L’enigma degli uomini senza io

L'enigma degli uomini senza ioIl mio articolo Uomini senza io ha sollevato – come era prevedibile – un gran polverone.

Ma lo immaginavo, dato che lo stesso Steiner – parlando di questa delicata questione – aveva candidamente affermato:

“Si parla sempre molto malvolentieri di queste cose, dato che quando lo si fa si viene inevitabilmente aggrediti” (O.O.300c)

di Piero Cammerinesi (corrispondente dagli USA di Coscienzeinrete Magazine, Altrogiornale e Altrainformazione).

Uomo avvisato, dunque…

Questo secondo articolo vuole essere allora una prosecuzione del primo, con risposte ad alcuni quesiti e ulteriori approfondimenti. Consiglio, pertanto, a chi non abbia letto il primo articolo di farlo prima di procedere nella lettura di questo. Ebbene, come dicevo, dopo quel ‘pezzo’, in molti hanno preso posizione pro o contro, con interventi pubblici o lettere personali.

In estrema sintesi i punti di vista di chi è intervenuto si possono riassumere in tre posizioni:

  1. – condanna della pubblicazione dell’articolo, in quanto si tratterebbe di verità troppo esoteriche e pericolose per persone impreparate;
  2. – rifiuto del contenuto delle rivelazioni di Steiner secondo cui vi sarebbero intorno a noi molti esseri umani che tali non sono, mancando dell’individualità;
  3. – accettazione del contenuto di queste considerazioni e condivisione dell’opportunità di parlarne e/o richiesta di approfondimento.

Ci sarebbe poi una quarta posizione, quella di persone che mi hanno scritto temendo – o ritenendo – di essere esse stesse “Ichlose Menschen“, esseri umani privi di ‘io’, ma questa è un’altra storia.

Ora vediamo in dettaglio le tre posizioni.

1 – SONO VERITÀ PERICOLOSE

Quanto alla prima obiezione – la presunta pericolosità di certe comunicazioni – personalmente ritengo che la verità non sia mai ‘pericolosa’.

Se mai lo è il suo contrario, la menzogna.

O l’omissione.

L'enigma degli uomini senza io 2

Non a caso Steiner ha rivoluzionato radicalmente l’occultismo proprio ‘mettendo in piazza’ i misteri che, fino alla sua epoca, venivano gelosamente custoditi dalle confraternite occulte.

Le quali poi li usavano come strumenti di potere nei confronti dei popoli.

È vero, si tratta di argomenti delicati, estremamente complessi ma sicuramente accessibili ad ogni sincero ricercatore del vero.

La questione dei ‘custodi’ delle rivelazioni occulte contenute nei cicli di conferenze di Rudolf Steiner è piuttosto delicata e per questo rimando ad un mio precedente intervento Tra ‘custodi’ e ‘divulgatori’ di spiritualità.

Basti qui solo citare quanto Steiner affermò durante il Convegno di Natale:

I cicli devono quindi nel futuro essere venduti al pubblico, tutti, senza eccezioni, proprio come altri libri.” (Rudolf Steiner, Convegno di Natale, Dornach 1924)

Inoltre, come vedremo più avanti, il fondatore dell’Antroposofia non è stato certamente l’unico a parlare di quest’argomento. Altri autori se ne sono occupati e le loro testimonianze sono accessibili a tutti.

Altro punto, il tempo.

Sono trascorsi quasi cento anni da quanto queste rivelazioni furono fatte e, da allora, il mondo è radicalmente cambiato. Quello che allora era solo vagamente ipotizzabile – ad esempio la relazione degli uomini senza io e la sovrappopolazione mondiale – oggi è diventato piuttosto evidente.

Ma l’argomento principale contro quest’obiezione è che tutto il materiale su questo argomento è stato pubblicato da decenni e, da svariati anni, è anche reperibile online. Naturalmente parlo dei testi originali, ma se l’argomento non è ‘pericoloso’ per un tedesco, non vedo perché dovrebbe esserlo per un italiano.

O c’è una doppia morale anche per i popoli?

Per questi motivi mi sento di rigettare integralmente la prima obiezione.

2 – NON È VERO, NON PUÒ ESSERE

Quanto alla seconda obiezione, qui c’è una questione di libertà, che deve essere rispettata a tutti i costi.

