Le leggende del monte Shasta

Il Giornale Online

Monte Shasta (inglese Mount Shasta), è uno stratovulcano attualmente dormiente della California settentrionale, situato nella Catena delle Cascate. Alto 4.317 m, conserva alcuni camini fumanti e ha la cima perennemente innevata.

L'ultima eruzione è avvenuta nel 1786 ma gli scienziati si aspettano un suo possibile risveglio. Lo Shasta presenta cinque ghiacciai, il più lungo dei quali discende fino a 2.900 m; sul versante meridionale si innalza una vetta secondaria, chiamata Shastina, alta 3.660 m. Scoperto nel 1827 dal mercante di pellicce canadese Peter Skene Ogden, fu scalato la prima volta nel 1854 ed è una meta preferita dagli alpinisti più esperti. Molti dei tentativi di scalata avvengono in inverno.

Attorno al monte Shasta sono fiorite moltissime leggende; leggiamone alcune cominciando da quella legata ai i nativi del luogo. Secondo una leggenda degli indiani Modoc (segnalata da Ella Clark nel 1953 ed attinta alla loro tradizione orale) all'inizio non c'erano ancora uomini sulla terra… lo Spirito del Cielo abitava nel Mondo-di-Sopra, ma ivi faceva molto freddo. Scavò, dunque, con una pietra un foro nel cielo e spinse dentro la neve ed il ghiaccio. Tutti e due ruzzolarono sulla terra dove, accatastandosi, formarono un'alta montagna.

Oggi si chiama monte Shasta. Lo Spirito del Cielo, fornito del suo grande bastone, passò di nuvola in nuvola per arrivare in cima a questa montagna. Dopo di ciò cominciò a scendere verso il piano. Cammino facendo, ebbe l'idea di fare, con il suo dito, dei piccoli fori nella terra. Ad ogni foro, inserì un albero. E la neve che fondeva sotto i suoi passi, formò dei fiumi. Completamente soddisfatto dei risultati che otteneva, lo Spirito del Cielo iniziò a rompere il suo lungo bastone in piccole parti. Alcune di loro si trasformarono in pesci, altre in castori, altre in altri piccoli animali; così fece tutti gli animali della terra.

Così furono creati anche gli orsi che andavano sulle loro zampe posteriori e parlavano come uomini. Con il loro mantello peloso ed i loro grandi artigli, avevano l'aria così temibile che lo Spirito del Cielo li inviò molto lontani da lui, al piede della montagna. Una volta completato questo lavoro immenso, lo Spirito del Cielo fece scendere la sua famiglia con lui sulla terra. Presero per residenza la grande montagna di neve e di ghiaccio nella quale fece un fuoco al centro ed un foro al vertice per lasciare passare il fumo.

Tutto andò bene fino alla primavera quando una tempesta violenta scosse la montagna. Il fuoco fu respinto nel camino e la terra tremò. Lo Spirito del Cielo chiese alla sua più giovane figlia di salire in cima alla montagna per chiedere allo Spirito del Vento di calmarsi un po' e la mise in guardia di non mettere la testa al di fuori del camino altrimenti il vento l'avrebbe portata via. La piccola ragazza promise ma sapeva che di là in alto, si poteva vedere l'oceano, questa dimensione immensa d'acqua che non conosceva.

Come resistere alla tentazione di vederlo? Uscì la testa fuori ed in meno tempo che occorre per dirlo, lo Spirito del Vento la strappò dalla montagna e la portò via! Atterrò al bordo foresta, in mezzo agli abeti coperti di neve, nel territorio degli orsi grigi. Uno di loro che cacciava per dare a mangiare alla sua famiglia, la trovò e la portò da lui per curarla. In quell'epoca questi orsi grigi che non erano così temibili come potevano sembrare. Essendosi affezionato alla piccola ragazza, decise, arbitrariamente, di tenerla con se e di alzarla al rango degli orsi.

La fanciulla crebbe e, diventata una donna, sposò il maggiore dei figli dell'orso grigio e tutti due fecero bambini il cui aspetto era vicino a quello dei genitori orsi grigi. Tutta la piccola famiglia abitò in una nuova casa. Questo luogo si chiama oggi il piccolo monte Shasta. Il tempo passò e quando la nonna Orso (quella che aveva educato la piccola ragazza) sentì arrivare la sua fine, considerò la necessità di dire la verità allo Spirito del Cielo. Gli inviò dunque come emissario il maggiore dei suoi nipoti. Quest'ultimo salì in cima al monte Shasta ed adempì al suo compito.

Lo Spirito del Cielo felice di apprendere che sua figlia era stata ritrovata, scese alla casa orsi grigi. Ma fu molto sorpreso vedendo una donna invece della bimba che aveva perso. Peggio ancora, vide che la figlia viveva in mezzo a creature con mantello peloso che diceva che fossero i suoi bambini, dunque i suoi nipoti: delle creature di una razza che non aveva creato!
La sua rabbia fu enorme! Maledisse tutti gli orsi grigi. “Mettetevi a quattro zampe! Mi avete fatto così grande torto che d'ora in poi camminerete così. Inoltre, vi privo della parola” E ripartì sulla sua montagna con sua figlia e non tornò più dagli orsi grigi. Secondo alcune voci, avrebbe estinto il fuoco che manteneva nella sua montagna e sarebbe tornato vivere nel cielo. Quanto ai suoi nipoti, si dispersero per il mondo e diventarono i primi indiani; gli antenati di tutti gli indiani. È per questo che gli indiani che vivono vicino al monte Shasta non uccidono mai l'orso grigio.

Facciamo ora un balzo in avanti nel tempo e troviamo il monte Shasta avvolto nel mistero. Per molti, la zona attorno al monte Shasta è uno dei luoghi più mistici al mondo e la gente viene da molto lontano per vivere nell'ombra della montagna. Con storie di città sotterranee, di dischi volanti, di luci non spiegabili e di riunioni con esseri poco comuni, sarebbe difficile prevedere un posto più mistico.

Il monte Shasta ha una particolarità: ci sono più di 400 grotte formate dalla lava, un tipo di cavità sconosciuto, ma che è lungi dall'essere raro. A differenza di altri massicci che si mescolano nelle montagne circostanti, Shasta è isolato e si erge sopra ciò che sembra essere un paesaggio quasi piatto. È in parte questa solitudine che dà al monte Shasta il suo alone di mistero. La zona settore attorno al monte Shasta è stata abitata per migliaia di anni da molte tribù indiane.

Tuttavia, è soltanto all'inizio del 19° secolo che i primi europei gli hanno posto gli occhi addosso. Gli spagnoli hanno chiamato la montagna “Jesus-Maria”; i russi gli hanno dato il nome di “Tchastal,”; significando “montagna bianca o pura”.

Di tutte le leggende che circondano la montagna, la più famosa è quella che parla dei lemuriani che, si dice, vivono al suo interno. Profughi del continente Lemuria o di Mu, i lemuriani sono descritti come grandi e belli. Forniti di lunghi abiti ed indossanti sandali bianchi, scenderebbero alla piccola città del monte Shasta ed avrebbero fatto uso di pepite d'oro per i loro approvvigionamenti.

Mentre si dice che Atlantide era nell'oceano Atlantico, Lemurie sarebbe stata nel Pacifico. James Churchward nei suoi numerosi resoconti, scriveva che il continente era così grande che andava dall'Australia alla California e che copriva la maggior parte dell'oceano Pacifico con una grande massa di terra. La scienza moderna ha negato del tutto la possibilità che un così grande continente sia potuto esistere negli ultimi 10.000 anni, ma è possibile che terre molto più piccole potrebbero essere esistite nel Pacifico e che le leggende di Lemurie non possono essere basate interamente sul sogno o la speculazione fantasista. La prova di una città di Lemurie è venuta dall'astronomo dott. Edgar Lucian Larkin, ex direttore del Mount Lowe Observatory, che ha scritto sul monte Shasta nel “San Francisco Examiner “.

Un giorno, mentre egli provavo un nuovo telescopio, dirigendo il suo obiettivo verso la base della montagna, anziché vedere le cime di alberi, ha osservato una cupola dorata che sembrava essere di costruzione asiatica. Mentre continuava le osservazioni, vide due cupole e un edificio diverso, apparentemente fatto di marmo. Mentre il sole scendeva e la notte cadeva, il dott. Larkin è rimasto stato meravigliato nel vedere il settore illuminato da una luce bianca molto luminosa sebbene non ci sia stata nessuna luna. Purtroppo, queste osservazioni non sono mai state verificate e molti credono la storia intera era una mistificazione . E la mancanza di prove concrete ha fermato gli escursionisti e gli esploratori interessati ad esaminare la montagna.

Nel 1904, un esploratore di nome J.C. Brown è stato inviato da lord Cowdray, del “Mining Company”, per cercare dell'oro in sierra Nevada. Nel suo secondo viaggio, Brown è andato a finire in un tunnel scavato nella roccia del monte Shasta. Ha seguito il tunnel ed è arrivato in una grande caverna coperta di strati di rame, le pareti decorate con lastre d'oro ed ha visto oggetti manufatti e statue. Camere attigue riempite di schemi sconosciuti e di geroglifici indecifrabili. Un'altra camera conteneva le ossa di ciò che poteva essere un gigante.

Come avviene spesso in questo tipo di scoperte, Brown non ha raccontato a nessuno ciò che aveva scoperto, temendo che i suoi datori di lavoro si appropriassero della sua scoperta. Ha atteso con pazienza 30 anni, fino alla pensione quindi ha raccontato la sua storia e creato un gruppo per seguirlo nella sua ricerca dell'imboccatura del tunnel. Nel giugno 1934, 80 persone lo hanno atteso dove aveva indicato l'ingresso.

Ma nella notte, misteriosamente è scomparso e non è stato mai trovato. La polizia di Stockton ha studiato il caso ed è venuta alla conclusione che Brown è stato probabilmente ucciso. Senza Brown che fungesse da guida, il tunnel e tutti i suoi tesori non sono stati mai riscoperti.

I lemuriani non sono i soli esseri misteriosi ad abitare le pendici del monte Shasta. Nella primavera del 1953, la spedizione del pioniere di Siskiyou, Marcelle Masson, ha collegato una leggenda degli indiani di Wintun in merito ad una corsa di giganti selvaggi che abitano le caverne intorno della montagna.

Il monte Shasta è stato il teatro di molte osservazioni di luci non spiegabili e di ufo. In “Now i can See!” – Miracolo al monte Shasta – Hanna Spitzer collega la sua visione di una luce bianca molto luminosa che è rapidamente andata verso la strada, e che “splende come la luce del giorno.” La mattina seguente, Spitzer si è svegliata per constatare che non aveva bisogno degli occhiali che portava dall'infanzia. La sua vista era stata curata.

Molti delle storie che riguardano il monte Shasta sembrano troppo fantastiche. Tuttavia, il volume di segnalazioni sembra portare alla innegabile conclusione che c'è qualcosa di poco comune in questa zona.

Fonte: http://www.tanogabo.it/Shasta.htm

Le leggende del monte Shasta ultima modifica: 2009-10-23T21:11:08+00:00 da sev7n
About the Author