Le teorie sull'estinzione di massa hanno bisogno di più aria

Il Giornale Online[Data: 2008-09-09]

Circa 250 milioni di anni fa si verificò un evento di estinzione di massa che spazzò via quasi il 95% di tutte le specie. La causa di questo disastro è oggetto di numerose teorie. Ora, i risultati di ricerche svolte al University College Dublin, in Irlanda, stanno bruciando queste teorie, letteralmente.

Le scoperte, pubblicate nella rivista Science, mettono in dubbio la teoria comune che sostiene che fu un abbassamento dei livelli di ossigeno il meccanismo che condusse all'estinzione di massa.

La catastrofe del Permiano-Triassico, avvenuta 250 milioni di anni fa, è considerata la maggiore delle cinque estinzioni di massa mai avvenute. Secondo gli esperti, questa catastrofe fu responsabile dell'estinzione di quasi il 95% di tutte le specie, del 53% delle famiglie marine, dell'84% dei generi marini e di approssimativamente il 70% delle specie terrestri, incluse le painte, gli insetti e gli animali vertebrati.

Molti ricercatori ritengono che la riduzione dei livelli di ossigeno nell'atmosfera fu una delle maggiori cause di queste estinzioni.

Secondo il redattore capo della relazione, la dott.essa Claire Belcher della School of Biology and Environmental Science al University College Dublin, questa teoria va ora rivista alla luce delle nuove scoperte.

“Livelli bassi di ossigeno nell'atmosfera, [di] meno del 12%, sono considerati la causa principale di almeno due dei “cinque grandi” eventi di estinzione di massa,” ha spiegato. “Ma le scoperte fatte attraverso la nostra ricerca mettono in dubbio questa ipotesi e sottolineano il bisogno di studi più approfonditi sul carbon fossile durante questi eventi di estinzione di massa.”

Il team di ricerca di Dublino, che ha ricevuto finanziamenti dall'UE attraverso le Borse di eccellenza Marie Curie, ha testato l'ipotesi che i livelli di ossigeno fossero bassi nell'età Mesozoica, nei millenni precedenti l'estinzione. I ricercatori hanno eseguito una serie di incendi sperimentali in una camera per la coltivazione delle piante appositamente progettata, che erano pienamente equipaggiate con un sistema di imaging termico e un sistema completo per il controllo atmosferico, della temperatura e dell'umidità.

Il risultato di questi esperimenti sono poi stati confrontati con tutte le prove geologiche esistenti degli incendi avvenuti in natura, come i resti fossilizzati di carbone. La loro esistenza è una prova della presenza degli incendi naturali e quindi indica che c'era sufficiente ossigeno nell'atmosfera per permettere gli incendi. Se i livelli di ossigeno sono troppo bassi, semplicemente non c'è sufficiente ossigeno per alimentare gli incendi.

“Eseguendo questi incendi sperimentali usando legno di pino, muschio, fiammiferi, carta e candele ad una temperatura di 20°C in condizioni di vari livelli di ossigeno e confrontando i risultati con la presenza di carbon fossile attraverso il Mesozoico (250-65 milioni dia nni fa), siamo riusciti a stabilire che è poco probabile che ci siano stati periodi prolungati con bassi livelli di ossigeno,” ha detto la dottoressa Belcher.

Il team di ricerca ha dimostrato con successo l'impossibilità di un periodo esteso con bassi livelli di ossigeno durante il Mesozoico. Ora occorrono ulteriori ricerche su tutti gli eventi di estinzione di massa per testare più a fondo la teoria che sostiene che la riduzione di ossigeno per un breve periodo fu responsabile degli eventi di estinzione di massa.

Per ulteriori informazioni, visitare: http://www.sciencemag.org/

(copyright © Unione europea)
Fonte: http://cordis.europa.eu/fetch?CALLER=IT_NEWS&ACTION=D&SESSION=&RCN=29838

Le teorie sull'estinzione di massa hanno bisogno di più aria ultima modifica: 2008-09-11T11:51:10+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico