NOAA PREVEDE PICCO DI TEMPESTE SOLARI NEL MAGGIO 2013


Dopo un lento avvio da Dicembre scorso dell'attività solare una giuria internazionale di esperti guidati dal NOAA Space Weather Prediction Center, prevede che la terra potrebbe essere colpita da una devastante tempesta solare in qualsiasi momento, con danni potenzialmente superiori ad un trilione di dollari.

Le tempeste solari sono eruzioni di energia e materia che sfuggono dal sole e procedono verso la Terra, dove anche una debole tempesta può danneggiare i satelliti e le reti elettriche, interrompere le comunicazioni, l'energia elettrica e il GPS. Un' unica forte esplosione del vento solare può minacciare la sicurezza nazionale, il trasporto, i servizi finanziari e altre funzioni essenziali.

Il gruppo prevede un picco nel mese di maggio 2013.

La misura più comune di intensità di un ciclo solare è il numero di macchie solari presenti. Più sono presenti macchie solari, maggiore è la probabilità che si verifichino tempeste solari, ma una forte tempesta si può verificare in qualsiasi momento.

Un recente rapporto della National Academy of Sciences ha rilevato che se una grave tempesta si verificasse oggi, potrebbe causare $ 1-2 miliardi di danni nel corso del primo anno e richiederebbe da quattro a dieci anni per il recupero, rispetto agli 80-125 miliardi di euro di danni causati dall' uragano Katrina.

Fonte: http://sites.google.com/site/thetruthere/Home/noaa-prevede-picco-di-tempeste-solari-nel-maggio-2013 , http://www.spaceweather.com/headlines/y2009/08may_noaaprediction.php?PHPSESSID=b69ikm7nkjle75ph6bp8f3n2l1

Valerio Ugliano
RIPRODUZIONE CONSENTITA SE SEGUITA DA:
10 MAGGIO 2009
http://sites.google.com/site/thetruthere/Home/noaa-prevede-picco-di-tempeste-solari-nel-maggio-2013

Argomenti correlati:

Scienza e mitologia della stella che ci dà la vita

L'energia solare dalla ricerca spaziale agli usi sulla Terra

NOAA PREVEDE PICCO DI TEMPESTE SOLARI NEL MAGGIO 2013 ultima modifica: 2009-05-10T09:23:45+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)