Risvegliarsi al punto zero – seconda parte

Circuito Sacro

Gregg Braden

Cervello, cuore, cellule, terra. Il battito del nostro cuore è sintonizzato con la terra.

C’è sintonizzazione tra noi e il nostro pianeta, tra noi ed il modo in cui ci sentiamo uniti al nostro pianeta madre, chiamato Circuito Sacro.

Tutti i giorni, inconsapevolmente, siamo parte di questo circuito, lo viviamo. Le cellule del nostro corpo sono sintonizzate con il nostro cervello che è in sintonia con il nostro cuore, che è in sintonia con la terra. Qualsiasi cosa viva sulla terra è sempre sintonizzata con essa, in consapevolezza. La roccia è sintonizzata alla terra, ma la roccia non ha scelta, non ha libero arbitrio. Noi, con le nostre emozioni e con le relazioni della nostra vita, possiamo generare quegli schemi di interferenza che ci impediscono di avere il circuito sintonizzato automaticamente .

Le nostre pulsazioni elettromagnetiche del cuore rispondono a quelle della terra; paragonando due grafici, uno umano ed uno collegato alle pulsazioni della terra, in un invio di quel sentimento che per noi è l’espressione dell’amore, si nota che ogni volta che si ha un picco nel grafico della terra, lo si ha nel grafico dell’uomo. La terra, gli alberi, la natura risponde all’uomo. La differenza è che la terra tiene sino a 8 cicli al secondo, mentre il cuore umano è capace di tenere sino a 16 e 24 cicli al secondo. C’è uno scambio di amore, momento emozionale di scambio elettromagnetico, mentre la terra risponde all’uomo e nello stesso tempo dall’uomo sta imparando ad aumentare le pulsazioni.

Il circuito sacro in cui siamo immersi, si completa così:
Risonanza – potere della creazione
Centro dell’Universo
Raggio di sincronizzazione galattica – Via Lattea
Centro delle stelle – Sole
Centro del pianeta – Terra
Centro del cuore
Centro del cervello
Centro cellulare

Il Sole sta cambiando il suo campo magnetico e la terra sta provando a rispondere. Il nostro Sole, la nostra stella, è sintonizzato con qualcosa, con quel Raggio di sincronizzazione proveniente dal centro della nostra galassia, la Via Lattea. Ogni volta che c’è un cambio di vibrazione, la materia deve rispondere; così questa vibrazione varia, ogni componente di questo circuito varia, deve farlo. Se la terra si sta muovendo attraverso una diversa vibrazione, deve cambiare per rispondervi. Il solo modo che la terra conosce, per adattarsi al cambiamento, è di cambiare la sua forma, sospendere la sua attività. Ci sono 12 placche multitettoniche che scivolano in continuazione lungo la sua superficie e stanno rispondendo al nuovo tono.

C’è un nuovo tono nella Creazione, la Terra ha bisogno di cambiare la sua forma per adattarsi. Ciò che cambia, cambia all’interno di ciascuno di noi, a causa della risonanza. Noi viviamo il Circuito Sacro. Possiamo scegliere se sintonizzarci o meno, attraverso le emozioni. La paura, lo vedevamo prima, è lo schema di interferenza che impedisce la completa risonanza nel Circuito Sacro, tra Terra, Cuore, Cervello, Cellule. Attraverso la paura e le sue maschere, ci siamo allontanati dal nostro pianeta; non c’è relazione tra il nostro cuore e la nostra terra. La nostra civiltà razionale, tecnologica, si basa sulla parte sinistra del cervello. Questo ci ha allontanati dal sentire del cuore. Non amiamo il nostro pianeta, anzi, facciamo di tutto per distruggerlo.

Le antiche culture e le loro tradizioni stanno prendendo piede, ci dicono che dobbiamo tornare in questo circuito, che dobbiamo avere rispetto e amore per la nostra terra. Come mai nella nostra cultura imperano sentimenti come rabbia, dolore, controllo e così tanti aspetti di sfiducia?

La paura è proprio l’unico schema che non ci permette di mantenere la nostra vita sintonizzata con il Circuito Sacro.

La paura è stata impiantata nelle nostre griglie, e probabilmente non è neanche la nostra paura. Molti degli schemi che viviamo probabilmente non sono nostri. Dobbiamo uscire dagli schemi altrui.

