La Cina continua i suoi primi passi nello Spazio

Il Giornale OnlineSono state effettuate con successo ieri le manovre per l'aggancio della navicella Shenzhou 9 al modulo Tiangong 1.

di Anna Lisa Bonfranceschi


Il 24 giugno in Cina verrà ricordato come il giorno dell'orgoglio , quello della conquista, in contemporanea, dello Spazio e dei fondali oceanici. Infatti, ieri il sottomarino Jiaolong è arrivato a oltre 7mila metri di profondità nel Pacifico, e sempre ieri la navicella spaziale Shenzhou 9, con a bordo la prima astronauta cinese, ha eseguito il suo primo docking manuale con il modulo orbitante Tiangong 1. Il primo passo verso una Stazione spaziale cinese permanente, che dovrebbe essere pronta per il 2020. Fino a ora le uniche manovre di docking erano quelle effettuate in controllo remoto da terra della scorsa settimana. Con quelle effettuate ieri invece dai tre taikonauti, Liu Yang, Jing Haipeng e Liu Wang, la Cina dimostra così di essere pronta a effettuare le manovre di assemblaggio necessarie a mettere insieme la propria casa nello Spazio, un analogo alla Stazione spaziale internazionale, che permetta di portare avanti esperimenti scientifici su un lungo periodo.

Il controllo manuale per il docking della navicella con il modulo orbitante è stato “preciso e perfetto”, e portato avanti con “calma e abilità”, come riferisce Wu Ping, portavoce del programma spaziale cinese sul New York Times Ecco alcuni dei momenti più emozionanti dell'aggancio effettuato dai taikonati, trasmessi in diretta tv e seguitissimi dal pubblico

Fonte:
da Richard lun 25 giu 2012, 14:50 Stampa veloce crea pdf di questa news




Categorie News