Strumenti in pietra forniscono una data anteriore per l'uomo moderno

Il Giornale Online
Un team internazionale, che include archeologi dell'Università di Oxford, ha datato due episodi di creazione di strumenti in pietra sofisticati nell'Africa meridionale molto più precisamente di quanto non fosse possibile in precedenza.

Il team ha datato i due eventi, conosciuti come Still Bay e Howieson's Poort, attorno a 80.000 e 60.000 anni fa, rispettivamente.

Questo fornisce ulteriori prove che gli umani (Homo sapiens) nell'Africa meridionale erano “comportamentalmente moderni” – ovvero, pensavano e si comportavano come l'uomo moderno – prima di qualsiasi migrazione di umani biologicamente moderni nel resto del mondo: approssimativamente datate attorno a 60.000 anni fa secondo la teoria “out of Africa 2”. Un rapporto della ricerca è pubblicato questa settimana in “Science”.

“Questi nuovi ritrovamenti rinforzano la comprensione del fatto che dobbiamo allargare significativamente l'arco di tempo nel quale la gente nell'Africa meridionale non era tanto diversa dalla gente di oggi”, ha detto il Professor Peter Mitchell della Scuola di Archeologia della Oxford University. “Ora dovremo pensare molto più creativamente al passato e a che tipo di comportamenti umani sofisticati erano in atto in Africa in questo enorme lasso di tempo di decine di migliaia di anni”.

La prova viene dai siti archeologici in Lesotho e in Sud Africa. Gli elementi caratteristici della più antica Still Bay sono generalmente oggetti a forma di punta di lancia con bordi taglienti che potrebbero essere stati usati come picche o lame. La zona più giovane di Howieson's Poort presenta oggetti che sono tipicamente di pochi centimetri in lunghezza e che sono stati scolpiti in semi-cerchi o altre forme geometriche – erano probabilmente inseriti in mazze di osso o legno per fungere da lance o, probabilmente, anche da frecce.

“Quel che è particolarmente interessante è che una recente ricerca suggerisce che alcuni degli oggetti di Howieson's Poort potrebbero essere stati usati come frecce – se ciò è corretto allora la nostra datazione dovrebbe spostare indietro l'uso dell'arco, e l'invenzione di arco e freccia, a 60.000 anni fa, e forse molto prima che gli umani moderni lasciassero l'Africa”, ha detto il Professor Peter Mitchell.

Prendendo parte alla ricerca, il Professore Mitchell e i suoi colleghi di Oxford hanno aiutato a raccogliere campioni di sedimento da alcuni siti in Lesotho dove i loro scavi avevano rivelato gli oggetti di Howieson's Poort. Questi campioni, e altri, sono stati quindi analizzati dagli scienziato dell'Università di Wollongong, Australia, e dal College Universitario di Londra usando una tecnica di luminescenza che ha fornito le nuove datazioni.

L'Università di Oxford è l'unica università nel Regno Unito a essere specializzata nella ricerca nell'Africa meridionale. Il Professor Mitchell ha a lungo investigato i siti in Lesotho per 25 anni e ritiene che questi ritrovamenti stimoleranno ulteriori ricerche nella storia negata degli umani moderni nell'Africa meridionale.

Provided by Oxford University
Fonte: http://www.physorg.com/news144676690.html
Traduzione: AXE

Strumenti in pietra forniscono una data anteriore per l'uomo moderno ultima modifica: 2008-11-02T10:34:23+00:00 da AXE
About the Author