Ufficiali militari internazionali di alto livello si incontrano ad Adirondacks

Il Giornale Online
di Peter Crowley, Enterprise Managing Editor

SARANAC LAKE – Potenti generali e ammiragli da alcune delle nazioni più importanti della Terra, come riportato, si incontrano da qualche parte nella zona locale, questo weekend dopo un volo verso l'Aeroporto Regionale Adirondack, in Lake Clear di mercoledì.
Tra i passeggeri del grande Boeing 757 con la stampa “United States of America” sulla fusoliera, ci sono membri di alto livello del U.S. Joint Chiefs of Staff e le loro controparti di Francia, Germania, e altri paesi, forse Gran Bretagna, secondo Barry DeFuria, consigliere di una città di Harrietstown e membro del Comitato Aeroportuale, che si trovava lì quando l'aereo è atterrato. Una delegazione militare di livello top dall'Italia è arrivata su un aereo separato Falcon, ha detto DeFuria.

Il supervisore cittadino Larry Miller, sempre del Comitato Aeroportuale, si trovava lì e ha confermato la nazionalità degli ufficiali che si trovavano sugli aerei, ma dice di non sapere quali tipi di ufficiali fossero e dove andassero. Ha detto che lui e DeFuria hanno dovuto presentare i lasciapassare di sicurezza e che c'erano soldati a guardia del 757 all'aeroporto.
Il Joint Chiefs of Staff è il concilio leader dell'esercito USA, che comprende i generali e gli ammiragli di livello top di ogni branca dei servizi armati. Il presidente corrente è l'Ammiraglio Michael Mullen.

Nella foto:
Uomini in uniforme militare lavorano attorno a un Boeing 757 con la scritta “United States of America” sulla fusoliera, parcheggiato all'Aeroporto Regionale di Adirondack in Lake Clear.
(Enterprise photo — Lou Reuter)

18 ottobre, 2008
Fonte: http://adirondackdailyenterprise.com/page/content.detail/id/503035.html?nav=5008

Ufficiali militari internazionali di alto livello si incontrano ad Adirondacks ultima modifica: 2008-10-21T16:06:52+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)