Tecnologia dai crop circles? Le formazioni dei crop circles sono rappresentate in 3D

Il Giornale Online
di Tom Sutter
Tradotto da m.degournay per Altrogiornale.org

La maggior parte dei crop circles sono dei disegni schematici che spiegano il funzionamento di alcuni dispositivi. Queste formazioni per lo più sono rappresentate in 3D, non in 2D. Il grafico più in basso è del resto anch’esso rappresentato in 3D. (considerando l’evoluzione continua di questi grafici ho smesso ormai di fare riferimento a delle immagini specifiche perché quest’ultime “si modificano” ogni tanto).

(Ndr. Per le immagini accedere alla fonte: http://photovni.free.fr/cropcircles1/crop.htm )
*****************************
Diversi crop circles descrivono due tipi di condensatori ET e le loro caratteristiche operative.
(Qui sono rappresentati i tagli trasversali di condensatori di forma circolare).

Un condensatore è un dispositivo strano, è il meno che si possa dire. Più che conservare per breve tempo una carica elettrica, ha anche la proprietà poco comune di bloccare la corrente continua, tuttavia permette alla corrente alternata di passare con facilità. Quindi, essendo a conoscenza di questo fatto, se voi foste un amico alieno che tenta di trasmettere il concetto di un condensatore a gente meno progredita che cosa fareste? Non avete mai visto la rappresentazione di una curva sinusoidale della corrente alternata?

S’innalza, ridiscende, si rialza e ridiscende e rappresenta l’unico tipo di corrente elettrica che un condensatore consente di far passare.
Cos’è un condensatore?

Niente di più che strati di un materiale conduttore contenuti in mezzo a strati di un materiale isolante. Niente di più, solo questo.
Così la maggior parte dei condensatori sono di forma circolare e somigliano a dei crop circles visti dall’alto. Ora, sapendo ciò, voi pensate che queste immagini sono un procedimento sufficiente per trasmettere il concetto di un condensatore a gente meno progredita come noi?

Io sono convinto che questi disegni siano uno splendido lavoro fatto proprio per questo.

La foto in alto a sinistra (1) rappresenta un condensatore standard che non conserva carica elettrica. In alto a destra (2) la foto rappresenta un condensatore che conserva la carica elettrica, e come si può vedere, c’è quindi più di un modo per descrivere il movimento di una curva sinusoidale.

La “LORO” interpretazione mostra anche la perdita infima di elettricità che si verifica ogni volta con la corrente alternata.
(Non sono pinne di delfini. Questi simboli rappresentano questa minuscola perdita di corrente).

Potrei aggiungere che tutto questo è molto impressionante. Questo semplice disegno descrive TUTTE le caratteristiche operative di questo condensatore carico.

La fotografia in basso (3) descrive un altro condensatore carico. Questa volta la corrente alternata è disegnata come la disegniamo noi: una curva sinusoidale. Noterete tuttavia la larghezza estrema di questa curva. E’ molto larga! Una curva larga indica una grande quantità di corrente. (una curva sottile = alta tensione).

Di conseguenza si potrebbe dire che questo crop circle rappresenta un grosso condensatore.

Tom Sutter

***************************
Penso che sia preferibile cominciare così. Guardate i due crop circles qui sotto. (1) e (2).
Uno evidentemente s’inserisce all’interno dell’altro. Ora, perché un popolo più evoluto dovrebbe disegnare questo per noi?

Se sono più avanti e più intelligenti di noi devono avere una buona ragione per disegnare queste cose.
Ok? Almeno è ciò che penso. Sarebbe possibile che questa gente più evoluta stia tentando di spiegarci che i crop circles devono essere considerati come le parti di un tutto? Che nemmeno un solo crop circle debba essere considerato come “è tutto qui” per quanto riguarda la decodifica del loro significato?

Ecco un altro esempio di quanto sto tentando di spiegare. Questa piramide di punti e cubi sembra moderatamente interessante a prima vista. La gente la guarda e dice: “non c’è male” oppure “come l’avranno fatto?”. Un piccolissimo pensiero è impegnato nella riflessione del messaggio che potrebbe essere trasmesso. In effetti, a prima vista somiglia piuttosto a elementi di un gioco di costruzioni oppure a tutt’altra cosa. Ma la prima impressione è fuorviante. Non è un gioco di costruzioni.

Esaminatela accuratamente e vedrete che ciò che sembra a prima vista un cubo non è un cubo completo. Manca un angolo ad ognuno. Ho evidenziato in rosso per vederlo meglio. Perché disegnare una piramide con dei cubi incompleti? Almeno che non siate esperti nell’analisi del concetto dei crop circles ora sarete stranamente bloccati nell’incertezza, in quest’istante.

