Sean Carroll: Tempo distante e la possibilità di un multi-verso