Scienziati internazionali concludono: l'interno di Fobos facilmente contiene grandi zone vuote!

Il Giornale Online
Questa è un'importante conclusione basata su risultati indipendenti da due sottogruppi del team Mars Express Radio Science (MaRS) che hanno analizzato indipendentemente i dati rilevati dalla Mars Express (MEX) col proposito di determinare l'attrazione gravitazionale della luna Fobos sull'astronave MEX e quindi la massa di Fobos.

http://www.agu.org/pubs/crossref/2010/2009GL041829.shtml

Qual'è l'importanza di Fobos?

Nel 1959 Iosif Shklovsky, scienziato Sovietico e famoso astrofisico, che fu co-autore del libro di Carl Sagan intitolato Intelligent Life in The Universe, espresse l'opinione che Fobos fosse di origine artificiale e piuttosto cava all'interno. Cercò di spiegare l'incredibile velocità di rotazione che il corpo aveva in relazione all'orbita di Marte…
…I membri coinvolti nel programma spaziale Sovietico, così come i colleghi Occidentali, sono stati molto interessati a Fobos. Il 12 Luglio 1988, i Sovietici lanciarono due sonde, Phobos 1 e Phobos 2, in direzione di Marte. Ogni sonda consisteva in un set di complicati dispositivi:
tre telecamere, spettometro, sistema di guida e un sistema di registrazione video. Inoltre la sonda Phobos 2 conteneva uno strano dispositivo laser LIMA-D. Phobos 1 venne persa nel Settembre del 1988 sulla via per Marte. I Sovietici parlarono di un errore di comando radio. Phobos 2 venne persa anch'essa, ma prima di questo, arrivarono immagini e informazioni a Terra. Nel 1991 Marina Popovich, nel visitare Los Angeles, mostrò a Paul Stonehill una fotografia che Phobos 2 scattò prima di perdersi. Mostra un oggetto cilindrico gigante lungo approssimativamente 25 Km.. Dopo la trasmissione di questo ultimo scatto via radio verso Terra, la sonda sparì…

Marina Popovich* disse a Paul Stonehill che il Glavkosmos (Programma Spaziale Sovietico) sapeva da tempo che qualunque cosa avvese distrutto la sonda Sovietica nel 1989, era stata creata da una intelligenza artificiale.
Paul Stonehill e Philip Mantle hanno fatto una lunga ricerca sul disastro della Phobos 2 e sulle misteriose circostanze attorno alla missione e ai fatti seguenti. Le scoperte sono presentate nei libri che hanno prodotto assieme. I misteri della luna Marziana sono di grande interesse per molti nel mondo. Il 6 Agosto 2009, in una intervista per C-SPAN, programma televisivo via cavo, l'Astronauta Americano Buzz Aldrin disse: “Dovremmo visitare le lune di Marte. C'è un monolite lassù, una struttura molto insolita su questo piccolo oggetto a forma di patata, che gira attorno a Marte una volta ogni sette ore.” La luna in questione è Fobos. Per quanto riguarda i segreti di questa luna, Marina Popovich cercò di fare del suo meglio per portarli all'attenzione del mondo, come hanno fatto altri, ad esempio il Professor Burdakov, uno scienziato di alto livello in Russia. Apparentemente, anche gli Americani sanno molto; come altri..quindi, la nuova missione in collaborazione tra Russia e Cina verso Fobos è pianificata per il 2011.

Quali segreti si trovano nascosti nella luna di Marte?

*Questa donna coraggiosa è un pilota di alto livello, uno scienziato con un dottorato in tecnologia di volo dall'Università di Leningrado, un Lt.Colonel e un'aviatore altamente decorato. Lei è una giornalista e autrice di sei libri. Per i suoi sforzi, gli ufologi Russi hanno potuto scoprire molti fatti nascosti nella ricerca Ufologica del loro paese.
Gli ultimi libri di Paul Stonehill e Philip Mantle:
Expediente Soviet UFO (in Spanish), published in May of 2010.
http://www.nowtilus.com/pags.php?d=c85bbf134839466345581abc3be7efebO1O1274
UFO Case Files of Russia, published in 2010.
http://www.healingsofatlantis.com/

Inviataci (in inglese) da Paul Stonehill che ringraziamo.

Scienziati internazionali concludono: l'interno di Fobos facilmente contiene grandi zone vuote! ultima modifica: 2010-07-05T17:10:14+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)