Profezia Maya, rivoluzione delle coscienze?

Profezia Maya fine del mondo o rivoluzione delle coscienze?

Dopo la pubblicazione del libro di Jose Arguelles Il Fattore Maya: l’attenzione del pubblico è stata richiamata sull’antica profezia riguardante il calendario Maya ,(lungo computo) che segna l’inizio di questa era l’11 agosto 3114 aC, e termina il 21 dicembre 2012 dC, questa data è diventata il fulcro di molti articoli, libri e conferenze e di un prossimo film intitolato 2012.

Simili profezie sulla fine di questo grande ciclo si possono trovare in molti altri gruppi religiosi e culturali – Hopi, Navajo, Cherokee, Apache, Confederazione Iroquois, antichi Egizi, Kabalisti, Esseni, gli antenati Peruviani, i Subsaharan la tribù Dogon, gli aborigeni australiani.

Con poche eccezioni, la profezia Maya sulla fine del ciclo cosmico, il Quinto Mondo, è stato interpretato in termini di effettiva distruzione fisica dell’umanità e del mondo materiale, in modo simile l’interpretazione (interpretazione errata), del il termine apocalisse dei fondamentalisti cristiani, in particolare per i milioni di americani cristiani che nel tempo, di questa distruzione globale vivranno una esperienza di “estasi” e di unione con Gesù.

Le persone che pensano in questo modo non sono a conoscenza del fatto che il significato letterale del termine Apocalisse (dal greco Ἀποκάλυψις Apokálypsis) non è distruzione, ma “il sollevamento del velo” o “rivelazione”. E da qui la divulgazione di alcune segreti nascosti alla maggior parte degli uomini e rivelati solo ad alcune persone privilegiate.

La fonte di errore di interpretazione di questa parola è probabilmente la frase “apokálypsis Eschaton”, che letteralmente significa “rivelazione alla fine dell’ eone, o di una età.” Lo scopo di questa conferenza è considerare una diversa visione, più ottimistica dell’interpretazione della profezia Maya sopra descritta, ma riferita alla fine del mondo come lo abbiamo conosciuto: un mondo dominato dalla violenza, dalla sfrenata insaziabile avidità, egotistica gerarchia dei valori, istituzioni e società corrotte, e inconciliabili conflitti tra le religioni organizzate. Invece di prevedere una distruzione fisica del mondo materiale, la profezia Maya potrebbe riferirsi ad un processo collettivo di morte e di rinascita ad una trasformazione interiore di massa dell’umanità.

Al fine di esplorare questa idea, dobbiamo rispondere a due importanti questioni, in primo luogo, come hanno potuto gli antichi Maya duemila anni fa a prevedere a quale situazione si sarebbe trovata di fronte l’umanità nel XXI secolo? E in secondo luogo, vi sono indicazioni che la società moderna, più specificamente, la civiltà industriale, sia attualmente alla vigilia di un importante trasformazione psico-spirituale? Io cercherò di affrontare tali questioni nel corso della mia presentazione.

La profezia Maya relativa al solstizio d’inverno del 2012 è un importante dimensione astronomica.

Questo movimento è causata dalla cosiddetta precessione degli equinozi; oltre 2.000 anni fa i primi Maya hanno formulato una complessa cosmologia galattica. Furono eccellenti osservatori del cielo, e notarono che alla posizione del solstizio d’inverno il sole stava lentamente spostandosi verso un allineamento con l’asse galattico.

I Maya osservarono i grandi cambiamenti di proporzioni cosmiche che si verificano al momento di questo felice allineamento galattico. Questo è un evento che si verifica solo ogni 25.920 anni, che è il periodo necessario per l’equinozio di passare attraverso tutti i dodici segni zodiacali. CG Jung nel suo libro Aion e in altri suoi scritti usò il termine “Mese platonico “, per definire il periodo che copre l’Equinozio per passare attraverso una costellazione siderale zodiacale (circa 2160 anni) e il termine “Anno platonico” per il completamento di tutto il ciclo zodiacale.

La Cultura Maya denominata Izapa, ha ideato il Lungo computo, un calendario composto di tredici baktuns che identifica il momento in cui l’allineamento cosmico sarà massimizzato – Dicembre 2012. Il patrimonio culturale degli antichi Maya include la trasmissione attraverso monumenti di pietra scolpita con glifi e immagini riguardanti la profezia di questo benaugurale allineamento.

E’ chiaro il motivo per cui la lista dei presentatori di questa conferenza debba includere persone come John Major Jenkins, che ha condotto due decenni di studi archeologici sui Maya cercando di capire il significato originale di questi manufatti .(Jenkins 1998, 2002) Sitler Robert, che ha trascorso molto tempo con Maya contemporanei in grado di offrire intuizioni profonde della loro cultura (2006).

E ‘anche evidente come un compiuto storico e astrologo come Richard Tarnas sia in grado di apportare un contributo essenziale al tema principale della conferenza (Tarnas 2006). La mia area di interesse nel corso degli ultimi cinquanta anni è stato la ricerca sugli stati non-ordinaria di coscienza, o più in particolare, un importante sotto categoria di questi Stati per il quale ho coniato il termine Olotropici.

