Svolta vegetariana

Il Giornale Online

Fa bene allo sport, agli sportivi, ai tifosi. Sembra quasi il nuovo slogan del Bayern Monaco…

Viva la dieta vegetariana, fa bene allo sport, agli sportivi, ai tifosi. Sembra quasi il nuovo slogan del Bayern Monaco, la fortissima squadra della capitale bavarese. Che a quanto pare, a leggere i media tedeschi… si è convinta dei vantaggi della scelta di vita vegetariana.
Fino al punto di lanciare un segnale: l´undici della capitale bavarese è la prima squadra di calcio tedesca che nei chioschi della sua tifoseria offre in massa specialità vegetariane, non più solo salsicce o altri grassi piatti fritti a base di carne di maiale.

E´ la prima volta, forse in assoluto, che la Peta, cioè la People for the ethical treatment of animals, la più autorevole organizzazione animalista e provegetariana internazionale, loda una squadra di calcio. Lo fa in un suo sondaggio-rapporto, di cui riferiva Die Welt. Prima non se n´era accorto nessuno, ma è così. Nella futuristica Allianz Arena, lo stadio sulla via tra la metropoli e l´aeroporto che sembra un´astronave e cambia colore a seconda del team impegnato, gli stands del Bayern hanno cominciato a offrire a ogni partita ai tifosi oltre dieci specialità vegetariane.

Come a dire: seguite l´esempio dei nostri campioni, se lo sport è salute deve coesistere con cibi sani. E magari anche con gesti di rispetto per quella parte del mondo cui sta più a cuore l´ambiente. Il Bayern non fornisce dati sul grande interrogativo, se e quanti dei suoi calciatori siano vegetariani, rigorosi od occasionali. Ma il segnale è chiaro. Il paradosso è che la il club di Toni e Ribery, che il prossimo anno sarà allenato da Jürgen Klinsmann, ha per manager Uli Hoeness, figlio di uno dei più noti fabbricanti di würstel su scala industriale.

Chi lo avrebbe mai detto? Proprio il Bayern, un simbolo di quella “way of life” bavarese di cui l´alto consumo di ipercalorici piatti di carne è elemento costitutivo, dà l´esempio d´un nuovo modello di abitudini alimentari. In Germania, dal sud al nord e dall´est all´ovest, per le tifoserie è impensabile immaginare che i campioni preferiscano verdure e frutta, o magari pasta, alla salsiccia. E ancor più inaccettabile, per i fans d´ogni squadra, è l´idea di andare allo stadio rinunciando al wurst con panino e patate fritte da comprare al chiosco e da consumare tra una “ola” o l´altra. Oppure di annaffiare con una pinta di birra le vittorie o piangendo le sconfitte nella “kneipe” (birreria-osteria) di quartiere.

Il mondo cambia, la Germania del calcio anche. Ma non tutta. Sempre secondo l´indagine degli animalisti, la squadra che più s´identifica con un alto consumo di carne è la Energie Cottbus, squadra che un tempo era della Ddr. Caduto il Muro di Berlino, ecco il Muro delle abitudini alimentari a dividere la Germania del calcio. Per inciso: in generale, i tedeschi dell´est mangiano più carne e più maiale dei concittadini dell´Ovest. E ora le squadre dell´ex Ddr sono roba da serie B.

Andrea Tarquini

La Repubblica

Fonte : http://www.promiseland.it/view.php?id=2340

Svolta vegetariana ultima modifica: 2008-02-12T11:15:58+00:00 da iniziato
About the Author