Si può prevedere il futuro? Alla Cornell University pensano che la precognizione sia possibile

Il Giornale Online A molti di noi è familiare il concetto di precognizione, la facoltà (fino ad ora solo presunta) di conoscere il futuro. Molti sono stati i tentativi di trovare una dimostrazione alla possibilità di poter prevedere un evento che deve ancora verificarsi, ma fino ad ora non si sono trovate prove concludenti sulla realtà di questo fenomeno. I ricercatori della Cornell University hanno ora messo in evidenza alcune prove, che loro definiscono significative, sul fatto che l'uomo possa davvero leggere il futuro. Sono passati da scettici a possibilisti riguardo alla precognizione, cosa che non accade di certo tutti i giorni quando si intreccia scienza e paranormale.

Secondo Daryl Bem, ricercatore della Cornell University, la precognizione potrebbe essere un fenomeno reale. In un recente studio dal titolo “Feeling the Future”, che verrà presto pubblicato sulla prestigiosa rivista Journal of Personality and Social Psychology, vengono presentate prove empiriche di come, in alcuni casi, gli esseri umani possano percepire direttamente il futuro, e non soltanto prevederlo basandosi sull'esperienza passata.
La cosa più interessante è che la documentazione che Bem fornisce sul suo sito consente di replicare autonomamente l'esperimento. http://dbem.ws/psistuff/
Occorre per prima cosa distinguere tra precognizione e premonizione: la prima è una percezione cosciente del futuro, mentre la seconda una visione incosciente degli eventi che devono ancora verificarsi. Come dice Bem sul riassunto del suo studio:
“Il termine 'psi' denota processi anomali di trasferimento di informazioni o energia che sono attualmente inspiegabili in termini di meccanismi fisici e biologici noti. Due varianti dei fenomeni psichici sono la precognizione e la premonizione di un evento futuro che non potrebbe essere anticipato sulla base dell'esperienza. Precognizione e premonizione sono casi speciali di un fenomeno più generico”.

Bem ha condotto una serie di nove esperimenti su oltre 1000 studenti della Cornell University, esperimenti basati su una metodologia comune e che hanno dato risultati statistici significativi, anche se non scrivono definitivamente la parola “fine” sulla lunga questione che riguarda l'esistenza della precognizione. Bem non è un ricercatore paranormale, e durante l'arco della sua carriera accademica non si è quasi mai interessato all'argomento. Si dedica infatti alla psicologia della personalità e alla fisica. La ricerca sui poteri psi è iniziata attraverso uno dei suoi hobby, la magia. Nei primi anni '90 Bem è stato invitato ai Psychophysical Research Laboratories per valutare alcune ricerche sul paranormale, in qualità di scettico. Ma dopo alcuni studi più accurati ha iniziato sempre più ad interessarsi a questo tipo di fenomeni, arrivando a considerarne alcuni come genuini, o per lo meno degni di attenzione.

La serie di esperimenti sulla precognizione condotta da Bem ha di certo alcune note bizzarre. Il primo esperimento è basato sulla percezione di stimoli erotici dal futuro: in particolare, gli studenti hanno dovuto tentare di percepire se un'immagine erotica sarebbe o meno comparsa in una specifica posizione. “Cento studenti della Cornell, 50 femmine e 50 maschi” spiega Bem nella sua pubblicazione, “sono stati reclutati per questo esperimento. […] Questo esperimento richiede circa 20 minuti ed è interamente condotto da un computer. Si chiede prima di rispondere ad un paio di brevi domande, per poi mostrare su uno schermo le immagini di due tende affiancate. Una di queste tende nasconde un'immagine, mentre l'altra nasconde uno sfondo vuoto. Gli studenti hanno dovuto cliccare sulla tenda che [secondo le loro percezioni] nascondeva l'immagine […] per un totale di 36 tentativi in tutto. Diverse immagini contenevano immagini erotiche esplicite”.

Consiglio di leggere l'articolo originale per avere informazioni più dettagliate sul setup di questo esperimento. Passiamo ai risultati:
– I partecipanti hanno scoperto la posizione delle immagini erotiche nascoste nel 53,1% dei casi, oltre il limite di casualità (50%)
– Al contrario, con le immagini dal contenuto non erotico i partecipanti hanno totalizzato uno score pari a 49,8%.

Anche se il 53% può sembrare una percentuale di poco conto (ci si aspetterebbe, da un vero “precoc”, un 95%. Oltre al fatto che il 3% in più rispetto ad un risultato di pura casualità non è, a mio modesto parere, così significativo), bisogna ricordare che questo primo esperimento, solo uno dei nove condotti da Bem, non ha avuto come soggetti persone che vantavano poteri psichici, ma persone del tutto “normali”. Sia chiaro: dai risultati degli esperimenti di Bem, a dire che i poteri psichici siano tutti reali, il passo è molto, molto lungo. Tuttavia, una ricerca più completa su questo tipo di fenomeni potrebbe (in via del tutto ipotetica) dare risultati inaspettati per gli scettici. O, al contrario, potrebbe smentire chi crede all'esistenza di fenomeni di precognizione. Ma fino a quando non si indagherà largamente su questa categoria di eventi misteriosi, i dubbi rimarranno molti, e la realtà (o l'impossibilità) dei “poteri psi” rimarrà solo oggetti di dibattito tra appassionati di paranormale.

Fonte: http://www.ditadifulmine.com/2010/11/si-puo-prevedere-il-futuro-alla-cornell.html
Vedi: http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6383.9 http://www.coscienza.org/_ArticoloDB1.asp?ID=137 http://www.repubblica.it/scienze/2010/11/12/news/veggenti-9050929/



Si può prevedere il futuro? Alla Cornell University pensano che la precognizione sia possibile ultima modifica: 2010-11-16T13:35:09+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)