Questa composita parola significa letteralmente “orientato verso la pienezza” o “in movimento in direzione di integrità” (dal greco holos = tutto e trepein = movimento verso o in direzione di qualcosa). Questi sono stati che i novizi sciamani vivono durante la loro esperienza iniziatica e successivamente inducono crisi nei loro discepoli/pazienti. Culture antiche e native hanno utilizzato questi riti di passaggio nella loro cerimonie di guarigione. Essi sono stati descritti da mistici di tutti i tempi e implicano l’antico mistero di morte e rinascita. Procedure per indurre questi stati sono state sviluppate anche nel contesto delle grandi religioni del mondo – induismo, buddismo, taoismo, islam, ebraismo, cristianesimo e (Grof 2000, 2006).

E’ meno immediatamente evidente e richiede ulteriori spiegazione su come le esperienze e le osservazioni dello studio degli Stati Olotropici e l’esperienza di coloro che li vivono possono gettare nuova luce sul problema della profezia maya.

La chiave da considerare a questo proposito è che la coscienza vive una forte espansione (“tecnologie del sacro”), e queste procedure hanno svolto un ruolo essenziale e integrante nella cultura Maya.

Abbiamo ampie prove pittoriche Maya; stele di pietra, sculture, ceramiche che sono state utilizzate per questo scopo, il messicano cactus Peyote (Lophophora williamsii), funghi magici (Psilocybe mexicana o coerulescens noto che gli indiani come Xibalba okox o teonanacatl), le secrezioni della pelle del rospo Bufo marinus. Ulteriori prodotti vegetali utilizzati nella civiltà pre-ispanica Mesoamerica erano i semi di Morning Glory (Ipomoea violacea) chiamato dai nativi ololiuqui, Salvia divinorum, conosciuta anche come la salvia diviner, tabacco selvatico (Nicotiana rustica), e balche (bevanda fermentata a base di l’albero Lonchocarpus longistylus e miele).

Una tecnica psichedelica potente e specificamente Maya consisteva nel procurare un salasso massiccio usando bisturi fatti di spine dorsale di pastinaca comune, selce, od ossidiana provocando ferite alla lingua, ai lobi dell’orecchio, ai genitali (Schele e Miller 1986, Grof 1994).

Il salasso rituale aprì un reame esperienziale che non è normalmente accessibile prima della morte biologica. Questo Rituale di sangue apriva ad un regno esperienziale che non è normalmente accessibile prima della morte biologica.

I Maya usavano la visione del simbolo del Serpente per indurre le esperienze da shock con perdita di sangue. Questo simbolo rappresentava il punto di contatto tra il mondo della vita quotidiana degli esseri umani e il mondo degli dei dei sacri antenati, che si aspettavano di vedere comparire nelle loro visioni dei regni soprannaturali. Il bisturi è stato concepito come un oggetto sacro, con un potere enorme, era personificato in forma di Dio Perforatore.

A causa della straordinaria importanza che queste “tecnologie del sacro” aveva nella cultura Maya, è ragionevole presumere che la visione indotta dalla loro esperienze potrebbe avere fornito l’ispirazione per la profezia relativa 2012 e quindi svolto un ruolo importante nella sua articolazione. È quindi pienamente giustificato guardare a questa profezia attraverso il prisma delle scoperte della moderna ricerca sulla coscienza. Negli stati olotropici di coscienza è possibile ottenere rivelazioni profonde riguardo al modello matrice dell’universo progettato dall’intelligenza cosmica; esso e di tali sorprendenti proporzioni che è di gran lunga al di là dei limiti della nostra immaginazione quotidiana.

Gli individui che sperimentano stati psichedelici, incluso me stesso, riferiscono di avere avuto intuizioni profonde e illuminanti della dinamica creativa del cosmo. Piu specificamente, i pionieri psichedelici. Essi hanno inoltre visto che le dinamiche del mondo e gli archetipi sono sistematicamente correlati con i movimenti dei pianeti, i loro rapporti angolari, e la loro posizione relativa alle stelle fisse.

Questo ha condotto ad una comprensione completamente nuova dell’astrologia, delle sue origini, e sulla sua eminente importanza. Divenne chiaro che le origini “dell’astrologia” comprendono una visione globale del funzionamento del Kosmos e non un noioso accumulo di singole osservazioni e correlazioni tra eventi del mondo e i corpi celesti. Richard Tarnas, ha accumulato nel corso di un periodo di più di trenta anni una impressionante e convincente prova per un controllo sistematico delle correlazioni esistenti tra l’archetipo del mondo, la dinamica celeste, e la psicologica dei processi storici; e lo ha presentato nel suo paradigma innovativo e di rottura (nel suo libro Cosmos e Psiche (Tarnas 2006 ).

La ricerca astrologica di Rick è concentrata principalmente sulle correlazioni con i movimenti dei pianeti, ma esistono sistemi astrologici, che prestano grande attenzione alle stelle fisse; esperienze in stati olotropici sono in grado di fornire rivelazioni e intuizioni in questo senso. Un aspetto importante delle esperienze olotropiche afferma che trascendendo il tempo lineare è possibile visualizzare gli eventi nel mondo su una scala cosmica astronomica in tutta la su grandezza, come le scale del tempo del Calendario Maya o il Grande Anno Platonico.

In tutta la loro grandiosità, le scale del tempo come il Calendario di lungo computo Maya o il Grande anno Platonico sono modeste comparate ad altre inspirate da esperienze visionarie, come quelle riportate nella scienza Tantrica nella quale l’età dell’universo ammonta a bilioni di anni (un numero analogo nella valutazione dei moderni cosmologi), oppure a quelle discussa nella religione e mitologia indù, come la kalpas o il Giorno di Brahman che ammonta a miliardi di anni.

