorno disse: “Io sono la Rosa Mistica, Madre della Chiesa”. E spiegò: “Rosa Mistica non ha in sé nulla di nuovo. Rosa Mistica fui chiamata in quell'istante in cui il Mio Divin Figlio Gesù si è fatto uomo. In Rosa Mistica è simboleggiato il “Fiat” della Redenzione e il “Fiat” della Mia collaborazione. Io sono l'Immacolata Concezione, la Madre di Gesù Signore, La Madre della Grazia, la Madre del Corpo Mistico: la Madre della Chiesa!”. Con queste parole la Santa Vergine ha indicato la ragione di quella sua “missione” a Fontanelle: richiamare l'attenzione dei credenti sulla Chiesa, intesa come Corpo Mistico di Cristo. E' una verità dogmatica fondamentale, anche se, purtroppo, poco conosciuta dagli stessi credenti”.

D. Durante le apparizioni si verificarono fatti prodigiosi, inspiegabili, atti a convincere che quelle visioni erano soprannaturali?

R. “Diversi. Ma non sono questi che contano e che possono convincere che le apparizioni provengono dal cielo. Bisogna guardare soprattutto ai “frutti spirituali” per concludere che in quanto sta avvenendo c'è il dito di Dio. Fontanelle è diventato un centro di grande spiritualità. Ci sono state guarigioni, ma soprattutto conversioni. E' nata un'associazione di laici, che operano sotto il patrocinio del vescovo di Brescia, per tenere il ricordo di quanto è accaduto e farlo conoscere nella sua genuina autenticità.

La devozione alla Madonna “Rosa Mistica Madre della Chiesa” ha avuto l'approvazione del vescovo e trova grande accoglienza anche all'estero. Sono già sorti dei santuari dedicati a questo titolo della vergine, in Brasile, in Venezuela, in Libano, in India e in Cina. La tomba di Pierina Gilli, che si trova all'ingresso del cimitero monumentale, viene visitata ogni anno da oltre centomila devoti. “Vox populi, vox Dei”, dicevano i nostri antenati. Sono questi i segni” che inducono a ritenere autentiche le apparizioni avvenute e Fontanelle”.

Fonte: mariadinazareth.it

LE APPARIZIONI MARIANE:un fenomeno che interessa duemila anni di storia cristiana ultima modifica: 2007-08-04T21:17:41+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico