Le piante 'sono in grado di pensare e ricordare'

Il Giornale Online
dallo SchwartzReport del 01 luglio 2010 http://www.schwartzreport.net/
Traduzione a cura della redazione di coscienza.org – Erica Dellago

Ricordo nei primi anni settanta, quando i miei due amici, Christopher Bird e Peter Tompkins che stavano scrivendo quello che divenne un best seller, “La vita segreta delle piante”, mi presentarono a Cleve Backster le cui ricerche avevano dimostrato che le piante avevano in parte una coscienza. Tutti e tre, Peter, Chris e Cleve furono soggetti a devastante critica perlopiù ad hominem, da biologi costretti nel paradigma e da altri negazionisti che semplicemente non potevano accettare che alcuna altra specie diversa dall’essere umano potesse avere consapevolezza cosciente..

VICTORIA GILL, Reporter di Scienze – BBC News (U.K.)

Le piante, secondo i ricercatori, sono in grado di “ricordare” e “reagire” alle informazioni contenute nella luce.
Le piante, dicono gli scienziati, trasmettono informazioni sull’intensità e qualità della luce di foglia in foglia in modo molto simile a quello dei nostri sistemi nervosi.
Questi “segnali elettrochimici” sono trasportati da cellule che agiscono come “nervi” delle piante.
Nel loro esperimento, gli scienziati hanno dimostrato che un raggio di luce che colpisce una foglia causa la risposta dell’intera pianta.
E la risposta, che ha preso la forma di reazioni chimiche indotte dalla luce sulle foglie, è continuata nell'oscurità.
Ciò dimostra, hanno detto, che la pianta “ricordava” le informazioni codificate nella luce.

“Abbiamo illuminato solo la parte inferiore della pianta e osservato i cambiamenti nella parte superiore”, ha spiegato il Professor Stanislaw Karpinski che ha condotto questa ricerca, dall'Università di Scienze della Vita di Varsavia in Polonia.
Ha presentato i risultati al meeting annuale della Società di Biologia Sperimentale a Praga, Repubblica Ceca.
“E i cambiamenti sono continuati anche quando abbiamo spento la luce… Questa è stata una totale sorpresa.”
In studi precedenti, il Professor Karpinski, aveva scoperto che i segnali chimici potevano essere trasferiti attraverso le intere piante – consentendo loro di reagire e sopravvivere ai cambiamenti e agli stress del loro ambiente.
Ma in questo nuovo studio, lui e i suoi colleghi hanno scoperto che quando la luce stimola una reazione chimica in una delle cellule di una foglia, questo causa una cascata di eventi, venendo immediatamente segnalato al resto della pianta attraverso un tipo specifico di cellula chiamata “bundle sheath cell”, le cellule che avvolgono le nervature delle foglie nelle piante C4.
Gli scienziati hanno misurato i segnali elettrici di queste cellule, che sono presenti in ogni foglia, scoprendo quello che potrebbe essere definito come il “sistema nervoso” delle piante.

Piante che pensano

Quello che è stato ancora più peculiare, ha detto il Professor Karpinski, è che la risposta delle piante cambiava al variare del colore della luce che veniva puntata su di esse.
“Ci sono cambiamenti caratteristici per la luce rossa, blu o bianca”, ha spiegato, sospettando che le piante possano usare le informazioni contenute nella luce per stimolare delle reazioni chimiche protettive. Lui e i suoi colleghi hanno esaminato tutto questo più da vicino osservando l'effetto dei diversi colori della luce sull'immunità delle piante alla malattia.
“Quando abbiamo illuminato la pianta per un'ora e poi infettata con un virus o con un batterio a distanza di 24 ore dall'esposizione, essa ha resistito all'infezione”, ha spiegato.
“Ma quando abbiamo infettato la pianta prima di usare la luce, essa non riusciva a sviluppare resistenze.”

“Dunque la pianta possiede una memoria specifica per la luce che sviluppa la sua immunità contro gli agenti patogeni, e riesce ad adattarsi alle condizioni di luce variabile.”
Ha detto che le piante hanno usato le informazioni codificate nella luce per immunizzarsi contro i patogeni stagionali.
“Ogni giorno o settimana della stagione ha una sua luce caratteristica,” Ha spiegato il Professor Karpinski.
“Quindi le piante eseguono una sorta di computazione biologica della luce, usando le informazioni contenute nella luce per immunizzarsi contro le malattie prevalenti durante quella stagione.”

La Professoressa Christine Foyer, una biologa vegetale dell'Università di Leeds, ha detto che la ricerca “ha portato il nostro pensiero un passo avanti”.
“Le piante devono sopravvivere agli stress, come la siccità e il freddo, resistere e continuare a crescere,” ha detto alla BBC News, “e questo richiede una valutazione della situazione e un'appropriata risposta – questo processo è da considerarsi una forma di intelligenza.”
“Quello che questa ricerca ha fatto è stato di collegare due percorsi di segnalazione insieme.. e quello elettrico è incredibilmente rapido, in questo modo l'intera pianta ha potuto reagire istantaneamente alla luce più intensa.”

Fonte: http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=1120

Le piante 'sono in grado di pensare e ricordare' ultima modifica: 2011-02-24T13:22:32+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)