La musica dell’architettura: il silenzio

Hai mai pensato a come suona l’architettura? Se avesse un suono, quale sarebbe? C’è musica nel silenzio?

L’architetto svizzero, ebanista e designer, Peter Zumthor (premio Pritzker di Architettura, 2009) e il compositore, musicista e strumentista americano John Cage, lo avevano chiaro.

La loro immaginazione e curiosità li portava a indagare e sperimentare concetti usati sia nell’architettura che nella musica: silenzio/suono, spazio-vuoto/spazio-occupato (non spazio), erano termini diversi come equivalenti e a loro volta dipendevano l’uno dall’altro ed offrivano un’ampia gamma di possibilità creative da sviluppare.

John Cage e Peter Zumthor

Zumthor e Cage conclusero che c’era musica nel silenzio degli spazi vuoti dell’architettura e tutto l’edificio ha un suono, ma per percepirlo era necessario modificare certe abitudini durante l’ascolto e il disegno.

Per John Cage era necessario rompere con il discorso musicale e prestare attenzione all’attività dei suoni. La musica è lì, nel nostro quotidiano, rendendo udibili le forze che da sole non sono, negli oggetti, nell’aria, ecc. Per questo, era necessario catturarli e trasformarli in suoni.

Ma per Peter Zumthor, la chiave è stata quella di progettare, costruire e immaginare l’edificio in silenzio, isolarlo per catturare la sua essenza e farne un luogo tranquillo per fermarsi in tal modo ad ascoltare l’ambiente.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

Penso che non si conoscessero personalmente, ma sono sicura che se lo facessero, sarebbero stati buoni amici perché, senza che loro lo sapessero, due delle loro opere più importanti hanno una relazione stretta e profonda.

Nel 1952, Cage creò la sua composizione più famosa: 4’33”, tre movimenti eseguiti senza toccare una singola nota. Un pezzo provocatorio e complesso, di difficile comprensione se si è portati via dai dettami della musica, che era una vera rivoluzione all’epoca. Quarantaquattro anni dopo, la più importante opera di Zumthor avrebbe visto la luce: Le Terme di Valzer a Graübunden (Svizzera 1996). Un progetto con una geometria e proporzioni perfette, austero nella sua concezione ma con un programma di servizi di grande ricchezza.

Secondo Cage, il suono è caratterizzato da frequenza, ampiezza, timbro e durata. Il silenzio (rumore ambientale), solo per la sua durata. Un’altra caratteristica che condividono è il caso, un fattore molto presente e determinante nelle creazioni musicali dell’artista, che raggiunge un ruolo di primo piano nella maggior parte di esse.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

Per lui, la musica era l’organizzazione di suoni senza scopo. Di qui la sua musica è considerata sperimentale perché, anche se ogni sua parte ha una struttura composita di base, l’effetto del complesso varia ad ogni esecuzione, perché in esse intervengono fattori legati alla natura dello spazio in cui è riprodotto e con il pubblico, influenzando tutti i suoni che sono stati prodotti.

Tuttavia, per l’architettura di Zumthor è una questione concreta e precisa, non è qualcosa di astratto, il risultato del caso. Un progetto su carta non è architettura, ma solo una rappresentazione grafica di ciò che l’architettura può essere, paragonabile alle note musicali. Ma per materializzare entrambi, la musica e l’architettura, devono essere eseguite.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Fotografia Felipe Camus.

Come definire e materializzare queste rappresentazioni? Con l’astrazione, a volte è necessario contemplare, immaginare, scorrere.

“… se riflettiamo sul fatto di fare il bagno e se pensiamo alla primavera calda, possiamo costruire un edificio più legato alla topografia e alla geologia del luogo che all’aspetto immediato dei dintorni. L’idea nasce dal fatto che è un bagno emerso dalla montagna. Proprio come la sorgente di acqua calda sale dalla montagna, l’acqua scorre da lì, e questo ha anche dimensioni nel tempo geologico.”

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

E lì, tra quei pensieri, l’idea appare.

E vediamo come un massiccio volume di cemento e pietra emerge dal fianco della montagna, come parte della topografia e geologia del luogo. Un monolite sonoro a cui ha rubato pezzi per giocare con il concetto di vuoto, l’assenza di materia, suono, luce, nel tentativo di unificare il vuoto e solido. Un insieme di sobrietà e semplicità quasi mistica .

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

La nuova costruzione fa parte di un complesso alberghiero esistente dagli anni ’60, che è stato costruito con l’obiettivo di ottenere un rinnovo del pubblico presente fino ad oggi. Il progetto Las Termas è integrato nel villaggio alpino di Vals (Svizzera) alla fine di una delle valle di un affluente del Reno, nota per le sue cave di pietra e acqua termale.

Per evitare la sua forte aggressione al paesaggio e la sua integrazione in esso, Zumthor innalzò il giardino pensile come un’estensione del paesaggio, i cui confini erano sfocati sull’orizzonte.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Fotocamera digitale Olympus.

Architettura in acqua e pietra che si incontrano e si uniscono, il cui flusso sonoro è il flusso della vita; una ricerca di simultaneità tra tempo e spazio; una squisita selezione dei suoni dell’ambiente nel più puro stile di Cage, in cui il superfluo viene eliminato, sia visivamente che uditivo e sensoriale.

L’edificio occupa una pianta rettangolare, dove una serie di volumi compatti/vuoti sono organizzati attorno alle due piscine principali. Questi blocchi sono formati da solidi muri strutturali in cemento che definiscono lo spazio e sostengono il sopracitato tetto del giardino.I blocchi contengono al loro interno spazio libero, terrazze o piccol piscine di differenti temperature, segnando così il citato ordine dello spazio come si trattasse di una partitura musicale al ritmo del compasso: solido/ silenzio e vuoto/suono.

Modello delle Terme di Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Peter Zumthor per il design Isho.

Tutte le sue facciate sono coperte da sottili lastre di gneiss di Vals, pietra proveniente da una cava locale. La facciata ha finestre e terrazze, ma non ci sono porte, l’unico modo per entrare è attraverso un corridoio sotterraneo, nell’hotel principale, che attraversa la montagna.

Immergiamoci in una delle sue piscine termali e seguendo il consiglio di Cage, cambiamo la nostra percezione mentre ascoltiamo. All’esterno, circondato da alte mura, come se fosse stato scavato nel mezzo della montagna; e negli interni, autentiche scatole di risonanza in pietra alte diversi metri, dove il gioco di luci – aperture strappate nei soffitti- e il silenzio generano una sensazione di perfetto isolamento e benessere -a 32°C- simile a quello all’interno di una grotta.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

Sentiremo il silenzio del vuoto. Una musica minerale e acquosa che emerge dal centro del complesso, dove tutto e niente è possibile; attraverso il quale possiamo abitare il mondo, ma senza segnarlo personalmente e individualmente rispondendo al nostro modo di intendere la vita. E così, libero da qualsiasi norma o ordine stabilito, saremo in grado di comporre la nostra melodia e creare il nostro spazio intimo, un angolo adatto al riparo da ogni aggressione o influenza esterna, dove alimentato per caso, natura e silenzio, possiamo fermarci ad ascoltare, contemplare e meditare.

Termas de Vals (Svizzera), architetto Peter Zumthor. © Per gentile concessione di Peter Zumthor.

Sandra Jiménez

“Il silenzio è l’interstizio dove avviene – abita – l’inaudito.”
– John Cage

elhype.com

La musica dell’architettura: il silenzio ultima modifica: 2018-10-11T13:29:18+00:00 da prixi
About the Author
prixi

Redattore & Responsabile Canale Video di Altrogiornale.org