Scoperte due città Maya nella giungla messicana: Lagunita e Tamchen

Maya Lagunita

(Archivo/RBC-CONANP, Calakmul ruins)

Un impressionante ingresso e rovine di piramidi e palazzi sono emersi nella giungla messicana dopo che gli archeologi hanno scoperto due città Maya. Rinvenute nella parte sudorientale dello stato messicano di Campeche, nel cuore della penisola dello Yucatán, le città erano nascoste nella folta vegetazione ed erano difficilmente accessibili.

“Le fotografie aeree ci hanno aiutato a localizzare i siti”, spiega il capo della spedizione Ivan Sprajc, del Centro di Ricerca Scientifica dell’Accademia Slovena per le Scienze e le Arti (ZRC SAZU). Sprajc e il suo team hanno scoperto dei resti enormi durante l’eplorazione dell’area intorno a Chactun, una grande città Maya scoperta dall’archeologo sloveno nel 2013. Nessun altro sito è stato finora localizzato in quest’area, che si estende su oltre 3.000 km², tra il cosiddetto Rio Bec e le regioni di Chenes, entrambe note per i loro caratteristici stili architettonici prodotti durante il Tardo e il Terminale Periodo Classico, intorno al 600-1000 d.C. Una delle città era caratterizzata da una straordinaria facciata con un ingresso a forma di fauci di mostro. In verità il sito era stato visitato negli anni ’70 dall’archeologo americano Eric Von Euw, che aveva documentato la facciata e altri monumenti di pietra con dei disegni ancora non pubblicati. Tuttavia, l’esatta localizzazione della città, chiamata Lagunita da Von Euw, era rimasta ignota. Tutti i tentativi di ritrovarla erano falliti. “Le informazioni riguardo Lagunita erano vaghe e completamente inutili”, ha detto Sprajc.

“Nella giungla puoi essere a soli 200 metri da un grande sito e non sospettare minimamente cosa possa essere lì; ci sono ovunque delle piccole collinette, ma non ti aiutano a trovare un possibile centro urbano”, spiega Sprajic.

Lagunita è stata identificata solo dopo che gli archeologi hanno paragonato la ritrovata facciata e i monumenti con i disegni di Von Euw.

La facciata a bocca di mostro si è rivelata uno dei migliori esempi preservati di questo tipo di ingressi, che sono comuni nello stile architettonico del Rio Bec nel Tardo e nel Terminale Periodo Classico, nella vicina regione a sud. “Rappresenta una divinità Maya di terra collegata alla fertilità. Questi ingressi simbolizzano l’entrata in una grotta e, in generale, negli inferi, luogo d’origine mitologica del mais e casa degli antenati”, racconta Sprajc. Sono anche stati trovati i resti di grandi edifici simili a palazzi disposti intorno a quattro grandi piazze. Vi erano anche un campo per il gioco della palla e un tempio piramidale alto quasi 20 metri, mentre 10 stele e tre altari recavano dei rilievi ben conservati e delle iscrizioni.

Secondo una preliminare lettura dell’epigrafista Octavio Esparza Olguin dell’Università Nazionale Autonoma del Messico, una delle stele venne incisa il 29 novembre del 711 da un “signore di 4 k’atuns (periodi di 20 anni)”. Sfortunatamente, il testo rimanente, che includeva il nome del governante e forse di sua moglie, è gravemente eroso. “A giudicare dai monumenti e dalle iscrizioni, Lagunita deve essere stata sede di un governo relativamente potente, sebbene la natura della sua relazione con la più grande Chactun, situata a circa 10 km a nord, rimane non chiara”, spiega Esparza Olguin. Altrettanto imponente era l’altra città scoperta da Sprajc. Precedentemente sconosciuta, la città era chiamata Tamchen, che significa “profondo pozzo”.

Oltre 30 chultun sono stati rinvenuti nel sito. Queste sono camere sotterranee a forma di bottiglia, il cui scopo era raccogliere acqua piovana. “Diversi chultun erano insolitamente profondi, raggiungendo i 13 metri”, dice Sprajc. Come a Lagunita, le piazze erano circondate da grandi edifici. Questi includono i resti di un’acropoli con al suo interno un cortile con tre templi sui lati. È stato inoltre rinvenuto un tempio piramidale con un santuario piuttosto conservato in cima, e una stele e un altare alla base. Tamchen sembra essere stato contemporaneo a Lagunita, anche se alcune prove datano questo insediamento fino al Tardo Periodo Preclassico, tra il 300 a.C. e il 250 d.C.

“Entrambe le città aprono nuove questioni riguardo la diversità della cultura Maya, il ruolo di quell’area largamente inesplorata nella storia Maya, e le sue relazioni con altri governi”, dice Sprajc. Lo scorso giugno, la parte meridionale della Riserva della Biosfera di Calakmul, dove Sprajc ha scoperto la maggior parte degli attuali siti archeologici, è stata aggiunta ai Patrimoni dell’umanità UNESCO come estensione del Patrimonio “Antica città Maya e foreste tropicali di Calakmul”.

discovery.com

ilfattostorico.com

Scoperte due città Maya nella giungla messicana: Lagunita e Tamchen ultima modifica: 2014-09-23T13:58:19+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)