Questo disegno, come la maggior parte di quelli che rappresentano forme aleatorie in 3D ci invita ad analizzare i crop circles in 3D. Questo disegno ci informa che nessuna delle singole rappresentazione dei crop rappresenta l’integralità di qualche dispositivo o funzionamento che dovrebbe trasmetterci. Ogni rappresentazione è “parte di un tutto”.

Questa piramide crollerebbe se uno qualunque di questi cubi dovesse essere rimosso. E nessun cubo può rimanere diritto di proprio equilibrio.

È IL MESSAGGIO CHE I CROP CIRCLES TENTANO DI TRASMETTERE

Lo stesso messaggio di quello dei due crop circles di sopra capaci di inserirsi l’uno nell’altro. È questo che “loro” vogliono trasmettere

Bisogna considerare il crop circle come parte di un tutto.

**********************************

Spiegazione ed esempi della mutua dipendenza nel concepimento dei crop circles. I messaggi sono formati da una serie di crop, non da una sola formazione specifica. È molto importante tenere questo fatto in considerazione.

Le serie di interazioni che riguardano i crop circles cominciano da un semplice cerchio (*!) e culminano con tre variabili descrivendo l’ossigeno/idrogeno, e un generatore elettrico di calore (Magnetron). Non si può sperare in un semplice grafico in grado do trasmettere questo procedimento completo. Anche se questa operazione è percettibile soltanto quando è combinata. Includendo anche l’incorporazione di un condensatore funzionale per conservare l’elettricità.

E' possibile fare meglio di così per descrivere una corrente continua intermittente (on/off) quando si propaga nel vuoto?

ESTREMAMENTE IMPORTANTE: notare che i morsetti non hanno tutti la stessa grandezza. Il percorso degli elettroni non è lineare. Sono costretti a convergere da un punto più piccolo (positivo) verso un emettitore più grande (negativo). Risultato: si crea un turbine simile ad un vortice.
********************************

Un campo elettromagnetico formato da due magneti repulsivi usati come morsetti elettrici ad alta tensione

Questo crop somiglia, per me è evidente, a un campo magnetico repulsivo.

Una corrente elettrica di forte amperaggio ha creato un campo magnetico o un campo magnetico permanente.

La descrizione della seconda fotografia fa riferimento al passaggio della corrente elettrica nel vuoto. La prima ci indica che si tratta di una corrente alternata quella passata in mezzo ai morsetti di differenti grandezze. (creazione di un vortice elettronico). Questa formazione ci porta a concentrarsi sui campi magnetici (od altro) creati da questa corrente. “Altro” potrebbe riferirsi agli “artefatti” e ai “getti” avvistati dai satelliti, che appaiono brevemente al di sopra dei lampi durante i temporali

CONCLUSIONE: è notevolmente evidente che “qualcuno” attira la nostra attenzione sul magnetismo e sulle scariche di corrente di forte amperaggio, come sulle molecole d’acqua. Le immagini delle molecole d’acqua (descritte poco più avanti), e quelle di una strana molecola che appare brevemente all’interno di un magnete di forma sferica, sempre nelle vicinanze di una corrente continua. (30.01.2003)

Aggiornamento: 19.04.2003 – mi sono sbagliato. Da ieri ho scoperto che l’unico modo di riprodurre questo disegno di crop era di utilizzare magneti repulsivi come morsetti elettrici. I miei tentativi di fotografare una copia del campo magnetico in limatura di ferro così creato, si sono mostrati impossibili. L’alta tensione requisita per attraversare l’intervallo tra i magneti repulsivi non ha funzionato. Dopo alcuni tentativi e dopo aver tolto la batteria dal rivelatore di fumo e rassicurato i miei cani diverse volte, ho rinunciato.

Ci vorrebbe una superficie non magnetica trasparente, resistente al calore sopra gli intervalli degli elettrodi per fotografare questo fenomeno. I magneti riproducono il disegno di cui sopra, MA, c’è l’esigenza di un campo elettrico che completi ciò che è disegnato in quel crop. È la combinazione di un arco elettrico visivo sommato ad un campo magnetico repulsivo, al quale questo crop fa riferimento. Né l’elettricità né il magnetismo sono esclusivamente in grado di riprodurre il grafico descritto nel crop. Molto, molto interessante.
************************************

Questo crop rappresenta l’operando o le caratteristiche di funzionamento di un magnetron. L’unico modo par rappresentare questo dispositivo è di disegnare un cerchio più piccolo in un cerchio più grande.

Un recinto circolare e un magnete. Riunendo i due, trasmetteranno il concetto di base di un magnetron.
*************************
Onde che si irradiano da un centro “C” (in realtà è un recinto). All’interno della zona circolare più grande. Una zona intera è vuota. Osservare i morsetti esterni. (L’aria si trova all’esterno del dispositivo). Una rappresentazione perfetta, facilmente comprensibile, di un magnetron che emette microonde.

