Nostradamus ..interventi dai Cieli nel nostro prossimo futuro?

Nostradamus nacque a Saint-Rémy, città provenzale, nella vallata del Baux, nel (1503. 1566) Il tempo in cui due mondi s' incontravano: il Medioevo e l'era moderna. Esprimerà in esse tutta la sua anima.

Nostradamus fu mirabile filosofo e poeta; scruta il mondo della politica con rara attenzione, tanto da essere guardato con sospetto dai signori del potere.

Parla il latino, il greco, l'italiano, lo spagnolo e, il provenzale sua madre lingua. Uomo di scienza, si dedica all'astrologia, all'astronomia, alla medicina e pratica chirurgia sui malati di peste per pura necessità. Benchè ebreo, pratica la religione cattolica, ed è osservante della Riforma. Furono molte le personalità dell'epoca a voler conoscere Nostradamus, il grande stregone che predice il futuro.

Persino Carlo IX in visita al suo regno si fermerà a Salon per conoscere il tanto discusso Nostradamus.

Su Nostradalus, si sono riversati oceani d'inchiostro, tutti i maggiori studiosi si sono interessati di Nostradamus, cercando d'interpretare le sue profezie, e tanti vantano di aver scoperto la chiave per interpretare le sue centurie. Io personalmente non credo esiste una chiave in grado di decifrare le sue profezie. Nostradamus era sopratutto un mistico e quindi si esprimeva ermeticamente. Tale ermetismo credo sia in grado d'interpretarlo solo un mistico. Questo, perchè un mistico si esprime con il linguaggio dell'anima. Espressione spontanea, quindi non prevedibile ne programmabile con operazioni matematiche, con lo scopo di lasciare ai posteri un prontuario in grado d'interpretare il linguaggio dell'anima. Solo i puri sono in grado di leggere le sue profezie. Alcune profezie riguardano il nostro futuro, purtroppo un futuro di guerre. Le “leggerò” per chi saprà ascoltare i suoni dell'anima.

La seguenti quartine sono un duro monito alla intera umanità e ai potenti della terra…. uomini in nero al servizio del male per cieca bramosia di potere.

X,74

Alla rivoluzione del grande numero sette,
Apparirà ai tempi giochi d’Ecatombe.
Non lontano dalla grande età del millennio
Coloro che entrano, usciranno dalle loro tombe

L'Europa abbandonando i principi fondatori, svilupperà una politica basata sul solo profitto, lasciandosi governare da uomini senza scrupoli, questi porteranno il popolo ad una vera ecatombe. Nel terzo millennio, solo i popoli che bandiranno tale politica scamperanno a tali sofferenze.

V,98

A quarantotto gradi climatici,
Alla fine del Cancro così grande siccità,
Pesci nel mare, fiumi, lago cotto disseccato.
Spalancato, rovinato dal fuoco nel cielo maledetto.

Questa quartina profetizza i disastri ambientali che l'uomo provocherà se non modificherà l'attuale sistema, che sta bruciando e inquinando velocemente le risorse della terra. Gli effetti prodotti dall'inquinamento porteranno grandi sconvolgimenti climatici e siccità. Il sole prive di barriere naturali, provocherà enormi distruzioni e malattie.

I,91

Gli dei si mostreranno agli uomini,
Quando essi saranno autori di grande conflitto,
Prima il cielo visto sarà come spada e lancia,
Che verso la mano sinistra porterà più grande afflizione.

La scelta di illudersi di governare il mondo con l'uso delle armi, presto ci porterà verso la III guerra mondiale. Dal cielo gli Dei (gli alieni) si mostreranno agli uomini ammonendoli con tutta la loro potenza, costringendoli alla ragione, e porre fine alla follia dell' uomo.

II, 39 Futuro III conflitto Mondiale

” Un anno prima dell'Italico conflitto,
Tedeschi, Francesi, Spagnoli per il potente,
La capo-scuola della repubblica cadrà,
Dove, salvo pochi, saranno morti soffocati. ”

Questa quartina profetizza che l'Italia si unirà agli altri paesi Europei per sconfiggere una potente nazione, solo un anno dopo l'inizio del conflitto, di cui solo pochi si salveranno dalla propria follia.

II, 57 Futuro terzo conflitto Mondiale (?)

” Prima del conflitto il grande muro crollerà,
Del grande la repentina morte compiangeranno,
Per imperfetta nave la maggior parte nuoteranno,
E accanto al fiume di sangue la terra tingerà. ”

Prima del conflitto, il muro dei due blocchi crollerà (URSS), e presto i popoli compiangeranno l'unico grande che poteva evitare tale disastro. Il male si fonderà in un unico grande male, e seminerà ingiustizie e disastri, e la terra sarà attraversata da fiumi di sangue.

X, 72 L'anno 1999 oppure Settembre 2001

” L' anno millenovecentonovantanove al settimo mese,
Dal cielo gran Re del terrore calerà:
D' Angumese il gran Re risusciterà,
Per tempo prima e dopo Marte regnerà. ”

Questa quartina, si riferisce sempre alla guerra. Che porterà dal cielo morte e distruzione. (Vedi le ultime guerre da parte della Nato). Da tale belligeranza si affermerà l'idea di risolvere i conflitti con l'uso delle armi. Tale stato di belligeranza regnerà per un certo tempo.

V,43

Saranno viste in cielo armi battersi:
Colui nel mezzo i divini nemici,
Vorranno le leggi sante ingiustamente abbattere
Per fulmine e guerra molti credenti a morte messi.

Con questa quartina, Nostradamus, vuole dirci che i divini nemici (Alieni), dopo un breve conflitto con la terra, per impedire nuove distruzioni e morte. Edificheranno un nuovo ordine di vera pace e fratellanza tra gli uomini.

Una lettera scritta al figlio Cesar come introduzione alle Centurie si legge:

“Prima che la Luna abbia completato il suo intero ciclo, il Sole e poi Saturno verranno. Dai segni celesti, regno di Saturno verrà una seconda volta così che tutto è calcolato ed il mondo si avvicina al suo ciclo finale.”

Tale lettera apocalittica, afferma che nel cielo ci saranno segni di sconvolgimenti cosmici per ben due volte. Da saturno la seconda volta, la terra subirà cataclismi e distruzione planetaria, per dare inizio ad una nuova era.

Fonte: Mistic.it

Nostradamus ..interventi dai Cieli nel nostro prossimo futuro? ultima modifica: 2007-07-16T08:19:11+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)