Non Più Uno Ma Infiniti Universi Possibili

Il Giornale OnlineQuello che osserviamo e studiamo, anche perché ci viviamo, il nostro Universo è nato 13,7 miliardi di anni fa da uno stato di energia estremamente grande anche se non infinita, e questo basta già a farci perdere la testa. Ma cosa pensare quando i fisici ci dicono che questo è solo uno di infiniti universi possibili? Si perché secondo i modelli teorici esposti su ArXiv in un articolo di Audrey Mithani e Alexander Vilenkin, il Big Bang sarebbe stato prodotto da una precedente fase chiamata "inflazionistica", fase in cui il "vuoto" (da non confondere col nulla) carico di energia oscura (una forma di energia ancora indefinita con effetti antigravitazionali) sarebbe "esploso" generando l'Universo in espansione. Naturalmente questi modelli si limitano a spiegare il come e non il perché, e rincorrono la causa prima del "vuoto esplosivo" all'indietro nel tempo, su un percorso a ritroso infinito e ripetibile, entrando nella dimensione dell'eternità. Qui le proposte diventano audaci e forti per le nostre menti, infatti i fisici dicono che questo processo inflazionistico che ha dato il via al nostro Universo col Big Bang, sarebbe in realtà un "evento naturale e sempre possibile". Cosa significa questo? Che il nostro Universo sarebbe solo una delle infinite manifestazioni locali di un avvenimento molto comune e ripetuto infinite volte, una specie di "bolla" spazio temporale in espansione da un tempo finito, fuoriuscita da un superuniverso che esiste da sempre, eterno, misterioso, e creatore continuo d'infiniti universi, in poche parole hanno trovato Dio. Ma se esistono davvero infiniti universi, paralleli e sfalsati nel tempo, ci si pone una domanda intrigante: possono questi universi "esistenti in dimensioni parallele", entrare in qualche modo in contatto fra loro? Anche qui ci sono fisici che si avventurano in allucinanti teorie che rispondono con un: "si è possibile". Per Nikodem Poplawski, fisico della Indiana University, il nostro e gli altri infiniti universi sarebbero stati originati dai buchi neri.

Esisterebbe una scorciatoia spazio temporale (chiamata "wormhole") che è un ponte fra due realtà estreme, il ponte di Einstein - Rose, previsto matematicamente dalla relatività generale ma mai osservato in natura (anche perchè bisognerebbe entrare in un buco nero....). Questo cunicolo spazio temporale collegherebbe due realtà opposte, il buco nero e il buco bianco, singolarità invertite nella loro natura ma anche nella direzione temporale: il primo si genera per collasso gravitazionale di materia, e persino di luce, attraverso l'orizzonte degli eventi nel tempo futuro, mentre il secondo sarebbe il prodotto del processo inverso, possibile solo se la freccia del tempo viene capovolta, e porterebbe all'emergere esplosivo di materia e di luce dall'orizzonte degli eventi, generando un Big Bang cioè un universo in espansione. La possibilità d'invertire la freccia del tempo è prevista dalla relatività generale, ma per gli effetti paradosso che porta con sé, molti scienziati pensano che sussistano forme di censura cosmica (nelle leggi fondamentali della fisica) tali da impedirne l'attuazione. Comunque sia, per Poplawski i buchi neri e i buchi bianchi sarebbero gli estremi inversi di un'unica realtà con opposta direzione del tempo, e segnerebbero due fasi estreme dell'essere: la fine e l'inizio.

I risultati del modello simulato da Poplawski sono compatibili col fatto che il nostro Universo sia collocato all'interno di un buco nero, che a sua volta si trova all'interno di un universo preesistente e più grande; secondo lui tutti i buchi neri possono avere ponti di Einstein - Rose che generano altri universi attraverso i buchi bianchi a loro connessi, e ciò renderebbe illimitato il numero degli universi possibili. E' inevitabile ripensare allora al modello esplosivo del Big Bang generato da un evento inflazionistico, dove nel vuoto gioca un ruolo chiave l'energia oscura antigravitazionale, e chiedersi se tutto ciò non sia proprio il risultato di un buco bianco che genera un universo in espansione. Se queste teorie sono vere l'orizzonte della conoscenza del creato si allargherebbe a dismisura, riservando sorprese inimmaginabili!

Fonte:

da Richard ven 01 giu 2012, 09:09 Stampa veloce crea pdf di questa news




Categorie News