Le Interviste del Project Camelot: Bob Dean, ufficiale e gentiluomo – Parte 2

Bob Dean : An Officer and a Gentlemen – Part 2
A video interview with Retired Command Sergeant Major Robert Dean
Phoenix, Arizona, May 2007

Shot, edited and directed by Kerry Cassidy and Bill Ryan
Questa rabbia che ho sentito sull'operato del governo verso le persone, mantenendo il segreto su questo, ha violato ogni concetto della mia idea di vita e onore e democrazia e decenza. Quindi ho iniziato a realizzare che il governo che pensiamo di avere, non è il governo che abbiamo.

Questo l'ho detto pubblicamente alle persone nelle conferenze. Ho detto, “Gente la fuori che crede di vivere in una repubblica democratica…non è così.” E parlo di quello che è venuto fuori negli anni, il governo ombra, non sappiamo chi sono. Non ne abbiamo idea. Abbiamo una vaga idea su chi possano essere.

Queste persone non sono elette. Non sono…non sono responsabili, non hanno responsabilità per il congresso, verso le persone, verso il paese…verso nulla. Stanno seguendo un dannato programma. Questo mi ha portato sul muro! Potrei anche uccidere…la mia rabbia è così profonda per questo…che questi autodichiarati esperti stanno guidando questo programma e tenendo…la più grande storia per l'umanità lontana dalle persone. Le persone hanno il diritto di sapere.

Lasciami dire perchè dico questo. Ne ho parlato con Bill: ho sempre creduto che se questo fosse uscito, totalmente, grande com'è, dinamite per quello che è, avrebbe causato un'espanzione della coscienza delle persone. Avremmo smesso di pensare a noi come Musulmani, Cristiani, Ebrei, o altro..avremmo pensato a noi stessi come esseri umani di un piccolo pianeta al bordo di una galassia di media dimensione e classe. Questa conoscenza ci avrebbe unito come specie e come razza. Ho pensato, “Questo è per la nostra sopravvivenza.” Se possiamo unirci e pensare a noi come “una razza, un popolo”, questa conoscenza per cui non siamo solo e non lo siamo mai stati, penso avrebbe causato questo. (piange)

K: Quindi…

D: Ma la storia è così grande, dolcezza. Lasciami dire qualcos'altro. Negli anni ho imparato…quello che ho imparato nel 1967 non è stato nulla rispetto a quello che ho appreso dopo. Negli anni, scavando, parlando alle persone…parlando a persone in alte posizioni…persone che, sai, siedono in una conferenza e dicono, “Hey, siedi e parliamo. Lascia che ti dica cosa ho appreso…” Siamo arrivati quasi alla conclusione che la storia è così dannatamente grande che il governo potrebbe aver ragione: la massa di persone non può affrontarla.

Come puoi dire alle persone che questa specie, questa razza di cui siamo tutti parte…è una razza ibrida? Che siamo stati geneticamente creati da una intelligenza extraterrestre…come puoi dire loro questo? Ha..attenzione! Ti guardi attorno e ne parli con attenzione, dipende dove ti trovi. Se ti trovi a Baghdad, parlando con alcuni Sunniti o Sciiti, non puoi parlarne. Come fai a dire loro che l'amato uomo dalla Galilea, duemila anni fa è stato parte di questo programma? Non puoi dirlo, prima di aver controllato le uscite e di sapere come diavolo scappare fuori!

K: Ok, bene..

D: Non puoi sollevare la questione. Come dici loro, per esempio, che questo contatto e queste abductions sono..che il programma genetico è ancora in esecuzione?! Che queste persone prese fuori dalle stanze da letto e dalle automobili di notte, esaminate e a cui vengono presi campioni …e questo le spaventa, le sconvolge. Quando devono affrontare infine, ad esempio tramite l'ipnosi regressiva, devono gestire la cosa…come fai a dire loro che questo è un programma genetico in via di sviluppo?

K: Come fai a non dirlo, quando sono milioni, sai? Quando ce ne sono così tanti, proprio ora, che lo sanno come te e come me e Bill…sai, e Marcia, intendo..
Non siamo una minoranza come pensiamo. Questo è il problema interessante, che il governo e quello che hanno pianificato di fare in tutti questi anni, quando guidavano il paese (cosa che non fanno più)..sai, non è stata la decisione migliore. Ora, è ancora peggio tenere il segreto. Tu ovviamente credi ancora che sia importante svegliare le persone.

D: Credo ancora che ci siano..

K: Perchè sei qua oggi.

D: ..un gran numero di persone che possono gestire la questione. Non sei caduta a terra quando ti ho detto che questo è un fatto. Questa non è una mia idea…sono fatto che ho verificato.

K: Ok.

D: Io so che..ho parlato con persone all'interno. Delle persone sono venute a parlarmi, che sono all'interno.

K: Ci scommetto..ci scommetto.

D: …e hanno detto, “Lasciami dire…” Degli ufficiali dell'esercito mi hanno riferito, “Ho avuto un uomo che ha lavorato per me,” ha detto. Fuori da Las Vegas, “che quando si sono confrontati con questa storia, degli uomini con esperienza di combattimento, si sono rotti nel pianto come bambini.” Ha detto, “Non possono sopportarlo. Ho dovuto assegnarli ad altro.” Non possono sopportarlo. Si trovano faccia a faccia con un alieno e si rompono a terra a piangere come bambini. Ora..dici che puoi affrontare la cosa, giusto?

K: Ok, ma…queste sono persone che hanno tutte..hanno mantenuto una certa mentalità che molte persone al di fuori, intendo civili, non hanno mai mantenuto. Credo dipenda dalla persona, ma tu ed io sappiamo che siamo in un mondo che cambia più velocemente di quanto possiamo pensare.

D: Sei in un mondo che non è come credi che sia.

K: Esatto. Quindi..

D: Come ho detto, molte volte: stai vivendo al momento dentro, come parte di, una delle galassie, un giardino zoologico. Se pensi che ti abbia detto che vivi in uno zoo…vivi in uno zoo! Ora, non so come questo colpisca il tuo senso dell'ego e di auto-rispetto e cosa pensi di te. Sei un animale che vive in uno zoo.
Ora, come una massa di persone, a confronto di questa realtà, può affrontarla? Tu sei inusualmente illuminata su questo argmento, perchè penso che ti sia informata.

K: Certo.

D: Hai appositamente cercato di imparare di cosa si tratti.

K: Corretto.

D: Quindi, hai preso pezzettini e li hai assorbiti e digeriti e masticati, piccoli pezzi alla volta. Quindi hai una buona idea di quello che accade davvero. Stai ancora camminando in giro, come un essere umano normale!

K: Certo.

D: Si. Sei parte del coro.

K: Corretto. Ma chi è venuto da te? Cosa sai del Majestic? Sai qualcosa del Majestic-12?

D: Oh, si. Si, si.

K: Beh, come..

D: Non si chiamano più così, ma esistono.

K: Capisco. Come si chiamano? Qual'è il loro nome? Lo conosci?
D: Oh, si dovrebbe essere…PI-40 è stato l'ultimo termine che ho sentito.

K: PI-40…bene. Questo è interessante, quindi ci sono 40..

D: Non so cosa diavolo significhi…forse ora ci sono 40 membri.

K: Ti hanno avvicinato?

D: Ne ho incontrati diversi, si.

K: Sanno che sei molto ben informato…

D: Possiamo tornare sul soggetto, su quello di cui parlavamo prima…perchè diavolo ho continuato a parlare, onestamente e apertamente, condividendo la mia rabbia.
Penso…l'ho detto pubblicamente…dopo aver iniziato a parlare in tutto il mondo e in tutto questo paese, sul soggetto per quanto sia sensibile…ho concluso che qualcuno, da qualche parte vuole che lo faccia.

K: Certo.

D:…oppure non avrei potuto continuare.

K: Assolutamente.
D: Non so chi sia..potrei averlo o averla incontrata…potrebbero essere stati tra quelli che sono venuti alle conferenze e che hanno scosso la mia testa dicendo, “Gran buon lavoro. Continua,” sai, qualcosa del genere.
K: Ok, quindi..Dan Burisch dice che parte del Majestica vuole la rivelazione e un'altra parte no.

D: Bene ma..venti anni fa si sono divisi a metà.

K: Giusto.

D: Lo sappiamo..

K: Giusto. Quindi dove pensi…dove pensi si trovi oggi?..Pensi che..

D: Robert Wood…sai chi è Robert Wood?

K: Assolutamente.

D: Ok, conosci suo figlio Ryan?

K: Si.

D: Bene. Bob Wood mi ha detto questo alla conferenza di Long Beach molto tempo fa…disse, “Conosco due membri del Majestic.” Disse, “Hanno detto di essersi divisi a metà e in una discussione feroce.” “Violenta.” “Si, rivelate tutto” e gli altri risposero “No, al diavolo e mai”.

K: Ok.

D: Vedi, abbiamo un governo ombra…questo per me è di interesse, come Americano e dovrebbe essere di tuo interesse..

K: Assolutamente.

D: Hai idea di quanti trilioni si parli?
K: No, ma ti ascolto.

D: Molti.

K: Si.

D: Ok…in questo paese, per tre anni…'98, '99, 2000…ogni anno sono spariti 2.7 trilioni di dollari dai conti del Pentagono e non hanno potuto mostrare dove siano finiti. Sapevano di averli e sono spariti. Ora questi 2.7 trilioni per anno per tre anni. Ora..pensi che questi ragazzi non siano ben finanziati?

K: (Ride)

D: Oh, diavolo, sono meglio finanziati dell'Esercito USA, per l'amor di Cristo. L'Esercito USA non ottiene questo tipo di..sai,
prendiamo soldi in miliardi, ma non in trilioni. Non certamente 2.7 trilioni per anno per tre anni…

K: Giusto. Ti riferisci a Catherine Fitts, la sua ricerca?

D: Non l'ho incontrata…ho molto rispetto per lei..

K: Certo.

D: Ho un amico molto stretto, che..ti racconterò e poi negherò di averlo fatto.

K: Ok.

D: Esiste un membro del PI-40 che guida una certa cosa a Washington, D.C…(pausa)…No? (guarda Marcia)…bene, è una fonte, lei potrebbe parlare con lui. E' un uomo di cui mi fido, che ammiro e rispetto ed è all'interno. Disse una volta a Catherine, “Vuoi incontrare un alieno? Posso provare..” Lei rispose…rispose male. Se ti troverai a Washington e ne hai la possibilità, saluta John per me, lo farai?

K: Lo farò.

D: Ok, io…

K: Questa storia è sul sito di Catherine…

D: Oh, lo è?

K: Lei dice che rimpiange sempre quel giorno..

D:..di non aver accettato? (ride)

K:…di non aver accettato.

D:…Ok. John non solo conosce gli alieni, ma probabilmente ne ha avuti un paio a bordo.

K: Ci credo.

D: Ora, tutti dicono, “Qual'è il gruppo?” Sai. “Sono i Rettili, le Lucertole,” o sono “questi” o “quelli”..non importa…abbiamo a che fare con alcuni gruppi la fuori che…sono di milioni di anni avanti rispetto a noi per evoluzione, tecnologia e sviluppo.
Ci sono razze intelligenti la fuori che sono di miliardi di anni avanti rispetto a noi. Troviamo stelle la fuori, che probabilmente hanno pianeti, che sono più vecchi del triplo rispetto alla nostra stella…significa che probabilmente i pianeti e la vita intelligente su questi pianeti attorno a queste stelle, sono di tre volte più antichi…noi possiamo avere….11 miliardi? Beh, questo è nulla.
L'universo, l'ultima ipotesi, è che abbia 14 miliardi di anni. Hanno un astronomo…questo lo adoro…un astronomo che un giorno disse, “Non possiamo immaginarlo…abbiamo trovato stelle più vecchie dell'universo.”

K: (ride)

D:…e ho pensato, “Pensi, forse, di dover tornare alla lavagna? potresti aver perso qualcosa in Astronomia 101?” Comunque, la penso diversamente.

K: Veramente…

D: Sto cercando di dirti che siamo immersi in un universo conscio…in team con una intelligenza conscia. Ci sono pianeti come granelli di sabbia, pieni di vita intelligente. Ci sono culture, civiltà, società…che sono di milioni di anni avanti rispetto a noi.
Ora…di solito..questo mi piace perchè è un esercizio. Mi piace tirarlo ai ragazzini. Ho messo assieme un curriculum una volta per i ragazzini a scuola, su questo argomento. Mi avrebbero cotto, se avessi cercato di farlo accettare a scuola.
Quando smetti di pensare a queste realtà…che questa specie, in tutta la sua primitiva ferocia, con tutta la sua limitata ignoranza, stupido..modo di andare a cercare la vita…che ci sono culture e civiltà e società la fuori…che se non perfette, hanno raggiunto comunque un livello ben oltre il nostro. Questo lo so e lo sento dentro di me.
Ecco perchè prendo il giornale e leggo l'ultima spazzatura…gli omicidi e…è un miracolo che non sia stato rinchiuso. Non posso vivere ancora in questo mondo e la ragione che ti ho dato prima è che la mia vecchia visione del mondo…il mio paradigma…è collassato alle mie ginocchia venti anni fa.

K: Certo.

D: Ora, se mi ha trasformato in un rinchiuso da clinica, cosa farebbe alle persone la fuori…che corrono per i loro piccoli affari…le loro piccole vite…vanno al bowling…vanno alle gare NASCAR…bevono la loro birra…masticano le loro patatine…e pensano che questo sia, “sia una buona vita”..quando tu ed io sappiamo che non è così.

K: Giusto. Veramente, mi hai mostrato molta coscienza, amore,…hai uno spirito vibrante veramente grandioso..sei molto eloquente..non è stato tutto così male per te. Questa informazione ti ha illuminato e ti ha reso quello che sei oggi.

D: Si, sicuramente. Quello che sono oggi è il prodotto di non solo 78 anni su questo pianeta, ma mi è sempre piaciuto dire…che ho vissuto..un paio di millenni di vite, perchè sono totalmente convinto della realtà della reincarnazione…

K: Buon per te.

D: Penso proprio di non tornare più qua.

K: (ride)

D: Parlo di questo, perchè ho una relazione amore-odio con la razza umana..davvero.

K: Certo..comprensibile.

D: Ho una relazione di amore-odio con questa specie…se potessi prenderla per il collare e tirarne fuori lo sporco, lo farei.
Quello che faccio qua con te e la videocamera, è ad un certo livello, fare proprio questo. Se le mie parole hanno qualche significato o valore, non solo per voi, ma per chiunque in futuro veda questo, è perchè amo questa razza…(piange)
Ne ho fatto parte, per 78 anni, ad ora. Ho visto il puro inferno. Ho passato due guerre, sono al mio terzo matrimonio..ho allevato due figli, ne ho perso uno per suicidio…
Ho visto cose in questa vita, che mi hanno influenzato..molto. Però vedi, so..e non dirmelo, non chiedermi di spiegare esattamente come so e quanto so..
Perchè, non ne ho mai parlato prima, ma sono stato contattato. (respiro profondo) E' molto difficile parlarne. Sono stato addotto. No la vedo come una abduction…ma come un invito e..sono stato a bordo di una di queste astronavi diverse volte. Degli amici mi hanno detto, “Oh, mio Dio..”
Un amico a Sedona…un dottore..un dentista, disse, “Sono stato addotto,” poi, “Quando sono salito la sopra, ho guardato attorno e ti ho visto in un angolo, mentre parlavi con quei ragazzi!” Ho detto, “Non sono sorpreso.” Perchè sono stato a bordo delle astronavi molte volte.

K: Ne hai ricordi consci?

D: Oh, si. Si, nessuna ipnosi regressiva. Quando questo..quando ti accade, ti lascia un tale segno, che non hai bisogno di fare una ipnosi per ricordare. Voglio dire, è lì. No no, sono stato a bordo diverse volte e sospetto che la maggioranza delle informazioni che ho avuto sulle loro società, civiltà e culture…che esistono la fuori, che mi hanno fatto capire quanto siano gloriosi..
Quindi guardo questa pozza di fango in cui viviamo qua e penso, sapendo come potrebbe essere…e come non è..e spero, che lo diventi. (emozionato)
Qua tocco un nervo, ho condiviso con voi cose che avevo detto solo all'amabile donna con cui vivo.
(Pausa)
Non penso di aver mai pubblicamente, in intervista o altro, mai condiviso il fatto di essere stato a bordo delle loro astronavi. Perchè se lo avessi fatto, si sarebbe aperto un Vaso di Pandora per cui non sono preparato. Lei ha una storia diversa..parla con loro e li incontra spesso. Questa è un'altra storia.
No, ho parlato con voi questo pomeriggio su alcune piccole cose.

K: Ne siamo onorati.

D: Perchè sento fortemente che questa verità…per cui non siamo soli, non lo siamo mai stati, che siamo intimamente legati a questa relazione. Siamo una famiglia con loro. Si, siamo in uno “zoo” e loro sono…ad un certo livello, …i nostri “guardiani”. Ora non condividere questo con tutti la fuori.
Il vecchio Jerry Falwell, ovunque possa essere ora, Dio benedica la sua anima..No, non è lì, Marcia, non esiste un posto…ha puntato in basso.

