Scienziati Russi: incontreremo gli alieni entro il 2031

Gli scienziati Russi si aspettano che l'umanità incontri civilizzazioni aliene nei prossimi due decenni, come predetto da un importante astronomo Russo. “La genesi della vita è inevitabile come la formazione di atomi… La vita esiste sui pianeti e lo scopriremo entro 20 anni.” Andrei Finkelstein, direttore dell'Istituto di Astronomia Applicata presso l'Accademia Russa delle Scienze, è stato citato così dalle agenzie di stampa interfax. Parlando al forum internazionale dedicato alla ricerca della vita extraterrestre, Finkelstein ha detto che il 10% dei pianeti conosciuti attorno ai soli nella galassia assomiglia alla Terra.

Se vi si può trovare l'acqua, allora lo stesso vale per la vita, ha detto, aggiungendo che gli alieni assomiglierebbero molto probabilmente agli umani, con due braccia, due gambe e una testa. “Possono avere diverso colore di pelle, ma anche noi lo abbiamo”, ha detto. L'Istituto di Finkelstein guida un programma lanciato negli anni '60 nel periodo della gara allo spazio durante la Guerra Fredda, con lo scopo di inviare segnali radio nello spazio esterno. “Per tutto il tempo in cui abbiamo cercato civilizzazioni extraterrestri, abbiamo principalmente atteso messaggi dallo spazio e non viceversa”, ha detto.

di Alissa de Carbonnei
(editing di Paul Casciato)

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte immagine: Spitzer Space Telescope – http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.821 http://en.wikipedia.org/wiki/Double_Helix_Nebula
Fonte: http://www.reuters.com/article/2011/06/27/us-russia-aliens-idUSTRE75Q4SZ20110627 http://www.abc.net.au/news/stories/2011/06/28/3255067.htm
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.4118

Scienziati Russi: incontreremo gli alieni entro il 2031 ultima modifica: 2011-06-28T09:49:52+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)