Le visioni degli antichi veggenti Maya avrebbero potuto con l’aiuto delle “tecnologie del sacro” vedere facilmente molti secoli futuri. La profezia Maya relativa all’allineamento galattico non è limitato alle osservazioni astronomiche e previsioni astrologiche, è intimamente interconnessa con la mitologia, con ciò che CG Jung ha chiamato l’archetipo del dominio dell’inconscio collettivo.

Ad esempio, i veggenti Maya si riferiscono al solstizio di dicembre come al “Padre Cosmico” e alla Via Lattea come alla “Madre Cosmica”. Si immaginavano il centro della galassia; “dove i moderni luoghi astronomici collocano un gigantesco buco nero”, come centro creativo e distruttivo del grembo.

Il tempo dell’allineamento galattico è quindi il tempo di una cosmica hieros gamos: del matrimonio sacro tra il femminile e il maschile. Nell’anno 2012, il sole avrà viaggiato sull’orlo di una nube di polvere cosmica noto come la Grande Fessura Scura che giace lungo il nodo Latteo e sembra dividere la sua luce in due percorsi.

I Maya chiamarono questa fessura scura Xibalba Scia (Strada alla Mala-vita) essa è indicata come un luogo di nascita e morte: e di morte/rinascita.

Era per loro il canale di nascita della Madre Creatrice Cosmica, dove il sole del solstizio di dicembre rinasce nel 2012. Era anche un luogo di morte, perché è la via d’accesso nel male, la terra del morto ed il non ancora nato. Queste associazioni non erano prodotti della fantasia di ogni giorno; ne dall’immaginazione che i Maya proiettavano sul cielo serale, ma erano il risultato degli apprendimenti diretti e dalle profonde connessioni tra il mondo archetipico i corpi celesti e i loro processi.

La profezia Maya è anche un importante collegamento con la mitologica storia del Hero Twins, Hunahpu e Xbalanque; gemelli eroi; che sono stati invitati alla loro morte dagli dèi a visitare Xibalba inferno e a giocare a palla con loro. Il signore Xibalba li sottopose a molte prove e i fratelli le superarono tutte, infine, sono morti e sono rinati come Sole e Luna (o secondo alcune interpretazioni, come Sole e Venere).

La parte del racconto che sembra particolarmente rilevante in questo senso è la battaglia dei due gemelli con l’uccello demone Vucub-Caquix ( “Seven-Macaw”); si tratta di un egoista e impulsivo governante, che pretende di essere il sole e la luna nel crepuscolo del mondo tra la prima creazione e quella attuale.

Egli sembra rappresenti l’ego archetipico che è dominante alla fine del ciclo. Seven Macaw sembra avere un archetipo parallelo nel Nuovo Testamento, l’ora della fine del dominatore o la “bestia”, noto anche come l’Anticristo. Hunahpu e Xbalanque sconfiggono Macaw Seven privandolo dei suoi denti (strumento della sua violenza), delle sue ricchezza e del suo potere.

Facendo questo, essi facilitano la risurrezione del loro padre, Hunahpu, un sovrano generoso che rappresenta la coscienza disinteressata e divina che è globale, egli mostra preoccupazione per tutti gli esseri, e prende decisioni politiche riguandanti le generazioni future o – come i nativi americani dicono – che interessano sette generazioni a venire.

La ricerca olotropica, la terapia psichedelica, holotropic breathwork, e il lavoro con persone in “emergenze spirituali” hanno dato un grande contributo alla comprensione della mitologia. I Miti sono comunemente considerati come prodotti della fantasia e della umana immaginazione non diversamente dalle storie di fantascienza moderna di drammaturghi e scrittori. Tuttavia, l’opera di CG Jung e Joseph Campbell hanno portato una novità radicale della mitologia.

In base a questi due grandi pensatori, i miti non sono fittizie storie sulle avventure di personaggi immaginari in paesi inesistente e quindi arbitrari dei singoli prodotti dell’umana fantasia. Piuttosto, i miti originano dall’inconscio collettivo dell’umanità e sono l’organizzazione di manifestazioni di primordiali principi della psiche e del cosmo, che Jung chiama archetipi (Jung 1976).

Gli archetipi esprimono se stessi attraverso la psiche individuale e i suoi più profondi processi, ma non sono originari del cervello umano e non sono i suoi prodotti. Loro sono superordinatori della psiche individuale e ne governano i principi. Negli stati di olotropici il mondo archetipico può essere sperimentato direttamente in modo convincente e autentico come il mondo materiale sembra essere, e più di così. Jung si riferisce a questo dominio come immaginale per distinguere le esperienze transpersonali che comportano figure archetipiche; e domini immaginari prodotti dalla fantasia individuale.

Lo studioso francese, filosofo e mistico, Henri Corbin che usò per primo il termine imaginalis mundus, inspirato a questo riguardo dai suoi studi della letteratura mistica islamica (Corbin 2000).

I teosofi islamici denominano il mondo immaginale, come luogo in cui tutto ciò che esiste nel mondo sensoriale ha il relativo analogo, ‘alam a mithal,’ o “l’ottavo clima,„ per distinguerlo “dai sette climi,„ le regioni di geografia islamica tradizionale.

