L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo”

sistema solareNir Shaviv Joseph è un professore di fisica israelo-americano, ricercatore nel campo dell’astrofisica e della scienza del clima, docente presso l’Istituto di Fisica Racah della Hebrew University di Jerusalem, ed è anche membro dell’Institute for Advanced Study di Princeton. Egli è meglio conosciuto per la sua controversa ipotesi solare/raggi cosmici del cambiamento climatico. Nel 2002, Shaviv ha ipotizzato che i passaggi del sistema solare attraverso i bracci a spirale della Via Lattea sembrano essere stati la causa delle grandi epoche glaciali negli ultimi miliardi di anni.

Nel 2014 Shaviv e colleghi hanno pubblicato una carta su Scientific Reports a titolo: E’ il movimento del sistema solare nella galassia impresso nel cambiamento climatico nel Fanerozoico? Conchiglie fossili, principalmente brachiopodi con alcuni conodonti e belemniti sono proposti come cronometri per collegare il clima terrestre al movimento verticale del sistema solare attraverso la galassia.

shaviv-galaxy

Il riassunto della carta :

“Un nuovo database δ18O del Fanerozoico, sulla base di 24.000 Mg conchiglie fossili calcitica, produce un importante 32 Ma oscillazione con una secondaria 175 Ma modulazione di frequenza. Le periodicità e fasi di queste oscillazioni sono coerenti con i parametri ipotizzati del movimento verticale del sistema solare attraverso il piano galattico, modulato dal movimento epicicloidale radiale. Proponiamo quindi che il moto del sistema solare nella galassia ha lasciato un’impronta nelle registrazioni del clima terrestre. Sulla base del movimento verticale, l’effettiva densità media galattica incontrate dal sistema solare … suggeriamo la presenza di un componente di materia oscura nel disco“.

Data-with-fit-shaviv

Figura 3 ripresa dal documento : L’oscillazione ML200 δ18O ripulita con un filtro passa-alto. I dati rivelano una distinta oscillazione di 32 milioni anni che si spiega naturalmente attraverso il moto del sistema solare perpendicolarmente al piano galattico.

 

Nir Shaviv ha recentemente pubblicato sul suo sito, un articolo, sugli effetti della radiazione cosmica sul clima. Shaviv, afferma alla fine:

I risultati hanno due implicazioni particolarmente interessanti. In primo luogo, portano ancora una volta in evidenza il legame tra l’ambiente galattico e il clima terrestre. Sebbene non vi sia alcuna prova diretta che i raggi cosmici sono il collegamento reale sulla scala temporale di 32 milioni di anni, per quanto ne sappiamo, sono l’unico legame che può spiegare queste osservazioni. Questo a sua volta rafforza l’idea che le variazioni dei raggi cosmici attraverso l’attività solare influenzano il clima. In questo quadro, l’incremento dell’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso dalla metà del XX secolo attraverso la riduzione del flusso dei raggi cosmici. Inoltre, in questo contesto, la sensibilità climatica è sul lato basso, inferiore (forse da 1 a 1,5 ° C di aumento per il raddoppio di CO2, rispetto alla gamma 1,5-4,5 ° C sostenuto dall’IPCC), il che implica che il futuro non è così disastroso come spesso profetizzato.

daltonsminima.altervista.org

 

L’astrofisico israeliano Nir Shaviv afferma: “L’attività solare è responsabile del riscaldamento globale occorso nella seconda metà del 20° secolo” ultima modifica: 2015-04-22T13:46:02+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)