Nasce in Francia una nuova commissione di studio sui fenomeni aerospaziali non identificati

In Francia, all’interno di un’associazione di eruditi, la AAAF (che è una Société Savante de France http://fr.wikipedia.org/wiki/Cat%C3%A9gorie:Soci%C3%A9t%C3%A9_savante_de_France ), nasce una commissione di studio dei fenomeni aerospaziali non identificati.

Che cosa fa la 3AF?
L’Associazione Aeronautica e Astronautica Francese ha per missione di:
-Riunire le persone fisiche e morali interessate alle scienze e alle tecniche dell’Aeronautica per ragioni professionali oppure per ragioni personali di curiosità, di cultura, di passione;
-Distinguere tra i suoi membri i migliori specialisti a livello internazionale;
-Favorire contatti frequenti con altri membri, nell’ambito della loro specialità e non, in particolare per i più giovani;
-Sviluppare un’importante fonte d’informazioni specializzate;
-Costituire un dibattito che permetta ai membri di far conoscere il loro punto di vista e i loro lavori;
-Rappresentare l’insieme dei membri presso le altre società scientifiche e tecniche francesi o straniere presso le federazioni aerospaziali.

Nascita della 3AF-PAN

Lettera di apertura – Editoriale

In tutto il mondo, le comunicazioni riguardanti fenomeni aerei non identificati si moltiplicano: luci nella notte in movimento, isolate o in gruppo, oggetti a forma di disco o sigaro, capaci di accelerazioni di gran lunga superiori a quelle dei nostri attuali aerei … Ne danno testimonianza l’impressionante numero di video amatoriali che appaiono su internet, con la loro parte di filmati senz'altro falsificati e scherzi vari, ma anche – ed è questa la novità – di filmati realizzati da reparti ufficiali, in particolare dall’aeronautica. Eppure questi fenomeni non sono nuovi: tali manifestazioni vengono regolarmente riferite nella stampa, durante e soprattutto dalla fine della seconda guerra mondiale.

I governi di tutti i paesi si sono sempre dimostrati estremamente discreti in proposito e numerosi fatti e testimonianze sono state ignorate o classificate sotto il sigillo della protezione “Secret Défense”. Da una decina di anni, cittadini di tutti i paesi iniziano a chiedere la de-classificazione di questi documenti, nonché il riconoscimento ufficiale di questi fenomeni, preludio indispensabile al loro studio scientifico e alla diffusione di un’informazione oggettiva per il pubblico.

La Francia è l’unico paese in cui lo studio scientifico e la raccolta dei Fenomeni Aerei Non identificati (PAN) è stato affidato, dal 1977, a un organismo ufficiale e civile, il Cnes, tramite un gruppo di studi, il GEPAN. Le fonti d’informazione del GEPAN provengono principalmente da protocolli d'accordo tra il Cnes, i Carabinieri (Gendarmerie), l’Aviazione Civile, l’Aeronautica e Meteo-France. Nel 2005, il GEPAN aggiunge alle sue missioni una componente d’informazione essenziale e diventa il GEIPAN (Groupe d’Etudes et d’information des Phénomènes Aérospatiaux Non-identifiés), il Gruppo di Studio e d’Informazione sui Fenomeni Aerospaziali Non identificati). Tranne che per le associazioni ufologiche che riuniscono persone provenienti da ogni parte, i dossier del GEIPAN sono poco conosciuti, in particolare dal pubblico e , anche, paradossalmente dagli ambienti scientifici.

Al contrario del grande pubblico che si divide tra creduloni aperti a ogni manipolazione e scettici chiusi a ogni evidenza, gli scienziati, sul tema, rifiutano generalmente di pronunciarsi in pubblico pur riconoscendo spesso, in privato, di essere interessati a informazioni affidabili e di qualità, con le quali potrebbero, esercitando la loro mente critica, effettuare la loro propria analisi e la loro propria sintesi. Tali informazioni affidabili e di qualità esistono ma la loro disponibilità necessita ancora un importante lavoro di analisi, convergenza e sintesi che i giornalisti dei media tradizionali, che considerano questi fenomeni in modo puntuale, con ironia o divertimento, non sono ancora pronti a compiere. La 3AF come società competente in materia aeronautica, spaziale e di difesa, si sente particolarmente interessata ai fenomeni aerei non identificati; intende rispondere nel modo più rigoroso e oggettivo possibile a questa mancanza d’informazione.

Ed è con questo spirito che abbiamo deciso di creare la commissione 3AF-PAN, dedicata a questo argomento. Intorno ad Alain BOUDIER si è costituita una squadra interdisciplinare composta da Pierre BESCOND, l'astronauta Jean-François CLERVOY, Khoa DANG-TRAN, Paul KUENTZ-MANN e Xavier PASCO, che accoglierà altri membri nel corso delle investigazioni.

Il lavoro effettuato da questa commissione si svolgerà in modo trasparente, ricercando la migliore articolazione con gli organismi già esistenti. La sua attività si concretizzerà con la pubblicazione di articoli nella lettera 3AF, dedicata alle testimonianze, analisi di documenti ufficiali, letture critiche di libri, sintesi di fonte Internet… Noi abbiamo la convinzione, o per lo mano ce lo auguriamo, che la qualità dei lavori di questa commissione darà modo di suscitare non solo il vostro interesse, cari soci, ma anche quella del grande pubblico e di costituire un intermediario critico per il diffondersi delle informazioni di origine ufficiale.

Michel SCHELLER
Presidente della 3AF

Fonte: http://www.aaafasso.fr/crbst_35.html
Tradotto da deg per Altrogiornale.org

Nasce in Francia una nuova commissione di studio sui fenomeni aerospaziali non identificati ultima modifica: 2008-10-11T08:34:35+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)