Il mondo immaginale possiede ‘estensione e dimensioni, forme e colori, ma questi non sono percepibili ai nostri sensi come sembrano avere gli oggetti fisici. Tuttavia, questo regno è sotto ogni aspetto pienamente e ontologicamente reale e suscettibile di convalida consensuale da parte di altre persone; come il mondo materiale percepito dai nostri organi sensoriali. Gli archetipi sono essenze senza tempo, principi d’ordinazione cosmica, che possono anche manifestarsi come personificazioni mitiche, o divinità specifiche di varie culture.

Le figure della mitologia Maya – Hunahpu, Xbalanque, Sette Macaw, Quetzalcoatl (Kukulcan), e altri – come quelli di qualsiasi altra cultura sono ontologicamente reali e quindi possono essere sperimentate direttamente da parte di individui che vivono stati olotropici . Come John Major Jenkins ha sottolineato, e Giorgio de Santillana ed Hertha von Dechend hanno contribuito alla comprensione di un altro aspetto degli archetipi; importante e rilevante per il problema della profezia Maya.

E’ descritto nel loro libro Hamlet’s Mill; il profondo legame che esiste tra mito e processi astronomici (de Santillana e Dechend 1969).

Nel 1948, dopo molti anni di studio sistematico di mitologie relative a diverse culture del mondo, Joseph Campbell ha pubblicato il suo pionieristico libro “l’Eroe dai mille volti”,che nei decenni successivi ha profondamente influenzato la ricerca e la comprensione in quel campo (Campbell 1968). Nell’analisi ad ampio spettro dei miti di varie parti del mondo, Campbell ha realizzato che tutti i loro contenuti sono variazioni di una formula di archetipo universale, che ha chiamato il monomito.

E rappresenta la storia del protagonista, sia maschio o femmina, che lascia la sua casa e, dopo una fantastica avventura che si conclude con una esperienza psicospirituale di morte e rinascita, ritorna come un essere divinizzato. La storia degli eroi Gemelli Maya è un classico esempio del Viaggio dell’Eroe di Campbell. Esso appartiene a una vasta gamma di motivi archetipici che possiamo trovare negli stati olotropici. Mi auguro di aver adeguatamente affrontato la discussione relativa alla prima domanda che ho in precedenza introdotto durante la mia presentazione:

“Come avrebbero potuto gli antichi Maya duemila anni fa sapere ciò che sarebbe stato importante per l’umanità nel XXI secolo?” Il tema di Joseph Campell ” viaggio dell’eroe” ci porta alla seconda questione: “Se la profezia Maya non si riferisse alla fine del mondo e alla distruzione fisica dell’umanità, ma ad una profonda crisi psicospirituale collettiva di morte e rinascita comparabile a quello descritta Campbell su scala individuale, ci sono indicazioni che tale trasformazione interiore sia possibile o che, in realtà sia già in corso!?

Il mio approccio a questa domanda non si basa solo su osservazioni delle esperienze di migliaia di persone in stati di coscienza olotropici, terapia psichedelica, sessioni di holotropic breathwork, e crisi psicospirituali spontanee “emergenze spirituali” ma anche sulla vasta esperienza personale di questi Stati. Vorrei iniziare questa discussione raccontandovi di una sequenza esperienziale di una delle mie sessioni psichedeliche. Che mi ha fornito profonde intuizioni sull’archetipo della Apocalisse, un motivo che si verifica relativamente raramente negli stati olotropici, ma è particolarmente rilevante per il tema della nostra conferenza.

Nei circa cinquanta minuti della sessione, ho iniziato a sperimentare una forte attivazione nella parte inferiore del corpo. Il mio bacino stava vibrando mentre enormi quantità di energia si liberavano provocandomi delle scosse estatiche. Ad un certo punto, questa energia effluente mi ha spostato in avanti in una mania furiosa d’ebbrezza, in un vortice cosmico che alternava creazione e distruzione ed enormi quantità di energia che si liberava.

A un certo punto, questo flusso di energia mi ha avvolto in una lunga inebriante frenesia in un vortice cosmico della creazione e della distruzione. Al centro di questo mostruoso uragano di forze primordiali vi erano quattro figure erculee che eseguivano ciò che sembrava essere l’ultima danza cosmica con la sciabola.

Avevano forti caratteristiche mongola con zigomi sporgenti, occhi obliqui, col capo rasato decorato da grandi code di cavallo intrecciate.

Giravano in una frenetica danza, facendo oscillare grandi armi che sembrava falci o a forma di scimitarra; tutti e quattro roteavano formando una rotante svastica. Intuitivamente ho capito che questo monumentale scena archetipica era connessa con agli inizi del processo di creazione e contemporaneamente alla fase finale del cammino spirituale.

Nel processo cosmogenetico (del movimento dell’unità primordiale e pluralità dei mondi) le lame delle scimitarre rappresentano la forza che è la divisione e la frammentazione del campo unificato della coscienza cosmica; e l’energia creativa in innumerevoli singole unità. In relazione al cammino spirituale, che ha rappresentato la fase in cui le persone; i ricercatori; trascendono la coscienza che separa e polarizza e raggiungono lo stato di unità originaria indifferenziata.