Quello che succede nella nostra vita è che abbiamo a che fare con problemi di autostima, di difficoltà nel ricevere ed attiriamo relazioni adatte a far fronte alle nostre aspettative. Stiamo vivendo la paura universale di non essere meritevoli. Ci hanno detto che il solo fatto di venire al mondo è peccato e ci comportiamo di conseguenza, ciò è impiantato nelle nostre griglie, come uno schema.

E’ attraverso gli schemi della nostra vita, i rapporti della nostra vita ed attirando gli schemi a noi utili e cercando di equilibrarli che noi stiamo sintonizzando il nostro corpo per affrontare l’esperienza del punto zero. I nostri rapporti diventano i nostri Templi. Ci stanno insegnando e preparando al cambiamento. Nell’affrontarlo ci accorgiamo che ciò ci spaventa: quando si nasce, ci si collega a delle griglie, degli schemi preesistenti e non sapendo come affrontarli, si passa tutta la vita nel tentativo di uscirne fuori.

Quanti di noi si sono chiesti: ma dove sto andando? Cosa sto facendo? Qual è la mia origine? C’è questo sentimento di essere stati abbandonati come specie e di sentirsi persi, come se qualcuno ci avesse portato qui e ci avesse lasciato, restando così separati dal resto della Creazione. C’è la paura di arrendersi, di lasciarsi andare, abbandonarsi al processo della vita

Questi sono i problemi che ci accingiamo ad affrontare ora e questo è quello che qualsiasi iniziato del Tibet, o Egitto, o Indiani d’America ha fatto quotidianamente.

Loro lavoravano a questi problemi. Loro avevano la fortuna di abbandonare tutto, di andare in un tempio e di lavorare sulla loro personalità per anni. Noi non lo possiamo fare. Attraverso i problemi e le relazioni possiamo però muoverci attraverso il circuito sacro, in quel processo che si chiama “lo spostamento”. La nostra vita ed i nostri rapporti sono il mezzo con cui noi oggi risolviamo la nostra iniziazione. Dobbiamo imparare a modificare i nostri punti di vista, non più “guardando il nostro mondo”, ma cominciando a “vedere” senza condizionamenti, senza cercare schemi che ci sono familiari, senza cercare di comparare con qualcosa che già si conosce.

Potremmo avere uno schema vecchio, di 15, 20 anni che potremmo non riconoscere perché molto grande, e dentro questo schema, lo schema di un mese, e dentro questo schema, lo schema di un minuto: tutti questi schemi ci dicono in sostanza la stessa cosa, sotto diverse sfumature, se sappiamo riconoscere ciò nella nostra vita. Se invece non sappiamo riconoscere, ci capiterà qualcosa: l’essere potente che noi siamo, attirerà una situazione che non potremo ignorare, sino a quando non risolveremo il nostro schema. Il test di Manderbrot: rappresentazione grafica e figura del punto in cui ordine e caos si incontrano . L’ordine del nostro mondo, ed il caos del nostro mondo, stanno facendo strada ad un nuovo ordine.

La nostra esperienza è olografica. L’esperienza che facciamo a livello più ampio e quella che abbiamo in un minuto, sono lo stesso principio a due livelli differenti. Quello schema si ripeterà sempre. Se prendiamo in considerazione il grafico di Manderbrot, vediamo come, per quanto si cerchi di entrare nello schema, si ritorni sempre da dove si è cominciato, come dire che vivremo le nostre esperienze sempre tra ordine e caos, per lo meno cercheremo di vivere in equilibrio. Ogni giorno veniamo messi alla prova per vedere come riusciamo a mantenere l’equilibrio e come ci sentiamo senza carica.

Anche quando non riusciremo a vedere lo schema nella sua interezza, non saremo capaci di vivere un rapporto senza significato. Tutte le esperienze hanno significato; nel modo in cui permettiamo agli altri di parlarci, o il modo in cui ci rivolgiamo agli altri, o nel rapporto a due, è il modo di mostrare chi e che cosa crediamo di essere in un dato momento: condividiamo con le consapevolezze, questa è la chiave. Vivremo la nostra vita cercando di ritrovare l’equilibrio perfetto, anche se, per innumerevoli volte, ci avvicineremo per poi allontanarci.

