Missione Russa Phobos-Grunt, la sonda è precipitata nell'Oceano Pacifico


NEWS SPAZIO :- Si è conclusa l'odissea della sonda Russa Phobos-Grunt, condannata a ricadere sulla Terra dopo la sua sfortunatissima vicenda.
In accordo con la maggior parte delle previsioni, il veicolo spaziale ha fatto rientro nell'atmosfera Terrestre ieri pomeriggio sul tardi, alle 18:45 ora Italiana. Secondo quanto dichiarato dal Ministero della Difesa Russo (Aerospace Defense Forces) la sonda ha impattato al di sopra dell'Oceano Pacifico ed alcuni frammenti hanno raggiunto il mare, a circa 1250 Km Ovest dall'isola di Wellington (Cile). Non si riportano notizie di alcun tipo di danno provocato dall'evento.

Phobos-Grunt, la più ambiziosa missione Russa per l'esplorazione della luna di Marte Phobos era rimasta bloccata nell'orbita di servizio intorno alla Terra subito dopo il lancio, avvenuto poco più di due mesi fa, a causa della mancata accensione dei propulsori che l'avrebbero dovuta immettere nell'orbita di trasferimento interplanetario per raggiungere il sistema Marziano.
Tutti i tentativi per prenderne il controllo via Terra si sono rivelati inutili, decretando così l'unico destino possibile per la sonda, rimanere vittima dell'attrito dell'atmosfera Terrestre e rallentare lentamente la propria corsa, abbassandone di conseguenza l'orbita fino al rientro incontrollato sulla Terra.
Il nuovo vice Primo Ministro Russo Dmitry Rogozin ha dichiarato che supervisionerà personalmente le indagini per determinare le cause del fallimento della missione.

Immagine: credit – Roscosmos
Fonte: http://newsspazio.blogspot.com/2012/01/missione-russa-phobos-grunt-la-sonda-e.html
Vedi: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/12_gennaio_11/sonda-russa-caprara_a504202c-3c7c-11e1-9394-8a7170c83e07.shtml

Missione Russa Phobos-Grunt, la sonda è precipitata nell'Oceano Pacifico ultima modifica: 2012-01-16T13:25:33+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)