Scienza e Spiritualità: una voce per ricomporre il conflitto

Il Giornale Online
a cura di Maurizio Melis

Satish Kumar, indiano classe 1936, è senza dubbio una voce di speranza per tutto il mondo. Una voce che si è levata per la prima volta nel 1962, quando si inventò una marcia per la pace. Partì senza un soldo in tasca per un viaggio a piedi di 8000 miglia, da Bangalore a New York, toccando i 4 paesi nucleari dell'epoca: USA, URSS, Francia e Inghlilterra. Oggi dirige lo Schumacher College in Inglilterra: un centro internazionale di studi impegnato a offrire un modello alternativo di sviluppo, radicato in una visione olistica del mondo, una visione cioè che riconosca le profonde relazioni tra uomo e ambiente, e in grado di coniugare progesso scientifico e bisogni spirituali. Ed è proprio da quì che partiamo: dal conflitto, specialmente occidentale, tra scienza e spiritualità.

Dunque Kumar: scienza e spiritualità sono spesso percepite come conflittuali, in particolare nella cultura occidentale. Come è possibile ricomporre questo conflitto?

Nella filosofia e nella visione del mondo orientali, scienza e spiritualità non sono visti come opposti, ma semmai come complementari. Così come sono complementari la destra e la sinistra, il sopra e il sotto, il maschie e il femminile, allo stesso modo, intuizione e razionalità, scienza e spiritualità sono complementari.
Vede, la scienza si interessa solo di ciò che può essere misurato, ciò che è misurabile è importante, ciò che non lo è, per la scienza non esiste, non è importante. Nella filosofia orientale invece ci sono entrambi gli aspetti: ciò che può essere misurato e ciò che non può esserlo. Non puoi misurare quanta compassione provi per qualcuno, o quanto amore. Quindi ci sono cose importanti che non possono essere misurate. Ecco da dove nasce il conflitto.

Cosa accade alla scienza senza spiritualità, e cosa accade alla spiritualità senza la scienza?

La scienza senza spiritualità è priva di una bussola morale, di valori. Sa come fare le cose ma non perché farle. Si preoccupa della metodologia ma non del significato. E così fa cose pericolose. Le armi nucleari sono frutto della scienza e della tecnologia; le sementi OGM sono creazioni della scienza e della tecnologia, e ora sono un tutt'uno con il denaro. Così come la scienza può diventare pericolosa senza la saggezza dello spirito, allo stesso modo, senza scienza la spiritualità può diventare fondamentalismo, generare religioni dogmatiche e intolleranti, fino a portare alla guerra. Quante guerre abbiamo visto causate da fondamentalismo? Fondamentalismo induista, cristiano, musulmano.
Così, la spiritualità ha bisogno del pensiero razionale per trascendere la conflittualità, e la scienza ha bisogno della spiritualità per acquistare senso e scopo; per rispondere al perché fare una certa cosa. Quindi scienza e spiritualità hanno bisogno l'una dell'altra.

Cosa intende per spiritualità? Ho l'impressione che qui in Italia non attribuiamo a questa parola lo stesso significato che le sta dando lei.

Il mondo ha due aspetti: uno visibile, l'altro invisibile. L'aspetto visibile è la materia, gli oggetti; quello invisibile è lo spirito. Lo spirito si manifesta attraverso le relazioni; la materia come oggetti separati, individuali. Così lei è qui come corpo, e io sono qui come corpo, ma ciò che fluisce tra noi è il nostro spirito. Lo spirito è il movimento, la dinamica; è tutto ciò che non è statico. Tra me e lei c'è qualcosa che sta accadendo: lo chiami amore, amicizia, compassione; lo chiami come vuole ma siamo in un qualche tipo di relazione. Ecco quindi cosa è la spiritualità: la relazione tra le cose.
Le religioni invece sono un'altra cosa, sono una forma di organizzazione. Chiese, moschee, templi, Papi, Mullah, Ayatollah, custodi del tempio: tutto ciò è organizzazione, quindi qualcosa di molto diverso, dal mio punto di vista.
Come ha appena dimostrato, lei distingue molto nettamente tra spiritualità e religione. Mi sarei aspettato che facesse lo stesso con scienza e tecnologia. In fondo la scienza è una ricerca di verità, e se per esempio pensiamo agli anni della guerra fredda, gli scienziati russi e americani continuarono a parlarsi e a collaborare. Anzi, la scienza fu un importante canale di comunicazione. Mi pare invece che sia la tecnologia a dividere. Non crede?

Il suo è un buon punto. Lei dice: così come la spiritualità unisce e le religioni dividono, la scienza unisce mentre la tecnologia può dividere. I russi volevano usare la tecnologia per andare sulla Luna prima degli americani; i cinesi per andarci prima degli indiani. Quindi la tecnologia è qualcosa che separa. Ma oggi, nel mondo, scienza, tecnologia e denaro camminano assieme mano nella mano, e questo è pericoloso. Ugualmente spiritualità, religione e denaro si mischiano l'una con l'altro, perché molte chiese, moschee e templi hanno molto denaro.
Se nella scienza ci fosse maggiore spiritualità anche la tecnologia sarebbe diversa. Così come la religione sarebbe migliore, se avesse una maggiore comprensione spirituale. Temo invece che senza spiritualità, scienza, tecnologia e denaro, insieme, possano portare verso la distruzione.

Scusi Kumar, ma non è che alla fine il problema sia proprio il denaro, insieme all'individualismo imperversante?

Guardi che anche l'individualismo è un prodotto della scienza senza spiritualità. Perché individualismo significa mancanza di relazioni. Lo stesso termine “individual”, in inglese, non significa separato, ma indivisibile; quindi inseparabile dagli altri. Io credo che anche l'individualismo sarebbe modificato dalla spiritualità, perché la spiritualità è radicata nelle relazioni. L'individualismo è divenuto così forte solo pochi secoli fa', da quando Cartesio ha detto “cogito ergo sum”: penso e dunque sono. In india diciamo “tu sei dunque io sono”, “la Terra è, dunque io sono”. Siamo tutti collegati: questo è il nocciolo del pensiero spirituale.

E' ottimista?

Sì, sono ottimista, penso che l'umanità, alla fine, cambierà; che trasformerà se stessa all'interno di una visione olistica in cui saremo tutti in relazione. E finalmente, vivremo in pace.

Fonte: http://www.moebiusonline.eu/fuorionda/Kumar.shtml

Scienza e Spiritualità: una voce per ricomporre il conflitto ultima modifica: 2012-11-16T10:19:00+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)