Arriveremo ad un livello, il Julia-set, in cui nella nostra vita raggiungeremo l’equilibrio, vedremo l’insieme dello schema e immediatamente ripartiremo per nuove esperienze. La prossima volta che si trova quell’equilibrio, è la fine della vita. Così la fine della nostra vita, questa volta, non è la nostra morte, è la nascita di una nuova saggezza, di una nuova vita, quella che viene chiamata “Svolta epocale”. Ricominceremo da un punto di equilibrio, che è quello che stiamo cercando di raggiungere adesso.

Lo stesso messaggio è stato trovato in un campo di grano in Inghilterra, in un “crop circle”. E’ la prima equazione, il primo glifo che può essere convalidato matematicamente ed è lo stesso messaggio che arriva a noi da antichi testi . La domanda è: qual’ è il caos e qual è l’ordine? Forse il caos è ordine, è un certo tipo di ordine in se stesso, è l’ordine che fa posto all’ordine più alto. Le scuole misteriche ci insegnano la compassione, cioè a sentire senza carica. Il rapporto tra le emozioni che stiamo vivendo e quello che stanno facendo alla nostra espressione genetica, al nostro DNA è uno scollegamento anche se non consapevole.

Togliere la carica dai sentimenti ora non ha più lo stesso significato. Più “carica” mettiamo nei rapporti, più gettiamo il nostro potere, reagendo. Con “l’indifferenza”, non ci toccheranno più, non reagiremo ed alla fine capiremo di avere mantenuto il controllo sulla situazione.

Stiamo cercando il nostro equilibrio nel cambiamento, attraverso la scelta “della compassione degli Esseni”. Tutti stanno parlando anche a livello scientifico che il DNA sta cambiando, la doppia elica del DNA si sta modificando.

Una delle due eliche si stacca e contiene tutta l’informazione di cui ha bisogno il nostro corpo per formare un gruppo di composti che si chiamano aminoacidi e da cui derivano le proteine, che ci permettono di essere quello che siamo: occhi, capelli, ossa, denti, funzione metabolica, tutto quanto. I 20 aminoacidi che abbiamo in noi, sono rappresentati da un codice a tre lettere, da uno schema, e rappresentano tutti gli schemi di cui siamo consapevoli sino ad ora.

Lungo le strisce del DNA, questi aminoacidi appaiono e codificano da qualche parte. Come possono sapere dove codificare, lungo le strisce? Gli aminoacidi vengono definite dai biologi catene laterali . Ognuno ha forma diversa ed ognuno è stato codificato diversamente sulla base di come si combina con carbonio, idrogeno, azoto ed ossigeno. Così, per le forme di vita basate sul carbonio, abbiamo una matrice di 64 possibilità che chiamiamo “codice genetico”. Come mai di queste 64 possibilità, solo 20 sono disponibili per noi a tutt’oggi?

Coniando il termine “microchakra” per applicarlo agli aminoacidi, si vuole dimostrare come essi abbiano un funzionamento molto simile a quello dei chakras del corpo. I chakras sono organi non ancora fisici, che ruotano molto velocemente e ruotando si sintonizzano sulle griglie che abbiamo visto essere create dalla vibrazione della creazione. Ed è così che ci si sintonizza alla creazione.

I chakras del nostro corpo, che sono collegati con le ghiandole endocrine, vibrano e si armonizzano con le griglie della creazione. Ognuna delle forme degli aminoacidi è diversa, ed è una microantenna che si sintonizza geneticamente su un certo insieme di informazioni: è un’antenna a forma di microchakra.

Abbiamo 64 possibilità di antenne a cui possiamo sintonizzarci, ma di queste ne abbiamo accese solo 20. Cosa succede con tutte le altre informazioni su cui non siamo sintonizzati? Che cosa determina quello di questi codici che viene attivato?

Negli ultimi anni si è scoperto che c’è un pulsante che accende e spegne i codici del nostro corpo, che permette di avere un sistema immunitario forte o debole, un sistema di rigenerazione cellulare forte o debole. E’ un interruttore che permette di determinare come si risponde ai raggi ultravioletti o al buco dell’ozono. Il pulsante sono le emozioni, il pulsante è il sentire. Come ci si sente determina quale dei 64 codici viene attivato e quali sono le configurazioni dei codici.

