Scienziati scoprono una inversione dell’invecchiamento nel cervello delle api

Il Giornale Online
Gli scienziati dell’Arizona State University hanno scoperto che le api anziane invertono efficacemente l’invecchiamento del cervello, quando assumono responsabilità nel nido in genere gestito da api molto più giovani. Mentre la ricerca in corso sull’età della demenza si concentra sui potenziali nuovi trattamenti farmacologici, i ricercatori affermano che questi risultati suggeriscono che gli interventi sociali possono essere usati per rallentare o trattare la demenza senile.

In uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Gerontologia Sperimentale, i risultati presentati, dimostrano che ingannare le api più anziane e fare svolgere loro compiti sociali all’interno del nido provoca cambiamenti nella struttura molecolare dei loro cervelli. Sapevamo dalle ricerche precedenti che quando le api rimangono nel nido e si prendono cura delle larve rimangono mentalmente competenti per tutto il tempo di osservazione. Tuttavia, dopo un periodo di allattamento, le api volano fuori a raccogliere cibo e iniziano l’invecchiamento molto rapidamente. Dopo appena due settimane, le api bottinatrici indossano ali, corpi senza peli, e, soprattutto, perdono la funzione del cervello, fondamentalmente misurata come capacità di imparare cose nuove. Per scoprire se ci fosse plasticità in questo schema d’invecchiamento, si è cercato di capire che cosa succederebbe se le api bottinatrici si prendessero nuovamente cura delle larve?

Durante gli esperimenti, gli scienziati hanno rimosso tutte le api nutrici giovani dal nido, lasciando solo la regina e le larve. Quando le vecchie api bottinatrici sono tornate al nido, hanno manifestato una ridotta attività cerebrale per diversi giorni. Quindi, alcune delle vecchie api sono andate alla ricerca di cibo, mentre altre hanno curato il nido e larve. I ricercatori hanno scoperto che dopo 10 giorni, circa il 50 per cento delle api anziane che si sono occupate del nido e delle larve hanno migliorato significativamente la loro capacità di apprendere cose nuove.

Il team internazionale del prof. Amdam, non solo ha visto una ripresa delle api nella capacità di apprendere, ma ha scoperto un cambiamento di proteine nel cervello delle api. Quando si confrontano i cervelli delle api che hanno fatto miglioramenti rispetto a quelle che non li hanno fatti, si riscontrano nei cervelli delle prime due proteine notevolmente cambiate. Gli scienziati hanno trovato Prx6, una proteina presente anche negli esseri umani che può aiutare a proteggere contro la demenza e contro malattie come l’Alzheimer e hanno scoperto un “chaperone” che secondo quanto è documentato è una proteina che protegge le altre proteine, impedendo che vengano danneggiate quando i tessuti del cervello o di altri organi sono esposti ad un livello di stress.

In generale, i ricercatori sono interessati a creare un farmaco che potrebbe aiutare le persone a mantenere le funzioni del cervello. Cambiare il modo in cui si ha che fare con l’ambiente circostante è qualcosa che possiamo fare oggi per aiutare i nostri cervelli a restare giovani, ha detto Amdam. Dal momento che le proteine oggetto di ricerca nelle api sono le stesse nelle persone, queste proteine possono essere in grado di reagire spontaneamente alle specifiche esperienze sociali. Amdam suggerisce che sono necessari ulteriori studi sui mammiferi come i topi, al fine di verificare se gli stessi cambiamenti molecolari che l’esperienza produce nelle api, potrebbero essere socialmente inducibile nelle persone.

Articolo originale: http://phys.org/news/2012-07-scientists-bees-reverse-brain-aging.html
Fonte: http://pianetablunews.wordpress.com/2012/07/03/scienziati-scoprono-una-inversione-dellinvecchiamento-nel-cervello-delle-api/
Vedi: http://it.reuters.com/article/entertainmentNews/idITMIE63109Z20100402?pageNumber=1&virtualBrandChannel=0


Che cosa controlla l'invecchiamento? La biochimica Cynthia Kenyon ha scoperto che una semplice mutazione genetica può far vivere due volte più a lungo un tipo di verme, chiamato C.elegans. Le lezioni apprese da queste ed altre scoperte offrono indicazioni su come in futuro potremmo protrarre significativamente la giovinezza umana.

Tradotto in italiano da Gianluca Finocchiaro
Revisione di Elena Montrasio

Scienziati scoprono una inversione dell’invecchiamento nel cervello delle api ultima modifica: 2013-11-29T12:03:10+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)