Quando cariche opposte si respingono

[youtube=350,300]2227271001

Gli OPPOSTI si attraggono sempre, giusto? Non proprio. Un nuovo esperimento ha mostrato che una goccia di acqua con carica elettrica positiva può essere fatta “rimbalzare” da un oggetto carico negativamente.

William Ristenpart http://www.chms.ucdavis.edu/research/web/ristenpart/ dell'Università della California a Davis, ha applicato accidentalmente un forte campo elettrico ad un bicchiere pieno di olio e acqua. In un primo momento la miscela ha eruttato in modo turbolento, ma quando ha abbassato il voltaggio, Ristenpart ha visto goccioline di acqua http://www.newscientist.com/article/mg20026865.400-spinning-water-droplets-behave-like-black-holes.html sospese nell'olio, che rimbalzavano tra l'elettrodo nella parte superiore del bicchiere e il confine olio-acqua al di sotto. Le goccioline erano cariche positivamente, allora perchè non si sono mischiate col corpo di acqua carico negativamente?

Ristenpart ha riprodotto il felice incidente, però filmando con una camera ultra-veloce. Il video mostra che quando una gocciolina si avvicina al confine acqua-olio, si allunga leggermente, formando un minuscolo ponte. Ristenpart pensa che ioni positivi escano dalla goccia ed elettroni negativi entrino attraverso il ponte, così la goccia, ora carica negativamente, è attirata verso l'elettrodo positivo, dove ottiene nuovamente la sua carica positiva originale e così via. La scoperta potrebbe portare a nuovi dispositivi microfluidici e a metodi migliori per separare acqua salata da petrolio greggio.
17 Settembre 2009

Fonte: http://www.newscientist.com/article/mg20327267.000-when-opposite-charges-repel.html

Altrogiornale.org agrees to indemnify RBI and New Scientist against any claim arising from incorrect or misleading translation

Quando cariche opposte si respingono ultima modifica: 2009-09-20T22:23:04+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)