L'enigma degli uomini senza io 3Se una persona non si sente di accogliere una rivelazione come questa vi possono essere molti motivi e ognuno di essi è perfettamente rispettabile. Non ho nulla da obiettare nei confronti di tale posizione se non – forse – che se si ha fiducia in un Maestro si dovrebbe accogliere i suoi pensieri in modo spregiudicato.

Tuttavia, se non si è – ancora – in grado di condividerne alcuni, forse la reazione più saggia è quella di ‘sospendere il giudizio’ invece di rifiutarli.

Si può dire “oggi non sono in grado di accettare questo punto di vista ma forse domani, riflettendoci su o acquisendo altri dati, sarà possibile. Nel frattempo la metto in un ‘cassetto dell’anima’ da dove la tirerò fuori nel momento più opportuno”.

Se, invece, dietro a questa presa di posizione si nasconde un dogma – non mi piace questa cosa dunque non può essere vera – allora qui viene a cadere il principio stesso di una scienza dello spirito.

3 – APPROFONDIMENTO

La richiesta di approfondimento la trovo, evidentemente, la posizione più stimolante perché mi consente di analizzare alcuni aspetti che – per questione di spazio – non ho potuto affrontare nel primo articolo.

Iniziamo con il sottolineare il fatto che di uomini senza io non parla solo Steiner, ma molti altri autori e non solo nella nostra epoca.

Partiamo dalle testimonianze più antiche.

La fonte più autorevole da cui partire è naturalmente il Libro dell’Apocalisse.

Steiner aveva affermato:

Potrete vedere come a causa dell’azione del materialismo, diciamo, per esempio, con l’avvicinarsi della visone copernicana, un terzo degli uomini sia stato effettivamente ucciso spiritualmente, abbia, cioè, cessato di sviluppare una piena spiritualità. Ed è davvero terribilmente scioccante questa piaga delle locuste descritta nel libro dell’Apocalisse” (O.O.346).

L'enigma degli uomini senza io 4Egli mette dunque in relazione il materialismo con la progressiva comparsa di un numero elevatissimo di uomini senza io che non sono poi che le famose locuste descritte dal Libro dell’Apocalisse:

Queste cavallette avevano l’aspetto di cavalli pronti per la guerra. Sulla testa avevano corone che sembravano d’oro e il loro aspetto era come quello degli uomini. (Apocalisse 9.7)

Per essere certi che vi sia una relazione univoca tra la realtà degli ‘uomini senza io’ e gli uomini-locusta di cui parla l’Apocalisse, vediamo cosa dice Steiner alla fine della conferenza del 16 settembre 1924.

In particolare quando sostiene che, sin dall’antichità, sono esistite nature particolarmente sensibili che, riguardo a questa questione, hanno sempre affermato:

‘Oh, è terribile quello che significano questi squilli di tromba – osservati da un punto di vista sovrasensibile – nelle anime umane’. 

Ma gli uomini sulla Terra non ascoltano i suoni di tromba. 

Proprio in quest’epoca un gran numero di esseri umani dovrebbe invece prendere coscienza di ciò, dato che proprio adesso stiamo attraversando l’epoca della sesta tromba, delle cui caratteristiche più importanti ed effetti essenziali abbiamo parlato. 

Un terzo delle persone, come viene affermato (Ap 9,15), sarà ucciso. Questo avviene naturalmente solo nel corso del tempo. Ora, con il termine ‘uccidere’ viene intesa qui questa assenza di ‘io’ in quelle persone che erano già predisposte nella forma di cavallette” (O.O.346).

Lasciata l’Apocalisse e i suoi uomini-locusta abbiamo un altro testo autorevole dove questo argomento viene approfonditamente trattato.

L'enigma degli uomini senza io 5Si tratta del Corpus Hermeticum, importante testo ermetico e gnostico che risale a quasi duemila anni fa, nel quale si afferma che non tutti gli esseri umani possiedono il Nous, o scintilla divina attiva, nella loro interiorità.

Per comprendere il testo che segue, va sottolineato che in esso l’anima viene chiamata ragione e lo spirito intelletto; senza intelletto un essere umano è più simile a una ‘creatura irrazionale’ (animale) nelle sue motivazioni e nella sua vita.