K: (ride)

D: No, l'inferno non esiste. L'inferno lo facciamo noi.

K: Si. Lo penso anche io.

D: Ci sono persone la fuori che ho..ho parlato a Dallas una volta. Questo è quello che chiamano Bible Belt. Proprio nel mezzo di “Bible Belt”, in Texas, sai. Ho detto alcune cose carine davanti a 800 persone un pomeriggio. Ho guardato in faccia alle persone e ho visto che alzavano gli occhi e facevano smorfie, e…vecchie signore andare (gesticola con la bocca aperta e mette le mani in faccia)….sai. Una volta finito, arriva questo piccolo e rotondo prete fondamentalista…con la sua Bibbia sotto il braccio e si dirige verso di me. Ho pensato, “Oh, Dio, ora ci rotoleremo per dei minuti a terra, perchè ho condiviso alcune cose scomode a questo gruppo qui a “Bible Belt”.
Ho subito uno shock. Questo piccolo prete Battista è salito…ha fatto un salto sullo stage. Sarà stato 250 pounds di…sai..sale sullo stage, mi butta le braccia attorno e ho pensato, ora ci rotoliamo a terra e mi picchierà fino alla morte con la sua Bibbia.
Mi ha abbracciato, mi ha baciato e ha detto, “Oh, Fratello Dean, lo hai detto nel modo giusto.” Sono rimasto in stato di shock. Questo è accaduto solo una volta.

K: (ride) Fantastico.

D: E'…è stata un'esperienza interessante per me.

K: Grandioso.

D: Mi ha incoraggiato a parlare schiettamente. Come ho fatto..come ho detto, nella mia ultima presentazione a San Jose, ho parlato molto chiaramente, molto similmente a come ho fatto oggi con voi questo pomeriggio, solo non interamente.
Non parlo più pubblicamente. Sono stato invitato molte volte…non ho accettato. Ho rifiutato..un'altra conferenza a Laughlin…
Questa probabilmente è la mia ultima intervista. Ti ho dato molta…spazzatura. Molto materiale. Nella massa di materiale che ti ho dato, se trovi una o due cose valide da tenere, questo è un bene. Come ho detto, ho una relazione di amore-odio con la specie umana e so cosa potremmo essere e cosa non siamo.
Ho imparato anni fa…prima di ritirarmi nel '76…che il governo sa, non solo il contenuto dello studio dello SHAPE dei '64…il governo sa molto di più, da anni prima. Non lo hanno condiviso con nessuno.

K: Giusto.

D: Noi ci stiamo….ci stiamo confrontando e abbiamo a che fare con intelligenze di altri pianeti, altri sistemi stellari, altre galassie…e alcuni dei contatti li abbiamo avuti con intelligenze di altre dimensioni.
Sono molto affascinato dal lavoro di Michio Kaku, questo brillante scienziato di New York, un fisico coinvolto nella teoria delle stringhe…

K: Si.

D: Penso che la loro ultima conclusione sia….che ci siano almento 11 altre dimensioni. Ho sempre detto che la morte…quando muoriamo..l'anima, che credo sia una creatura immortale, semplicemente va nella prossima dimensione, dove siamo come ora. Non è una morte, ma solo una forma di vita superiore.
Ho fatto dei piani recentemente, per…per la transizione. Marcia dice, “Non alzarti da solo per andare stanotte.”

K: (ride) Spero tu stia con noi ancora a lungo, perchè sei meraviglioso, una creatura illuminata…
Ok, ho ancora una domanda e quindi mi fermo..se Bill ha una domanda può farla prima.
2012….ne sai qualcosa, anche dai tuoi contatti militari, persone nel governo segreto o dai tuoi contatti alieni su questo periodo di tempo?

D: Non si tratta della fine di nulla. E' l'inizio. La mia conclusione è, ma non ti dirò “questo è quello che accadrà”…

K: Certo.

D: Sai qualcosa dell'incidente di Hudson Valley di qualche anno fa?

K: Mm-hm.

D: …Che rende il caso di Phoenix un nulla..come ho detto, piccole patate. Penso che questa esposizione, questi sorvoli, andranno aumentando gentilmente…penso che il 2012, spero di esserci ancora, se riesco a controllare la mia artrite.
Penso, un maggior contatto. Penso che lo avremo se lo vogliamo o meno. Penso che in quel momento saremo molto vicini ad autodistruggerci con uno scambio termonucleare, quindi loro entreranno nello zoo e metteranno gli orango-tango da una parte e i babbuini dall'altra…e diranno, “Ora guardate: questi sono alcuni fatti, ragazzi. Tempo di svegliarsi, tempo di crescere.” Questo è quello che Robert Heinlein ha chiamato “Giorno della Laurea”.

K: Non so se hai sentito la testimonianza di Dan Buisch o se hai visto la sua intervista…gli abbiamo fatto una intervista, in cui parla del fatto che, da quello che gli è stato detto, alcuni alieni che sono venuti, sono umani che viaggiano nel tempo dal futuro. Questo ti dice qualcosa in base ai tuoi contatti o conoscenze?

D: No, è sempre…..è stato…, come lo diresti? Mi è stato confermato che il viaggio nel tempo è realtà. Ora, non so se mi sia stato detto, ma lo accetto istintivamente e lo capisco.
Il tempo, per come lo comprendiamo e il lato dimensionale e lo spazio-tempo, è così primitivo e fondamentale, sai..
Il tempo è infinito, lo spazio è infinito e sono talmente legati assieme…che il viaggio temporale è scontato.
Ora, questa primitiva società…gioca ancora con l'idea, facendo film e altro, raccontando storie e…per me, il fatto che questi esseri dimensionali….di per sè è una forma di viaggio nel tempo.

Quando vieni da un'altra dimensione….così totalmente diversa da quello che abbimo qua…stai venendo letteralmente da un altro tempo. Ora, che sia il nostro tempo o un altro tempo e luogo…siamo così limitati nel nostro concetto, fisicamente…in termini di fisica, che non possiamo davvero discuterne.
Stiamo entrando nella fine del Grande Anno. Ora….i nostri astronomi ci dicono che ci stiamo muovendo…in questo piccolo sistema solare e tutti i piccoli e patetici pianeti…persino il bellissimo Giove…ci stiamo muovendo nella galassia…siamo sul bordo e ci stiamo spostando…stiamo raggiungendo un punto in cui saremo in qualche modo allineati….col centro della galassia.

Ora, non chiedermi di spiegare come funziona, ma so…credo che stiamo completando il Grande Anno. Questa era dei Pesci sta finendo.
Ho sempre sentito che questo bellissimo giovane uomo della Galilea fosse parte di questo perchè lo ha fatto capire….non ti sto parlando di religione, parlo di spiritualità. Questo giovane…questo spirito, questa anima, questa grandiosa anima che si è incarnata in Galilea…è viva e l'ho detto ad alcuni dei miei amici fondamentalisti, che pensano che io sia guasto.

K: (ride)

D: …Che io…l'ho conosciuto bene e lui è stato uno dei miei amici più stretti e guardo avanto per vederlo di nuovo. Loro…, questa è quasi una eresia per loro, sai.
Io ho detto loro, “Non siate turbati. Lo vedrete di nuovo. Lo stesso giovane uomo che ha camminato nei campi della Galilea duemila anni fa sta probabilmente tornando di nuovo e voi dovrete essere pronti.”

K: Robert Dean, è stato un grande piacere di averti qua oggi. Sei davvero una leggenda del tuo tempo…tra gli ufologi e non mi sorprenderei se tu fossi noto tanto quanto il “governo segreto”, Majestic e come li chiami tu?…i PI-40?

D: PI-40.

K: I-40?

D: PI-40

K: PI-40…giusto, hai altro da aggiungere?

D: Si. Ho apprezzato l'opportunità di aver condiviso un po di cose con voi e mi scuso per la mia emotività. Mi emoziono molto per quello di cui abbiamo parlato.
Per finire, vorrei dire una cosa. Ho una relazione di amore-odio con la specie umana….ho grande speranze per il futuro dell'umanità. (schiarisce la voce)
Non siamo un errore. Non siamo un caso. Nulla di questo è un caso.
….La specie umana…la razza umana…a dispetto delle negatività….è una bellissima razza…
(respira profondamente)….ha un futuro. Sento nel profondo che per tempo….andremo fuori di qua…e prendermo il nostro giusto posto…avremo la nostra casa fra le stelle.

Fonte: Projectcamelot.org
Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Le Interviste del Project Camelot: Bob Dean, ufficiale e gentiluomo – Parte 2 ultima modifica: 2008-09-15T06:53:01+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)