Quando sentiamo un’emozione, una vibrazione, viene espressa in un’onda, che programma il DNA. L’emozione determina in quali luoghi, lungo il DNA, si accende e si spegne. L’onda della paura, lenta e a bassa frequenza, ha tante possibilità di intersecare il DNA, quindi di accendere le antenne lungo la catena. L’onda dell’amore è più corta e ad alta frequenza. Nell’amore abbiamo accesso a più stazioni, ci sintonizziamo alle griglie che ci hanno allontanato dalle cose che ci avrebbero permesso di essere lì all’inizio. L’onda lunga dell’emozione, programma l’onda corta del DNA.

Come ci sentiamo determina il modo in cui codifichiamo geneticamente.

Ora stiamo cominciando a capire che non è vero che se impariamo a non aver paura impariamo ad amare, ma che quando la paura se ne va, rimane solo lo schema che chiamiamo amore. La paura è la distruzione di quello schema. Non è che dobbiamo imparare a non aver paura per poi imparare ad amare, è vero invece che dobbiamo lasciare all’amore lo spazio d’azione che merita nella nostra vita.

Mentre frequentiamo la “scuola misterica” della nostra vita, ci colleghiamo con le griglie che ci permettono di procedere in modo differente, che ci permettono di raggiungere la risonanza con le informazioni utili a farci comprendere la creazione. Semplicemente sentendo in modo diverso, abbiamo la possibilità di modificare ciò che è a livello molecolare nel nostro corpo.

Questo è quello che veniva offerto nelle scuole misteriche, e che da un certo punto in poi non è stato più compreso. Questo è ciò che sta succedendo a noi, oggi, mentre passiamo attraverso i templi dei nostri rapporti. Nel momento in cui li risolviamo, risolviamo la nostra iniziazione ed impariamo ad accedere a codici che non sono stati mai raggiunti prima.

Quello che in vari libri la ricerca scientifica definisce “mutazione genetica spontanea”. Pazienti terminali che non muoiono, perché? Perché hanno una scelta: o arrendersi e morire oppure attingere dalla parte più profonda del loro essere e poi cambiare il loro punto di vista. E’ quello che fanno. Mangiare, pensare in modo diverso, pregare, respirare, semplicemente facendo così, accendono quei codici che non avevano acceso prima. Negli ultimi anni prima della “fine del ciclo” stiamo dando vita all’interno della nostra specie ad una nuova specie genetica, con la stessa impronta genetica che non assomiglia all’altra e che sta ancorando la saggezza che permetterà la sintonia con le informazioni delle nuove griglie.

In queste griglie, il deteriorarsi non vuol più dire la stessa cosa, la malattia non ha più lo stesso significato, i raggi ultravioletti non vogliono dire la stessa cosa, il controllo della mente non vuol dire la stessa cosa, l’Aids non vuol dire la stessa cosa, il buco nell’ozono non vuol dire la stessa cosa. Non possono avere lo stesso significato perchè non c’è risonanza.

In uno dei glifi dei Crops circles apparso nel 1993 c’è una figura che è stata chiamata Il serpente o anche Il cervello. E’ composto di 10 segmenti, con 9 punti di rottura. Ognuna di queste 9 rotture si sovrappone su qualcosa che la genetica definisce “punti non definiti di lettura”.

Ciò significa che nel DNA umano ci sono punti che non comprendiamo, a cosa servono e sembrano inutilizzati. Questi punti di rottura a noi inviati si sovrappongono nel nostro DNA , dove in noi c’è materiale genetico non utilizzato. Il messaggio potrebbe essere tradotto così: in questo momento di cambiamento, al nostro corpo si chiede di divenire tutto quello che si può divenire: tutto ciò che possiamo essere. Conoscendo come funzionavano le iniziazioni nei tempi antichi, si possono trovare molti collegamenti con il momento “iniziatico” che viviamo oggi.

In Egitto, in ogni tempio c’era l’effigie di un essere che simboleggiava quello che succedeva in quel tempio, ma non li adoravano ed i templi non erano dedicati a loro. Il tempio era la possibilità di evidenziare un aspetto della personalità umana, della psiche umana, e viverla, e padroneggiarla, forse in pochi mesi o in una vita intera. Sekmet è considerata la dea della guerra, felina, con la testa di leone ed il corpo di donna.