“Dio ha distribuito la ragione a tutti gli uomini, o Tat, ma non così ha fatto per l’intelletto. (…)

– Perché dunque, o padre, Dio non distribuì l’intelletto a tutti gli uomini?».

– Volle, o figlio, che esso fosse per le anime come un premio da conquistare».

– E dove lo ha posto?».

– Ne ha riempito un grande cratere, che ha inviato sulla terra, nominando per questo un messaggero, con l’ordine di annunziare ai cuori degli uomini queste parole: ‘Immergi te stesso, tu che lo puoi, in questo cratere, tu che aspiri a risalire fino a colui che l’ha inviato quaggiù, tu che sai perché sei nato’.

Quanti dunque si radunarono ad ascoltare il messaggero e si immersero nel cratere contenente l’intelletto, furono tutti resi partecipi della conoscenza e divennero uomini perfetti, avendo ricevuto l’intelletto; quanti invece non vollero ascoltarlo, furono dotati di sola ragione, non di intelletto, ignorando così per qual fine sono nati e da chi.

Le sensazioni di costoro sono simili a quelle degli animali privi di ragione: il loro temperamento è soggetto all’ira e alla collera, non contemplano le cose degne di essere ammirate, sono rivolti unicamente ai piaceri e agli appetiti del corpo e credono che l’uomo sia stato generato solo per questo. Quanti invece parteciparono del dono di Dio, questi, o Tat, quando si confrontano con gli altri, sono come esseri immortali di fronte a mortali, poiché tutto comprendono con il proprio intelletto: tutto ciò che è sulla terra, nel cielo, e tutto ciò che è al di sopra del cielo, se pur vi è qualcosa al di sopra del cielo. Essendosi elevati così in alto, hanno potrà vedere il bene, considerando così la dimora di quaggiù come un male; avendo dunque disprezzato tutti gli esseri corporei e incorporei, si dirigono solleciti verso l’uno e il solo”.


Ora facciamo un salto di due millenni e arriviamo a Goethe, con il suo Faust.

E, precisamente, alla seconda parte dell’opera, terzo atto, quando Elena è accompagnata dal coro delle troiane. Queste hanno sembianze umane, sembrano donne, ma, in realtà – a parte Pantalide, che guida il coro – si tratta di esseri elementali rivestiti di sembianze umane.


L'enigma degli uomini senza io 6“PANTALIDE. Chi non si è conquistato un nome, né vuole cose nobili, appartiene agli elementi: andate dunque!

Nutro ardente desiderio di essere con la mia regina.

Non solamente il merito, anche la fedeltà custodisce a noi la nostra personalità.

TUTTE. Siamo state ricondotte alla luce del giorno;

in verità non come persone;

lo sentiamo, lo sappiamo, ma nell’Ade non ritorneremo mai più!

La natura eternamente viva pretende su di noi, spiriti,

come noi su di lei, pieno diritto”. (Faust, II parte III Atto)


E con ciò giungiamo ai giorni nostri, con un autore molto amato da un’intera generazione di persone interessate alla ricerca spirituale, Carlos Castaneda.

Egli, in Una realtà separata – dove illustra la differenza tra guardare e vedere, come capacità di conoscere la realtà dietro alle sembianze esteriori – parla dell’esistenza di uomini senza io:


L'enigma degli uomini senza io 7“- Non vedo io le cose come sono realmente?

– No. I tuoi occhi hanno imparato solo a guardare.

Pensa per esempio, a quelle tre persone hai incontrato, i tre messicani. Me li hai descritti particolareggiatamente, e mi hai persino raccontato che vestiti indossavano. Ma questo mi ha solo dimostrato che tu non li vedesti per niente. Se tu fossi in grado di vedere, avresti saputo immediatamente che quelli non erano persone.

– Non erano persone? Che cosa erano?

– Non erano persone, questo è tutto.

– Ma questo è impossibile. Erano esattamente come te e come me.

– No, non è così. Sono sicuro”.


Abbiamo poi un altro personaggio molto interessante, che si è occupato di gnosi e delle basi conoscitive della Tradizione esoterica dell’ortodossia orientale, vale a dire Boris Mouravieff, il quale ha parlato apertamente di uomini senza io.

Partendo dall’esoterismo cristiano e sulla base dello studio delle Scritture, egli sostiene che prima di Adamo ed Eva esistessero già esseri umani, ma che solo Adamo, Eva e i loro discendenti abbiano ricevuto il respiro dello spirito di Dio.

