Tempesta spaziale osservata nel colpire la Terra

[youtube=350,300]2227271001

di David Shiga
26 Maggio 2009

Per la prima volta è stata osservata l'esplosione di una tempesta spaziale da un punto centrale dell'atmosfera superiore della Terra. Il risultato potrebbe portarci un giorno a prevedere meglio le tempeste, che possono danneggiare satelliti e reti di distribuzine elettrica a terra.

L'energia che alimenta le tempeste spaziali viene da nubi di plasma inviate a terra dal Sole. Queste nubi tendono il campo magnetico della Terra come un nastro di gomma, immagazzinando energia in una lunga coda magnetica dietro al nostro pianeta.
L'energia rilasciata quando il campo si ritira in posizione, crea il brillamento etereo delle aurore (vedere la galleria http://www.newscientist.com/gallery/mg20126941800-auroras-what-powers-the-greatest-light-show-on-earth ).

Questa energia inonda anche lo spazio attorno al nostro pianeta con una radiazione che può danneggiare i satelliti e mettere in pericolo gli astronauti e guastare le reti elettriche.
Ora gli scienziati hanno ottenuto la visione più chiara dell'energia rilasciata nella coda magnetica e dell'avvio di una perturbazione nell'atmosfera superiore della Terra o ionosfera.

“Roccia nello stagno”

Jonathan Rae dell'Università di Alberta a Edmonton, ha guidato un team che ha osservato la comparsa di una tempesta spaziale nel marzo 2007, usando una rete di camere e strumenti magnetici su stazioni a terra nel Canada.
Le osservazioni mostrano increspature magnetiche nella ionosfera che si diffondono a velocità superiori a 100.000 km/ora da un punto iniziale sopra il Canada. Una forte aurora, caratteristica di una tempesta spaziale, è stata osservata tre minuti dopo.

“Le oscillazioni magnetiche scendono e colpiscono l'atmosfera superiore in un punto particolare e quindi si diffondono da questo punto”, dice Rae. “Sembra quasi una roccia che cade nello stagno”.

“Spegnimento”

Gli scienziati sperano che questo approfondimento sul prodursi di una tempesta spaziale aiuterà a migliorare le nostre capacità di previsione.
“Se possiamo prevedere questi eventi in modo abbastanza sicuro, sperando almeno di superare qualche minuto, di qualche ora in anticipo, possiamo agire preventivamente in modo collettivo”, dice David Kendall dell'Agenzia Spaziale Canadese, che sta finanziando la rete di osservazione a terra. Questo permetterebbe agli astronauti di ripararsi nella loro astronave e permetterebbe lo spegnimento dei satelliti per evitare i danni, ha detto.

Rae ha riportato i risultati lunedì alla conferenza di geofisica – http://www.agu.org/meetings/ja09/ – di Toronto.

Journal reference: Journal of Geophysical Research (DOI: 10.1029/2008JA013559) http://www.agu.org/pubs/crossref/2009/2008JA013559.shtml

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.newscientist.com/article/dn17195-space-storm-caught-slamming-into-earths-atmosphere.html

Altrogiornale.org agrees to indemnify RBI and New Scientist against any claim arising from incorrect or misleading translation

Tempesta spaziale osservata nel colpire la Terra ultima modifica: 2009-05-30T11:27:48+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)