Dove c’è Sekmet ci si prepara alla guerra, o ci si prepara ad evitare la guerra, si cerca di avere una buona guerra. Ciò che Sekmet rappresenta non è la dea della guerra, ma il guerriero che c’è in ciascuno di noi ed insegna a padroneggiare questo guerriero, quando è giusto fare appello a lui e rompere le barriere della nostra vita, oppure quando non va bene averlo dentro di noi. Gli iniziati potevano spendere anni, a volte sino alla morte, per imparare quella lezione.

C’erano tempi dove imparare a padroneggiare la nostra rabbia, la nostra lussuria, la gelosia, il non giudizio, quando era il momento di far agire il guerriero nelle relazioni oppure no. I testi biblici dicono che colui che conosciamo come Gesù Cristo fosse un iniziato, non solo degli Esseni ma anche un Alto Sacerdote dell’Ordine di Melchisedek.

Gesù padroneggiò questi insegnamenti, dovette imparare i vari aspetti di se stesso padroneggiandoli. E così facendo li ha per sempre fermati, radicati, agendo come un ponte vivente cosicchè oggi sono diventati per noi più accessibili. Credo che questo sia il dono che fu offerto, ed in quell’offrire, siamo diventati diversi da come eravamo.

Prima o poi, nella nostra vita, vivremo questa iniziazione, anche se in modo diverso dagli iniziati di un tempo. Un tempo, essi conoscevano se stessi nei Templi, in Egitto ad esempio, lungo il Nilo e nelle piramidi, che non erano monumenti funerari ma luoghi di iniziazione. Ad un certo punto della loro vita, essi dopo aver compiuto le loro esperienze, potevano padroneggiarla completamente, padroneggiare gli aspetti della loro personalità dopo aver appreso, tramite le iniziazioni, quello che c’era da apprendere sulla loro rabbia, la loro paura, la loro furia, la gelosia, il non giudizio.

A volte impiegavano una vita solo per imparare un aspetto della personalità, come facciamo noi imparando la paura, la rabbia, l’odio. Ad un certo punto, o cede il nostro cuore o cede il nostro corpo. Dopo aver imparato tutti i vari aspetti, cominciavano un processo nel tempio che conosciamo come la Grande Piramide di Giza. Iniziavano a fare la loro esperienza, primariamente, in tre camere, processo che noi stiamo vivendo adesso, facendo della vita il nostro cammino iniziatico.

Ognuna di queste camere offriva loro un aspetto diverso: la stanza inferiore si trova ad 85 metri sotto la superficie, nel buio completo, nel silenzio completo. Questa stanza è geometricamente costruita per immergere gli iniziati in quel campo che chiameremo di “pura Luce Scura”. In essa potevano conoscere le loro paure, ed avevano una scelta: o superarle o morire.

Noi, oggi, per contro, ad un certo punto della vostra vita attiriamo un avvenimento, una circostanza che per noi è la cosa peggiore che ci sarebbe potuta capitare. Per noi e per nessun altro perché sono le nostre paure, perché possiamo non vedere nessuna via d’uscita. Mentre proviamo questo, stiamo provando ciò che gli antichi chiamavano “la notte oscura dell’anima”. Il giorno in cui essa comincerà, dovrebbe essere per noi un giorno di grande festa, perché non potrà mai verificarsi sino a quando non avremo gli strumenti necessari per superarla. Così si tratterà o di cedere a questa esperienza, o di scavare nella parte più profonda del nostro essere per trovare tutti gli strumenti di cui siamo consapevoli e forse, anche , di scoprirne altri.

Quello che inconsciamente succederà, nel momento in cui attireremo le circostanze della nostra notte oscura, sarà che avremo abbandonato tutto ciò che per noi aveva una carica, dovremo ridefinire noi stessi.

Dopo aver superato la paura, l’iniziato si trasferiva nella stanza “dell’Equilibrio”, ed è quello che anche noi stiamo facendo. Quando sentiamo di essere in equilibrio, questo è il segnale dell’esperienza seguente, quando inizia la prova: probabilmente si presenterà di nuovo la circostanza, per vedere se ce la facciamo a superarla. Noi stiamo vivendo i nostri rapporti , per prepararci all’esperienza “del Punto Zero”. Dobbiamo risolvere gli schemi della nostra vita prima di riuscirci. Passiamo attraverso le notti buie dell’anima per trovare l’equilibrio.