Secondo Mouravieff, dunque, si tratta di due razze che hanno sempre convissuto e che, anche oggi, abbiamo intorno a noi; una razza ‘pre-adamitica’ priva di spirito ed una ‘adamitica’ che è provvista di parte spirituale, di ‘io’.

L'enigma degli uomini senza io 8Anche se oggi, a causa della crisi del mondo moderno, avendo “perso il contatto con i centri superiori e quindi con il vero ‘io’” l’uomo adamitico sembri praticamente uguale alla razza pre-adamitica egli tuttavia, diversamente da quella, “ha ancora i suoi centri superiori, che gli garantiscano la possibilità di seguire una via di evoluzione esoterica. Allo stato attuale, l’uomo pre-adamitico è privo di tale possibilità, che però gli sarà fornita se l’umanità adamitica si evolverà come previsto durante l’epoca dello Spirito Santo”.

Qual è il destino della razza pre-adamitica dunque?

L’uomo pre-adamitico non si reincarna. Non avendo un elemento d’individualità in se stesso (in senso esoterico), egli nasce e muore, ma non ‘si incarna’, e di conseguenza non può re-incarnarsi”.

Oggi, continua Mouravieff, “le due razze sono totalmente mischiate: non solo le nazioni, ma anche le famiglie possono essere, – e lo sono in genere – composte da due tipi umani”.

Vi sono poi altre fonti interessanti anche se meno ‘blasonate’; a partire da John Baines che, nel suo libro The Stellar Man, afferma che gli esseri umani, come tutte le specie animali, hanno un anima collettiva unica per loro specie. Questo inconscio collettivo esercita una influenza de-individualizzante su alcuni esseri umani, spingendoli verso la mentalità del gregge, della folla.

E, ancora, Rupert Sheldrake il quale chiamerebbe questo il campo morfogenetico umano. Le persone che non hanno sviluppato la propria individualità cosciente sono, infatti, semplici automi che seguono l’influenza anestetica dell’inconscio collettivo.

Come si vede di uomini senza io è piena la letteratura, basta voler cercare.

Ma torniamo a Steiner con il suo approfondito esame di quest’aspetto spirituale del percorso dell’umanità.

In un terzo ciclo di conferenze – oltre ai 300c e 346 – Steiner parla di un grave rischio collegato al tempo nostro, vale a dire che coloro che non vogliono accettare il fatto che esiste un nuovo rapporto dell’uomo con il mondo spirituale – anche quando ne percepiscono qualcosa – di fatto si staccano dalla giusta connessione con tale mondo spirituale.

E ciò per via del fatto che vi sono molti uomini che non hanno il sé, l’io, completamente sviluppato. Costoro sono, di fatto, dei residui del passato.

Si tratta di residui di tempi antichi, in cui l’’io’ non aveva ancora compiutamente compenetrato gli uomini; esseri umani senza io che, non essendo in grado di accogliere il Cristo in quell’io che non sono stati capaci di sviluppare con l’intensità necessaria, perdono il Cristo” (O.O.254).

4 – CONCLUSIONE

Sulla base di queste testimonianze possiamo dunque ritenere di avere intorno a noi degli uomini senza io, che non sarebbero altro che le locuste di cui parla l’Apocalisse.

Questi esseri – come abbiamo visto – non possiedono un ‘io’ ma solo un corpo astrale, un corpo eterico e uno fisico – esattamente come gli animali.

Sono esseri ‘animici’, che hanno una natura infantile e che non sembrano ‘crescere’ per diventare adulti provvisti di pensiero cosciente.

L'enigma degli uomini senza io 9Molti di questi esseri costituiscono il bacino di utenza per esperimenti di mind control come l’MK Ultra o altro, sono facile preda di falsi guru, imbonitori e santoni di vario genere.

In questi, essi cercano quella individualità, quella centralità che fa loro difetto.

Altri, invece – percependo di non avere un destino, un karma – divengono facile preda di dipendenze di ogni genere, alcolismo, droghe, farmaci.

All’inizio del secolo scorso, dopo la caduta degli spiriti delle tenebre sulla Terra (ultimo terzo del secolo XIX) un gran numero di questi esseri ha partecipato alle due guerre mondiali.