La direzione di questo processo sembra essere correlato alla rotazione in senso orario e antiorario delle scimitarre Proiettata nel mondo materiale, questo motivo archetipico sembra essere correlato alla crescita e allo sviluppo (il seme o ovulo fecondato diventa un organismo) o alla distruzione delle forme (guerre, catastrofi naturali, decadimento).

Poi l’esperienza ha aperto un inimmaginabile panorama di scene di distruzione. In queste visioni, calamità naturali, come eruzioni vulcaniche, terremoti, caduta di meteore, incendi boschivi, inondazioni e maremoti, sono stati combinati con le immagini della città che brucia, il blocco di ogni cosa, il collasso di alti edifici, la morte di massa, e l’orrore delle guerre.

A dirigere questa ondata di annientamento totale erano queste quattro macabre immagini archetipiche che simboleggiano la fine del mondo. Mi sono reso conto che questi erano i quattro cavalieri della Apocalisse. (epidemie, guerre, carestie, e morte). Le continue vibrazioni e gli scossoni del mio bacino si erano sincronizzate con i movimenti di questo infausto cavallo che sono diventato.

Mi sono unito alla danza, diventando uno di loro o forse tutti e quattro loro in una sola volta, lasciandomi alle spalle la mia identità. Improvvisamente, vi è stato un rapido cambiamento di scenario e ho avuto una visione della grotta di Platone quella che descrive nella”Repubblica”.

In questo lavoro, Platone descrive un gruppo di persone che vivono incatenate tutta la loro vita in una grotta, di fronte a un muro bianco. Essi guardano le ombre di cose che passando davanti all’ingresso della grotta si proiettano sulla parete; e credono sia la realtà. Il filosofo si illumina come un prigioniero che si libera da questa illusione e arriva a comprendere che le ombre sulla parete sono illusorie, così come si può scoprire la vera forma della realtà piuttosto che le mere ombre vista dai prigionieri.

Questo è stata seguito dalla profonda e convincente consapevolezza che il mondo materiale della nostra vita quotidiana non è fatta di «cose», ma creato dalla coscienza cosmica, una infinitamente complessa e sofisticata orchestrazione di esperienze. Si tratta di un gioco che gli indù chiamano Lila, creato dall’illusione cosmica chiamata; Maya.

La scena finale di maggior effetto della sessione è stata: “un palcoscenico magnifico di teatro riccamente ornato che rappresentava una parata dei principi universali ed impersonali, archetipi – attori cosmici che attraverso un’interazione complessa creavano l’illusione del mondo fenomenico”.

Erano personaggi proteiformi con molte sfaccettature, i livelli e le dimensioni di senso mantenevano le loro forme in una evoluzione estremamente intricata, olografica, dipendente dall’osservatore. Ciascuno di essi sembrava rappresentare contemporaneamente l’essenza della sua funzione e tutte le manifestazioni concrete di questo elemento nel mondo della materia.

Questa è Maya, il principio etereo e misterioso che simboleggia l’illusione del mondo; Anima,incarnazione del femminile eterno; un Marte- come personificazione di guerra ed aggressione; come gli Innamorati, rappresentano tutti i drammi sessuali e romantici in tutta secoli; la figura reale del sovrano; l’Eremita; l’Imbroglione elusivo; e molti altri. Mentre questi personaggi sfilavano sul palcoscenico si giravano nella mia direzione come si aspettassero il mio apprezzamento per lo spettacolo che mostravano del divino gioco cosmico.

Questa esperienza mi portò una comprensione profonda del significato del motivo archetipico dell’Apocalisse.

Sembrò improvvisamente assolutamente sbagliato per me vederlo come riferito esclusivamente alla distruzione fisica del mondo.

È certamente possibile che l’Apocalisse nel futuro possa davvero manifestarsi su scala planetaria come un evento storico potenziale di tutti gli archetipi. Ci sono molti esempi di situazioni in cui l’energia di motivi archetipici ha attraversato il confine che separa l’archetipico dal regno del mondo materiale,nella nostra la storia. Il gigantesco asteroide che 65 milioni di anni fa uccise i dinosauri, le guerre di tutti i tempi, la crocifissione di Gesù, il medievale sabba delle streghe la danza della Morte, i campi di concentramento di Nazisti, Hiroshima, sono solo alcuni esempi salienti. Ma l’importanza primaria dell’archetipo dell’Apocalisse è che funziona come un’importante pietra miliare nel viaggio spirituale.

Emerge nella coscienza del cercatore quando lui o lei riconoscono la natura illusoria del mondo materiale. Quando l’universo rivela la sua vera essenza, come realtà virtuale, come gioco di coscienza cosmica, il mondo della materia è distrutto nella psiche dell’individuo.

Questo potrebbe essere il significato “della fine del mondo citato nelle profezie Maya. L’osservazioni moderna relativa agli stati di coscienza è rilevante per un’interpretazione positiva della profezia maya come connessa ad un fenomeno molto comune in olotropica , che considera l’esperienza dell’Apocalisse; come una esperienza di morte e rinascita psico-spirituale.

Questa esperienza ha giocato un ruolo cruciale nel rituale spirituale della storia dell’umanità – nello sciamanesimo, nei riti di passaggio, negli antichi misteri di morte/rinascita delle grandi religioni del mondo (si veda il concetto cristiano di essere “nato di nuovo” e l’indù “dvija”). Il processo di morte e rinascita è un multivalente archetipo che si manifesta su diversi livelli, in diversi settori e vie, di auto esplorazione e terapia ed è strettamente legato al ri-vissuto e alla consapevole integrazione della memoria della nascita biologica. La Morte e la rinascita psicospirituale è uno dei temi più importanti nel lavoro terapeutico utilizzato da coloro che praticano la respirazione olotropica.

