Nuove scoperte fanno collocare anteriormente i primi arrivi nelle Americhe

Il Giornale Online

Delle feci umane fossilizzate scoperte in una caverna in Oregon stanno costringendo gli archeologi a ricollocare temporalmente l'arrivo dei primi uomini nelle Americhe

© CORDIS.EUROPA.eu – Pubblicata il 07/04/2008

Delle feci umane fossilizzate scoperte in una caverna in Oregon stanno costringendo gli archeologi a ricollocare temporalmente l'arrivo dei primi uomini nelle Americhe, l'antico escremento è stato fatto risalire a più di 14mila anni fa, indicando che l'immigrazione si svolse circa 1000 anni prima di quanto si riteneva in precedenza.

Il lavoro, finanziato in parte dall'UE, è pubblicato on-line dalla rivista Science.

Le feci che vengono ora studiate sono state rinvenute nelle caverne Paisley, nella parte occidentale dello stato dell'Oregon, negli Stati Uniti. Le condizioni ambientali estremamente secche all'interno delle grotte hanno permesso a una serie di materiali, tra cui corde fatte con tendini e fibre vegetali, pelli, oggetti intrecciati, funi, spaghi e paletti di legno, come anche a ossa di animali e feci umane e animali, di conservarsi per millenni.

«Abbiamo trovato una piccola buca in fondo a una caverna,» ha spiegato il dott. Dennis Jenkins, dell'Università dell'Oregon, che ha guidato le spedizioni nelle cave. «Era piena di ossa di cammelli, cavalli e pecore selvatiche, e lì dentro abbiamo trovato un coprolite umano.»

I test del DNA hanno confermato che 14 dei coproliti (escrementi fossili) erano umani, e provenivano da Nativi americani con legami genetici con la Siberia o con l'Asia. La datazione con il metodo del carbonio-14 ha rivelato che il più antico coprolite risaliva a circa 14.340 anni fa. Secondo i ricercatori, questo non solo prova che gli Indiani d'America discendono dai primi immigranti nelle Americhe, ma prova anche che questa immigrazione si è svolta all'incirca 1000 anni prima di quanto si riteneva.

Vi sono molte teorie circa la data precisa di arrivo e la rotta seguita dai primi coloni delle Americhe. Tuttavia, la teoria maggiormente accettata è che delle popolazioni giunsero circa 13.000 anni fa dall'Asia attraverso un istmo che un tempo univa Siberia e Alaska. Questa popolazione si diffuse rapidamente in tutto il continente. Conosciuta come la cultura Clovis, essa si lasciò dietro caratteristiche punte di lancia e altri strumenti, ma pochi resti umani.

Si supponeva che la popolazione Clovis fosse giunta in Alaska attraverso un corridoio nel gigantesco ghiacciaio che copriva il Nord America a quel tempo. Quel corridoio si aprì soltanto all'incirca 14.000 anni fa, quindi queste scoperte sollevano nuove questioni in relazione a come queste antiche popolazioni migrarono a sud.

«Le nostre scoperte mostrano che c'erano popolazioni a sud del circolo polare artico varie migliaia di anni prima che si sviluppasse il corridoio libero dai ghiacci,» ha commentato il prof. Eske Willerslev dell'Università di Copenhagen, che ha condotto la squadra responsabile dell'analisi dell'antico escremento. «I primi esseri umani dovettero o camminare o navigare lungo la costa ovest dell'America per aggirare la calotta di ghiaccio. A meno che non fossero arrivati così tanto prima dell'ultima era glaciale, così da trovare l'istmo ancora libero dai ghiacci.»

«Se le prove raccolte con il DNA e la datazione con il metodo del carbonio-14 vengono confermate anche dai vari test a cui vengono sottoposti ulteriori coproliti in vari laboratori, allora avremo rotto la barriera del suono dei Clovis,» ha aggiunto il dott. Jenkins. «Se vogliamo cercare le prime popolazioni nel Nord America, dovremo spostarci di oltre 1000 anni prima dei Clovis per trovarle.»

Non è chiaro se gli abitanti delle caverne Paisley avessero o meno dei collegamenti con la cultura Clovis, poiché non sono stati trovati strumenti di pietra in quel sito.

Queste ultime prove fornite dal DNA confermano i risultati della ricerca eseguita nelle caverne Paisley negli anni '30 del secolo scorso dall'antropologo Luther Cressman, dell'Università dell'Oregon. Quando le scoperte del dott. Cressman vennero divulgate nel 1940, le sue conclusioni non vennero accettate da molti. Morì nel 1994.

«Cressman aveva ragione riguardo all'associazione dei reperti culturali umani con gli animali del Pleistocene, ma ci sono voluti quasi 70 anni e lo sviluppo e l'applicazione di nuovi metodi scientifici per provarlo,» ha detto il dott. Jenkins.

«Se i coproliti umani delle caverne Paisley non fossero stati analizzati con il DNA e sottoposti a una rigorosa metodologia di datazione, non si sarebbe potuta provare in modo conclusivo l'età pre-Clovis dei manufatti ritrovati con resti di megafauna. In altre parole, le componente pre-Clovis di questo sito potrebbe anche non essere stata notata o ignorata dagli archeologi,» ha aggiunto.

Il supporto dell'UE a questa ricerca è venuto dai progetti finanziati dall'UE FORMAPLEX («The exploitation of formalin fixed tissues for high-throughput genetic analyses: An HIV-1-HLA cointeraction case study«) e GENETIME («An interdisciplinary training site in ancient biomolecules«), entrambi finanziati dalle azioni Marie Curie nell'ambito del sesto Programma quadro (6°PQ).

Per ulteriori informazioni:
[link=http://www.sciencemag.org/cgi/content/abstract/1154116]Scienza [/link] [link=http://www.ku.dk/]Università di Copenhagen[/link] [link=http://www.uoregon.edu/]Università dell'Oregon[/link]

Fonte: http://www.newsfood.com/Articolo/Speciali/2008-04/20080407-scoperte-arrivi-Americhe.asp

Nuove scoperte fanno collocare anteriormente i primi arrivi nelle Americhe ultima modifica: 2008-04-09T20:33:17+00:00 da Quantico
About the Author
Quantico