Esempi di disegni di rappresentazione di micro onde, con magnetron attivo

Elettroni che passano dal negativo al positivo all’interno di un magnetron somiglierebbero a questo.
Notare l’interpretazione in 2D. La rappresentazione della traiettoria turbolente dell’elettrone è descritta in 3D nella foto (anche in altre)
****************************

In realtà, siccome vanno dal negativo al positivo in un campo magnetico circolare, somiglierebbero di più a questo perché agiscono con il campo magnetico creando così le micro onde.

Penso che si stiano stancando a disegnare la stessa cosa di continuo

Siete coscienti ora che sto affermando che una civiltà ET avanzata faccia del suo meglio per tentare di siegarci che noi dobbiamo utilizzare dei magnetron per creare delle microonde che faranno in modo che le molecole d’acqua si dividano in idrogeno e ossigeno. Che, a loro volta, si combineranno in una forza esplosiva e si riverbereranno contro un quarzo piezoelettrico le cui emissioni elettriche alimenteranno il magnetron. Ciò mantenendo il procedimento. Il dispositivo risultante produrrà energia termica e energia elettrica.

Ma cercare di spiegare tutto questo ad una società meno avanzata, il cui principale metodo di comunicazione è incredibilmente diverso, si avvera compito estremamente difficile. Nessun disegno può trasmettere il procedimento completo. Usiamo la logica. Cosa fareste al posto loro? Presentereste quest’informazione a tappe sperando che riescano a comprendere? Cosa fareste?

Bene….ecco un’altra tappa.
La foto qui sotto a sinistra, leggermente tangenziale rappresenta un magnetron reale di alta potenza con la sua antenna. La seconda foto a sinistra rappresenta lo stesso magnetron sotto un angolo diverso. Notare la vista di lato del magnetron.
A destra è lo stesso magnetron visto da sopra.

*************************************

Risonanza e campi magnetici descritti nei crop circles.

Esiste anche un altro dispositivo, un altro procedimento descritto nei crops. In assenza di un termine più appropriato semplificherei chiamandolo: “risonanza” (risonazione). Questo procedimento sembra implicato in più di un procedimento. Un magnetron è una camera di risonanza nella quale le linee di forza elettriche e magnetiche agiscono reciprocamente per creare un irraggiamento di microonde. Ma questa categoria di disegni di crop circles rappresenta ancora un altro tipo d’interazione con i campi magnetici e elettrici che sembrano apparentati in parte soltanto alla creazione di microonde.

Questa categoria suppone apparentemente l’utilizzo di magneti in una camera a vuoto che serve anche di morsetti elettrico. Cercare su internet i soggetti come “l’esperimento di Filadelfia” o “l’effetto Hutchinson”.

Perché, dal meglio di ciò che sono in grado di analizzare, questi disegni di crop tendono a farmi credere che si riferiscono ai fenomeni di questo tipo.

L’effetto Hutchinson si manifesta per il fatto che oggetti molto leggeri, così come molecole molti tipi di altri oggetti “s’incastranio” tra di loro. Così, un pezzo di legno s’incorpora a livello molecolare con una traversina di ferrovia dello stesso metallo (ferro). (Tutte le foto e le testimonianze furono pubblicate in diverse giornali fino al giorno in cui il governo canadese fece una visita a Mr. Hutchinson che, da quel momento non fu più capace di riprodurre quell'effetto. (A quanto dice).

In ogni modo i risultati della sua scoperta sono molto simili al famosissimo “esperimento di Filadelfia”, nella quale i corpi dei marinai che si trovavano a bordo della nave furono incorporati a livello molecolare alla nave stessa. La nave fu ribattezzata, sostituita, quindi venduta a un paese straniero poco dopo. Non si è a conoscenza dell’ubicazione della nave originale e tutti i rapporti della marina sono scomparsi.

Mi sono accorto che questa presentazione avrà necessità di più di una pagina. Se siete interessati dalle mie scoperte vi invito a scoprirle. Si tratta soltanto di un’ipotesi, ma questo passo potrebbe essere uno dei mezzi tramite i quali il viaggio “dimensionale” potrebbe essere compiuto. Bisogna dirlo, non ne so niente. Tuttavia so, senza ombra di dubbio, che la nave è scomparsa, poi è apparsa di nuovo a diversi miglia da dove si trovava in uno stato spaventoso, Come? No so nemmeno quello. Ma questo è il nuovo “mezzo” di un dispositivo di cui recentemente ho preso coscienza.
Giudicate da voi.

Risonanza e interazione
Questo è molto più importante di ciò che pensiamo, continua…..

Fonte: http://photovni.free.fr/cropcircles1/crop.htm
Vedi anche: http://imageevent.com/cropcirclerational/cropcirclesdecoded

Tecnologia dai crop circles? Le formazioni dei crop circles sono rappresentate in 3D ultima modifica: 2008-06-20T12:01:55+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)