Quando inizia una regressione durante il processo esperienziale di auto esplorazione profonda, ci si sposta al di là del livello dei ricordi infantili e si raggiunge il livello dell’inconscio, che contiene la memoria della nascita, si incontrano emozioni forti e iniziano sensazioni fisiche di estrema intensità, che spesso superano qualsiasi esperienza precedentemente considerata umanamente possibile.

A questo punto, le esperienze diventano una strana miscela di temi di nascita e morte. Essa comporta un sensazione di grave pericolo di vita e di confinamento e determina una disperata lotta per liberare noi stessi e sopravvivere. A causa dello stretto legame esistente tra questo dominio dell’inconscio e la nascita biologica; per il quale ho scelto il nome “perinatale”.(peri: significa “vicino” o “intorno”, e la radice natalis significa “relativo alla nascita”).

Questa parola è comunemente utilizzata in medicina per indicare vari tipi di processi biologici che si verificano poco prima, durante e immediatamente dopo la nascita. In ostetricia si parla, per esempio, di emorragia perinatale, infezioni,o danno cerebrale. Tuttavia, poiché la medicina tradizionale nega che il bambino possa avvertire coscientemente la nascita e sostiene che questo evento non sia registrato nella memoria, non si sente parlare mai delle esperienze perinatali.

L’uso del termine perinatale in relazione alla coscienza riflette i risultati della mia ricerca ed è interamente nuovo (Grof 1975) La regione perinatale dell’inconscio contiene le memorie di ciò che il feto ha sperimentato nelle fasi consecutive del processo di nascita, comprese tutte le emozioni e sensazioni fisiche in cui è stato coinvolto.

Queste memorie formano quattro gruppi di esperienze distinte, di cui ciascuno è collegato con una delle fasi del processo di nascita. Ho coniato per loro il termine Matrici Perinatali (BPM) di base. BPM I consiste dei ricordi dello stato prenatale nella fase della gestazione fino a poco prima che inizi il processo di nascita. BPM II si riferisce alla fase in cui l’utero si contrae, ma la cervice non si apre ancora. BPM III riflette la lotta per nascere dopo che la cervice uterina si è dilata. E per concludere, BPM IV riguarda la memoria dell’emersione nel mondo, la nascita in se. ll contenuto di tali matrici non è limitato alle memorie fetale; ciascuna di esse prevede anche l’apertura selettiva in un vasto dominio nella psiche inconscia che noi oggi chiamiamo transpersonale.

Ciò include l’identificazione empirica con persone e altre forme di vita, memorie ancestrali, razziali, collettive, filogenetiche e karmiche, materiale dell’inconscio collettivo storico ed archetipico, che contenga motivi di qualità esperienziale simile. L’emergere di questo materiale alla coscienza costituisce il processo di morte e rinascita psico-spirituale dal quale risulta una profonda trasformazione interiore.

Alcune intuizioni vissute da persone che sperimentano stati olotropici di coscienza sono direttamente connesse con la crisi globale attuale in relazione con l’evoluzione della coscienza. Esse mostrano che abbiamo esteriorizzato nel mondo moderno, molti dei temi essenziali del processo di morte e rinascita che una persona coinvolta in una profonda trasformazione personale si trova di fronte, con i quali viene a patti interiormente.

Gli stessi elementi che si incontrano nel processo di morte e rinascita psicologica nelle esperienze visionarie di cui trattiamo stasera qui. Ciò è particolarmente vero per quanto riguarda i fenomeni che caratterizzano la terza matrice perinatale (BPM III) (Grof 2000). Come ho già detto in precedenza, questa matrice è legato alla fase di nascita, quando la cervice è aperta e il feto sperimenta l’espulsione attraverso il canale di nascita.

Questa fase è associata con l’emergere del lato d’ombra della personalità umana- la violenza omicida gli eccessi o le deviazioni sessuali, elementi scatologici, immagini sataniche. E ‘facile vedere le manifestazioni di questi aspetti del processo di morte rinascita nel mondo inquieto di oggi. Noi certamente vediamo l’enorme scatenamento di impulsi aggressivi nelle tante guerre e sconvolgimenti rivoluzionari. L’aumento della criminalità, il terrorismo gli scontri razziali.

Altrettanto drammatica e sorprendente è l’abolizione della repressione sessuale e la liberazione dell’impulso sessuale in entrambi i modi sani e problematici. Esperienze sessuali e comportamenti stanno assumendo forme senza precedenti, nel quale si manifesta la libertà sessuale degli adolescenti, il sesso prematrimoniale, la liberazione gay, promiscuità generale, matrimoni aperti, elevato tasso di divorzi, possibilità per tutti di accedere a libri, giochi e film a contenuto sessuale sadomasochistico, e molti altri. Anche l’elemento demoniaco; è sempre più evidente nel mondo moderno.

Rinascimento della stregoneria e culti satanici, popolarità di libri e film horror a temi occulti, crimini satanici. Il terrorismo dei gruppi fondamentalisti e fanatici.

