Mantello dell'invisibilità? Per ora è di due centimentri

Il Giornale Online
Ricordate il mantello di Harry potter, quello che lo rendeva invisibile? Alcuni scienziati e ricercatori injglesi non l'hanno dimenticato, e stanno cercando di realizzarlo. Ovviamente, parafrasando la mia affermazione, avrete sicuramente inteso che si sta cercando una tecnologia (assurda? impossible?magica?) che renda davvero invisibili.
Siamo a Birmingham, in Inghilterra, dove grazie ai cristalli di calcite delle conchiglie è stato realizzato un prototipo di un mantello che nasconda alla vista: I cristalli di calcite delle conchiglie riescono, a livello microscopico a riflettere e rifrangere i raggi di luce in maniera del tutto particolare che crea l'illusione ottica di un oggetto cancellato dalla vista.
Esagerato chiamare “mantello” questo prototipo che in realtà si tratta di una coppia di prismi di calcite affiancati l'uno all'altro delle dimensioni di un paio di centimetri. Oltretutto, Funziona solo quando è colpito da un raggio di luce con determinata polarizzazione e incidenza. ma è già qualcosa.

I ricercatori, guidati da Xianzhong Chen, affermano che è la prima volta che si ottiene “un mantello di dimensioni tanto grandi da essere apprezzabili dal nostro occhio, capace di funzionare alla lunghezza d'onda della luce visibile e di nascondere oggetti tridimensionali. In pratica, abbiamo realizzato uno strumento che per la prima volta soddisfa la definizione corrente di mantello dell'invisibilità” ancora: “apre la strada a future applicazioni con oggetti di più grandi dimensioni”
Prima di utilizzare i cristalli si usavano materiali costruiti pazientemente in laboratorio con le tecniche della nanotecnologia, fabbricando molecole al livello dei miliardesimo di metro.
Fino alla scoperta dei cristalli delle conchiglie si pensava che materiali capaci di deviare i raggi luminosi in maniera simile non esistessero in natura, mentre sarebbe bastato farsi quattro passi in spiaggia per trovarseli lì di fronte, tra le dita dei piedi.
Per creare un oggetto dell'invisibilità si devono creare strutture in grado di riflettere e curvare le radiazioni della luce in modo molto peculiare: bisogna fare in modo che la luce venga piegata come se provenisse dal retro dell'oggetto da nascondere anziché dalla sua parte frontale.

Fantascienza? A quanto pare solo tecnologia.
Fonte: http://technews.it/JGVbc
Vedi: http://www.geologia.com/pillole_mineralogia/include/4-birifrazione.php http://web.mit.edu/newsoffice/2011/invisibility-cloak-0125.html

Mantello dell'invisibilità? Per ora è di due centimentri ultima modifica: 2011-02-04T08:30:12+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)