Alla fine di queste esperienze, l’iniziato entrava nella terza stanza, l’unica conosciuta sinora sul pianeta, adatta a stimolare sia un magnetismo basso che una frequenza alta. Questa stanza risale a 11000 anni fa, è stata datata a prima dell’Era Glaciale, ed ha le condizioni ambientali a cui stiamo giungendo adesso. Questo perché gli iniziati dovevano sperimentare, per poter vedere ciò che sarebbe successo, lasciandone la memoria alle generazioni future. La svolta epocale è qualcosa di molto grande, non succede molto spesso.

Ci siamo preparati a questo per migliaia e migliaia di anni. In questa stanza si immergevano in quelle che noi oggi chiameremmo le due polarità, “Pura Luce Bianca”. Questa volta la prova durava per un periodo di circa tre giorni, o 72 ore. L’Essere Universale di riferimento che chiamiamo Cristo ha vissuto una iniziazione, o passione, che è durata circa tre giorni. Quando la terra si fermerà, al punto zero, rimarrà immobile circa tre giorni, 72 ore e quella sarà la sua iniziazione e la nostra. L’iniziazione collettiva della nostra vita.

E’ per questo che le nostre relazioni stanno diventando così intense, è per questo che vogliamo risolverle ed esserne felici quando si presentano nella nostra vita, perché la paura ed il giudicare diventano allora i nostri migliori alleati per farci capire chi siamo ed aiutarci a farci cambiare il punto di vista. Conosciamo noi stessi mediante la conoscenza dei nostri estremi, estremi che mutano e mutando cambiano anche il nostro equilibrio. Sino ad ora non avevamo possibilità di sfuggire al nostro modo di reagire agli estremi, collegati a quelli degli altri e a quelli prima di noi.

Ora, cambiando il nostro punto di vista, non dobbiamo più continuare a farlo: è una scelta. Possiamo scegliere come sentirci riguardo agli estremi. Nei pochi anni che mancano alla “fine del ciclo” ci viene chiesto di entrare in risonanza con un magnetismo differente che comincia al punto zero ed una frequenza maggiore, Geneticamente siamo stati condizionati ad far crescere antenne nel nostro corpo chiamate aminoacidi e siamo sempre stati collegati a questo.

Ci viene offerta la possibilità di risolvere gli schemi emotivi che attiriamo nella nostra vita e le relazioni, mentre stiamo cambiando i modi in cui questi si esprimono. Forse, questo ora diventa quest’altro, come se fosse una nuova antenna , con un nuovo collegamento e cominciamo a guardare le cose in modo diverso.

Se le cose che ci erano sembrate sempre giuste non sembrano avere più lo stesso significato, se il nostro nuovo modo di essere crea dei problemi nelle nostre famiglie, se ora non possiamo più vivere nello stesso modo, si sta attuando una divisione, una polarizzazione all’interno del nostro corpo. Quello che ci viene richiesto di fare è di esprimere completamente noi stessi. Risolvere noi stessi attraverso le nostre relazioni. Abbiamo 20 antenne attivate e ne stiamo attivando delle nuove per poterci collegare con le informazioni che questo stato dimensionale superiore presenta.

Le chiameremo “Frequenze Cristiche”. Sono le frequenze ottimali per gli esseri umani basati sul carbonio. Da una parte del Cosmo, una frequenza è cambiata. Questo ha un effetto a cascata che si ripercuote su tutti i livelli: stellare, solare e planetario. Questo è un processo che sapevamo sarebbe successo. 200.000 anni fa iniziammo un ciclo che sapevamo sarebbe culminato in questo momento storico e ci viene chiesto di vivere quella saggezza sintonizzandoci e permettendo a noi stessi di partecipare a questa esperienza lasciandoci andare in questo momento della nostra vita.

Il momento di passaggio alla “fine del ciclo” è molto naturale; come lo vivremo dipenderà dal modo in cui noi ci porremo nei riguardi di questo processo, di cosa sapremo cercare, trovare e risolvere in noi stessi, di come ci sapremo abbandonare allo scorrere della vita . Forse vivremo questo processo come in un sogno, o per meglio dire in quello che per i nativi d’America è un sogno : uno stato alterato di coscienza. E quando ci sveglieremo, probabilmente diremo: ecco, sono passato attraverso il cambiamento e non me ne sono accorto.

Marika
stazioneceleste.it

Risvegliarsi al punto zero – seconda parte ultima modifica: 2007-06-25T07:23:00+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)