La dimensione scatologia è evidente nel progressivo inquinamento industriale, l’accumulo di rifiuti prodotti su scala globale, il rapido deterioramento delle condizioni igieniche nelle grandi città. E’ più di una forma astratta, la stessa tendenza all’aumento della corruzione e al degrado politico, militare, economico, e le istituzioni religiose, tra cui la presidenza americana.

Gli antichi Maya hanno mostrato profondo interesse per la morte e per il processo di morte e rinascita. Gran parte del rituale e della loro arte è stata dedicata al processo di morte, dall’ingresso dell’anima nel sottosuolo; Xibalba chiamato ad una rinascita e apoteosi finale. La mitologia Maya e la sua arte funebre descrive la morte come un viaggio di cui erano note le sfide; e le sue tappe importanti sono state raffigurate su bare, pitture, ceramiche, giade, e altri oggetti che hanno accompagnato il defunto durante la grande transizione.

Purtroppo, non vi sono testi da comparare a quello egiziana o tibetano, dal momento che gran parte del patrimonio letterario Maya è stata perso per i posteri. Soltanto alcuni codici, (accordion-like bark paper screenfolds) con illustrazioni ricche e variopinte, sono sopravvissuti al clima caldo umido dell’America Centrale e sfuggiti alla devastazione del invasori spagnoli.

Tuttavia negli anni 70, i mitologi Lin Crocker e Michael Coe potevano distinguere un gruppo di vasi funerari dipinti nello stile dei codici Maya, probabilmente dagli stessi artisti. Il cardiochirurgo e archeologo Francis Robicsek ha potuto mettere assieme notevoli prove a supporto della sua teoria che determina la sequenza dei vasi “del codice di ceramica” , descritta ora nel libro” Maya Book of the Dead” (Robicsek 1981) e “Maya Ceramic Vases from the Classic Period”.

Osservazioni derivanti della ricerca sugli stati olotropici di coscienza hanno gettato nuova luce sulla propensione umana alla violenza e alla sfrenata ed insaziabile avidità – due forze che hanno animato la storia umana da tempo immemorabile e anche attualmente minacciano la sopravvivenza della vita su questo pianeta. Questa ricerca ha rivelato che questi “veleni”, come sono chiamati nel Vajrayana, tibetano hanno profonde radici più di quanto le attuali scienze biologiche e psicologiche presumono.

Profonde motivazione sono alla base di queste forze pericolose della natura umana, esse hanno la loro origine nei livelli perinatale e transpersonale della psiche, che i principali settori della psicologia non ancora riconoscono (Grof 2000). La constatazione che le radici della violenza umana e dell’insaziabile avidità raggiungano livelli molto profondi della psiche e il fatto che questo non sia ancora stato integrato dalla scienza accademica può sembrare scoraggiante.

Tuttavia, tutto ciò è è bilanciato dalle eccitanti scoperte di nuove pratiche terapeutiche; e dalle potenzialità di trasformazione che diventano disponibili in olotropica come dimostrano i livelli perinatale e transpersonale della psiche.

Abbiamo osservato nel corso degli anni guarigioni profonde, psicosomatiche ed emotive, come pure radicale trasformazione della personalità, in molti di coloro che sono stati coinvolti in serie e sistematiche esperienze di auto-esplorazione e ricerca interiore. Per alcuni si è trattato di supervisioni di sessioni psichedelico, altri hanno partecipato a workshop di holotropic breathwork in formazione o di varie altre forme di psicoterapia esperienziale e di auto-esplorazione.

Si verificano spesso simili cambiamenti in soggetti che sono coinvolti in pratiche sciamaniche o meditatori che regolarmente praticano vie spirituali.
Abbiamo anche assistito a profondi cambiamenti positivi in molte persone che hanno ricevuto un adeguato sostegno durante gli episodi di crisi psico-spirituali spontanee (“emergenze spirituali”).

Come riferisce anche il tanatologo Ken Ring che lavora con gruppi di trasformazione come “Omega esperienze” che include esperienze vicino alla morte, e gruppi di persone rapite da alieni (Ring 1984). Quando il contenuto del livello perinatale dell’inconscio emerge nella coscienza ed è integrato, gli individui coinvolti sperimentano radicali cambiamenti personali. Essi sperimentano una considerevole diminuzione dell’aggressività e diventano molto più tranquilli, si sentono molto meglio con se stessi, e maggiormente tolleranti con gli altri.

Chi vive l’esperienza di morte e rinascita psico-spirituale consapevole riesce a creare una connessione positiva con le memorie prenatali o postnatali riduce le ambizioni e l’irrazionalità. Essa provoca uno spostamento di attenzione da passato e futuro per il momento presente e migliora la gioia di vivere, lo slancio vitale, sviluppa la capacità di godere e trarre soddisfazione da semplici circostanze della vita, come le attività quotidiane, il cibo, l’amore, la natura, e la musica.

Un altro importante risultato di questo processo è l’emergere di una spiritualità universale e di una mistica della natura che, a differenza dei dogmi delle religioni principali, è molto convincente e autentica, perché è basata sulla profonda esperienza personale. Tipicamente il processo di apertura e di trasformazione spirituale si approfondisce ulteriormente a seguito di esperienze transpersonali, come l’identificazione con altre persone, interi gruppi umani, animali, piante, e anche sostanze inorganiche e dei processi in natura.