Sono – in qualche modo – dei meri ‘corpi’ utilizzati dagli eserciti.

Trattandosi di esseri ‘vuoti’ può anche accade che vengano ‘riempiti’ da esseri subumani.

Se non vengono compresi, amati e curati in ambienti protetti possono essere preda di esseri malvagi.

Non possiedono una moralità indipendente, sono di fatto amorali, anche se, nel caso vengano amati e seguiti con consapevolezza spirituale, possono seguire e condividere la morale che viene loro insegnata ed anche imparare ad amare, un po’ come accade quando si allevano degli animali i quali rinunciano al loro istinto grazie alla vicinanza dell’uomo.

In tal caso è come se prestassimo loro il nostro ‘io’.

Quando commettono dei crimini non hanno in genere rimorsi di coscienza né provano pentimento.

Li si riconosce per la loro incapacità di amare.

Altri elementi sono l’ossessione per i beni materiali, la mancanza di originalità e alcune caratteristiche ‘predatorie’ del carattere.

Se invece di essere allevati con amore e comprensione subiscono il materialismo e l’egoismo imperanti, possono facilmente diventare preda di forze distruttive.

È come se, a quel punto, avessero come ‘io’ un’anima di gruppo arimanica.

L'enigma degli uomini senza io 10Uno degli argomenti, infine, che Steiner porta a supporto di questo proliferare di uomini senza io è quello relativo alla sovrappopolazione mondiale che iniziava ai suoi tempi ma che sarebbe aumentata esponenzialmente nel corso del secolo XX, sino a giungere ai numeri di oggi.

Quanti sono gli esseri umani nel complesso dell’evoluzione?

Non possono essere illimitati, devono avere un numero determinato.

E come mai se nelle epoche passate – fino al 1800 – si aveva la presenza contemporanea di un massimo di un miliardo di persone, oggi siamo a oltre 7 miliardi?

Anche contando nel passato quelli momentaneamente non incarnati sul piano fisico, come si raggiungono i numeri di oggi?

A tali domande Steiner rispose che le statistiche che si conducono su questo argomento si basano spesso su errori.

L'enigma degli uomini senza io 11Non prendendo in considerazione nelle analisi statistiche tutta la Terra, ma sempre solo una parte di essa, non si considera che in tempi passati altre parti del mondo ebbero popolazioni persino più numerose di oggi [era il 1924 e la popolazione mondiale sfiorava i due miliardi di unità]. Pertanto la statistica non sempre è attendibile nei particolari, lo è però nel complesso, in quanto è ben vero che nel nostro tempo è presente un enorme numero di uomini senza ‘io’, che, in realtà, uomini non sono”. (O.O.346)

Spero che questo secondo intervento possa essere stato d’aiuto alla comprensione dell’enigma degli uomini senza io.

pierocammPiero Cammerinesi: Sono un giornalista e ricercatore italiano indipendente che vive e lavora da anni negli Stati Uniti.
Già editore e pubblicista in Italia per tre decenni, ho studiato e lavorato in Italia, Germania e USA.
Ho frequentato la Scuola Orientale di Roma, approfondendo un percorso di studio del pensiero filosofico orientale antico, per laurearmi poi in Filosofia moderna, proseguendo gli studi in Germania, dove ho vissuto e insegnato.
Da sempre molto legato all’esoterismo ed alla cultura orientale ho seguito dapprima le lezioni e conferenze di Krishnamurti e gli insegnamenti di alcuni Yogin, fino all’incontro con Massimo Scaligero, che mi ha introdotto all’esoterismo occidentale. Per otto anni ho avuto lo straordinario privilegio di avere incontri settimanali personali con lui, fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1980.
Autore di articoli e saggi, ho tradotto dal tedesco libri di Rudolf Steiner, Gustav Meyrink e, più recentemente, di Judith von Halle.

Il nome “libero pensare” di questo sito intende sottolineare la mia indipendenza da qualsiasi dottrina, corrente o organizzazione esteriore, riconducendo ogni possibile ‘appartenenza’ alla Via del Pensiero di cui Massimo Scaligero è stato insuperato Maestro.

L’enigma degli uomini senza io ultima modifica: 2015-05-25T22:59:44+00:00 da prixi
About the Author
prixi

Redattore & Responsabile Canale Video di Altrogiornale.org