Sanità: Comilva, in Asl scarse informazioni su vaccinazioni obbligatorie

Il Giornale Online

Roma, 31 mar. (Adnkronos Salute) – Nelle Asl italiane è scarsa, e a volte inesistente, l'informazione sulle vaccinazioni obbligatorie e sugli eventuali rischi per i bambini. Lo denuncia Claudio Simion, presidente del Coordinamento movimento italiano per la libertà delle vaccinazioni (Comilva), che chiede anche una raccolta puntuale dei dati sugli effetti avversi dei vaccini, “oggi limitata”, e più ricerca per la messa a punto di terapie “in grado di far fronte, presto ed efficacemente, a eventuali danni”.

In Italia attualmente sono obbligatorie per tutti i nuovi nati vaccinazione antidifterica, antitetanica, antipoliomielitica, antiepatite virale B, in base ai dettami della comunità scientifica. Mentre per gli adulti l'obbligo di alcune vaccinazione riguarda solo particolari categorie di lavoratori. Ma per i fautori della 'libertà di vaccino', l'obbligo è un concetto da superare perché limita la libertà di scelta. “Nelle Asl – spiega Simion, denunciando ancora la scarsa trasparenza sul tema – è difficile che i genitori ricevano informazioni puntuali al momento della vaccinazione obbligatoria”.

Anche richieste precise, inviate per iscritto, non ottengono risposte puntuali. “Se va bene viene inviato il foglietto illustrativo o pubblicazioni molto generali e generiche, di cui già dispongono le strutture”, spiega ancora Simion sottolineando che ai genitori che si rivolgono a Comilva viene indicata proprio la “strategia dell'informazione”, quella cioè di chiedere il più possibile chiarezza.

“Le cose peggiorano quando si chiedono i dati sugli effetti avversi – aggiunge – perché le indagini disponibili non offrono un quadro dettagliato sui danni da vaccini”. La raccolta dei dati sugli effetti collaterali registrati, invece, “è una priorità”. Anche per promuovere “la ricerca su terapie in grado di riparare eventuali danni”, altra richiesta forte del Coordinamento contro l'obbligo di vaccinazione.

Comilva che si batte per la libera scelta in fatto di immunizzazione e contro l'obbligatorietà, è composta da Associazioni locali autonome per lo più formate da genitori, convinti che l'obbligo al vaccino sia una violazione morale e fisica della libertà personale.

Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Salute/?id=3.0.3164606977

Sanità: Comilva, in Asl scarse informazioni su vaccinazioni obbligatorie ultima modifica: 2009-04-01T13:33:08+00:00 da deg
About the Author