Altre esperienze forniscono l’accesso ad eventi che si verificano in altri paesi, culture e periodi storici e/o mitologici e regni di esseri archetipici dell’inconscio collettivo. Esperienze di unità cosmica e/o per la propria divinità fino all’identificazione con tutta la creazione che inducono un senso di commozione, stupore, amore, compassione e pace interiore. Quello che era iniziato come un processo psicologico per sondare la psiche inconscia condotto a fini terapeutici o di crescita personale automaticamente diventa una ricerca filosofica circa il senso della vita e un viaggio di scoperta spirituale. Persone, che si connettono al dominio transpersonale della loro psiche, tendono a sviluppare un nuovo apprezzamento per l’esistenza e la venerazione per tutta la vita.

Una delle conseguenze notevoli nelle varie forme di esperienze transpersonali è l’emersione spontanea di interesse, sensibilità e preoccupazione di carattere ambientale e umanitario. Le differenze tra le persone sembrano essere interessanti e arricchenti piuttosto che minacciose, siano esse legate al sesso, razza, colore, lingua, convinzione politica o credo religioso.

A seguito di tale trasformazione, queste persone sviluppano un profondo senso di sentirsi cittadini planetari piuttosto che cittadini di un determinato paese o membri di una determinata razza, sociale, ideologica, politica, religiosa o di gruppo. essi sentono spesso il bisogno di essere coinvolti in un servizio per un certo scopo comune.

Questi cambiamenti sono simili a quelli che si sono verificati in molti degli astronauti americani che furono in grado di vedere la terra dallo spazio (cfr. Lemle Mickey il documentario The Other Side of the Moon). E ‘evidente che le massime priorità come creature biologiche devono essere aria pulita, acqua e suolo. Altre preoccupazioni, come profitto economico, armamenti militari, progresso scientifico e tecnologico, ideologie religiose, sono problemi secondari, la priorità su questo imperativo fondamentale.

Non è possibile violare il nostro ambiente naturale e distruggere altre specie simultaneamente senza danneggiare noi stessi. Questa consapevolezza si basa sulla cellulare conoscenza che i confini dell’universo sono arbitrarie e che ognuno di noi, in ultima analisi coincide con l’intera rete di esistenza. In considerazione del fatto che in natura tutto viene eseguito in cicli e si basa sui principi di valori ottimali di omeostasi (dinamic steady state ) e sostenibilità, la civiltà tecnologica che ricerca freneticamente la crescita economica illimitata, lo sfruttamento di risorse non rinnovabili, e l’aumento esponenziale di inquinamento industriale ostile alla vita sembra essere pericolosa follia.

Nel mondo della biologia l’eccesso di calcio, vitamine, o anche di acqua non è meglio della mancanza di tali sostanze ; e la crescita illimitata è la caratteristica principale del cancro. E ‘chiaro che una trasformazione associata all’esperienza di morte e rinascita psico-spirituale farebbe aumentare le nostre possibilità di sopravvivenza se potesse attuarsi su una scala sufficientemente vasta. Il grande filosofo e scrittore tedesco Johann Wolfgang Goethe era consapevole di quanto sia importante l’esperienza di morte e rinascita psico-spirituale per la qualità della nostra vita e il senso di appartenenza, quando ha scritto nella sua poesia Selige Sehnsucht:

“Und so lang du das nicht hast, dieses: Stirb und werde! Bist du nur ein trüber Gast auf der dunklen Erde. ”E finché non si verifica questo : “Muori e sia! Sei solo un ospite torbido sulla terra buia”. Ora possiamo tornare al tema della nostra conferenza e del presente documento – la profezia Maya, relativo al 2012. Se questo sia o no stato previsto dagli antichi veggenti Maya, siamo chiaramente coinvolti in una drammatica corsa con il tempo che non ha precedenti in tutta la storia dell’umanità. Qual è la posta in gioco? Niente di meno che il futuro dell’umanità e della vita su questo pianeta.

Molte delle persone con le quali abbiamo lavorato hanno visto l’umanità di fronte ad un bivio critico: annientamento collettivo o salto evolutivo di coscienza senza precedenti per natura e dimensione. Terence McKenna per dirla in modo conciso: “La storia della scimmia sciocca,……” (McKenna 1992).

O subiamo una trasformazione radicale della nostra specie o non potremmo sopravvivere. Il risultato finale della crisi che stiamo vivendo è ambiguo ed incerto; si presta ad interpretazioni pessimistiche o ottimistiche e ciascuna di queste possibilità può essere sostenuta dai dati attuali. Se continuiamo le vecchie strategie, che nelle loro conseguenze sono chiaramente estremamente distruttive e auto-distruttive, è improbabile che la civiltà moderna sopravviva. Tuttavia, se un numero sufficiente di gente subisce un processo di trasformazione interna profonda, potremmo raggiungere una fase e un livello di sviluppo di coscienza che ci farebbe meritare il fiero nome che abbiamo dato alla nostra specie: homo sapiens; e vivere in un nuovo mondo che avrà poca somiglianza a quella vecchio.

Stanislav Grof, M.D.

Presented by Dr. Grof at the “Unveiling 2012” Conference held on May 29, 2009 in Colorado.
The Conference featured visionaries, teachers, researchers, and experts in the field of consciousness.

Profezia Maya, rivoluzione delle coscienze? ultima modifica: 2011-10-18T15:23:40+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)