UFO, controllo della gravità: mito o prospettiva?

controllo della gravità

Crediti: shutterstock

“Quante volte ho detto che, dopo aver eliminato l’impossibile, ciò che rimane, per quanto improbabile possa essere, deve essere la verità” (Conan Doyle / Sherlock Holmes).

L’approccio scientifico al fenomeno UFO comporta un esame senza concessioni significative osservabili, per quanto possibilmente quantificabili e verificabili. Alcune di esse, tra cui cinematica e dinamica, sembrano radicalmente contraddire le leggi conosciute, rendendo il fenomeno inspiegabile.

Una interpretazione che viene qui proposta si basa su una generalizzazione dell’elettromagnetismo di Maxwell che potrebbe consentire di modificare localmente la gravità e rendere conto in tal modo di queste osservazioni inedite. Inoltre, può anche spiegare parte degli effetti collaterali osservati. Tuttavia, questa teoria non è, per ora, convalidata in quanto è molto difficile creare le condizioni per sperimentarla. Ma può succedere che la teoria preceda l’esperienza o, più prosaicamente, sollevi un angolo del tappeto…

Introduzione

L’accesso allo spazio esterno è ora possibile grazie allo sviluppo, avvenuto durante la seconda metà del Ventesimo secolo, di razzi vettori multi-stadio a propulsione chimica, unico mezzo per uscire dal pozzo gravitazionale terrestre. Ma le limitazioni e i vincoli di questi mezzi e la mancanza di un’alternativa sufficientemente credibile, porta a cercare di controllare localmente la gravità piuttosto che lottare contro di essa. Tuttavia, la sua natura rimane un mistero, e così ovviamente il modo per raggiungere questo obiettivo.

Eppure sembra che un tale accorgimento si manifesti se cerchiamo di interpretare alcuni fenomeni aerospaziali non identificati (PAN). Sappiamo che una percentuale significativa di essi arriva da testimonianze considerate come inconfutabili senza spiegazioni rispetto alle nostre attuali conoscenze scientifiche e tecnologiche. Nel caso in cui alcuni di questi PAN/D (nota: i PAN di “categoria D” rientrano nei casi NON IDENTIFICATI dopo analisi rigorose e scientifiche. A tutt’oggi la percentuale è del 13 percento) non fossero totalmente di origine naturale, ma, in alcuni casi, delle macchine, il loro comportamento e gli effetti osservati suggeriscono, tra varie ipotesi, che l’intensità di gravità in cui si troverebbero possa essere modificata.

Non è molto comodo trattare questo argomento. Non ha alcun rapporto con la scienza aerospaziale attuale composta totalmente di termodinamica, meccanica dei fluidi, meccanica del volo e di fisica e chimica dei materiali. Inoltre, le avversioni della maggior parte degli scienziati verso i PAN, aggiunge un rifiuto quasi viscerale della capacità di controllare la gravità. Solo la fantascienza l’ha da tempo integrato. A volte essa è premonitrice.

Dal momento che il nostro approccio non privilegia alcuna ipotesi, non possiamo evitare di esplorare quelle che ci sembra degno di interesse. Quindi proviamo…

Gravità ed inerzia

Mostrando, tre secoli fa, che la caduta dei corpi (Galileo) e il movimento dei pianeti (Keplero) procedevano verso la stessa causa, l’attrazione reciproca dei corpi materiali, Newton fondò la meccanica celeste, ancora in gran parte in uso oggi. Ma verso la fine del Diciannovesimo secolo, la teoria elettromagnetica di Maxwell risultò incompatibile con la meccanica classica, perché non passò la verifica del Principio di Relatività di Galileo. Nel 1905, Einstein la riconciliò con una rivoluzionaria teoria: La Relatività Ristretta che, in realtà, generalizza il Principio di Galileo a tutte le leggi fisiche. Dieci anni più tardi, lo stesso propose la Relatività Generale (RG) dove la Forza di Newton è sostituita modificando la metrica (e quindi la curvatura) dello spazio-tempo dalla materia. Praticamente inutile e non utilizzata nella vita di tutti i giorni, la RG è, di contro, lo strumento indispensabile della cosmologia moderna.

Per illustrare il concetto, utilizziamo spesso l’immagine del tessuto teso orizzontalmente e incavato al suo centro per il peso di una palla da bowling. Poi, una sfera lanciata dal bordo descriverà una curva (diciamo una geodetica) e non una retta. E come se la palla “attraesse” la sfera mentre è lo spazio (qui in due dimensioni) in cui si posiziona la sfera che viene deformata dalla palla.

Immaginiamo poi una sfera “magica” che, anziché subire passivamente la deformazione del tessuto, si impegna per contrastarla creando in ogni istante una sorta di urto nel tessuto in cui si trova. Sia chiaro: la “attrazione” della palla non è compensata da una forza esterna o da una espulsione di un fluido propulsivo ma per la modifica dello spazio nella posizione in cui si trova la palla.

nouvelle_image_40Il movimento della palla dipenderà ovviamente dall’altezza dell’urto: debole, la traiettoria sarà meno incurvata, elevata, la curvatura sarà invertita come se la gravità fosse diventata repulsiva. Un caso intermedio produce una traiettoria rettilinea o alcun movimento, come se la palla non fosse più lì (ma questo è vero solo localmente). Così questo piccolo urto, alterando la curvatura dello spazio in cui la palla è posizionata, permette di descrivere qualsiasi traiettoria e non solo quella imposta dalla forma del tessuto.

Una conseguenza fondamentale di questo processo è l’apparente assenza di forze inerziali e, quindi, di una cinematica piuttosto inedita. Infatti, la sfera non sarà sottomessa a qualsiasi altra forza di gravità, essa sarà sempre in caduta libera, come un satellite, o temporaneamente, un oggetto lanciato nel vuoto. Così, la palla non subirà alcuna forza inerziale indipendentemente dalla sua traiettoria.

Ora sostituiamo il tessuto a 2 dimensioni con il nostro spazio a 3+1 dimensioni (lo spazio ordinario + il tempo), la palla da bowling della Terra e la palla “magica” con un mezzo altrettanto strano (può essere un PAN/D?). Ciò non produrrà la perplessità di un osservatore davanti ad un fenomeno che sfida la sua comprensione? Ovvero, in alcuni casi di PAN di tipo D2, si verificano queste osservazioni: l’immobilità (senza curvatura) seguita da una partenza saettante, come una “caduta verso il cielo” (curvatura inversa), accelerazioni folgoranti seguite da un brusco arresto o da virate istantanee (senza apparente inerzia). Segue un’ulteriore elemento sorprendente: se l’osservatore è un pilota di aerei e si avvicina ad un PAN, egli verrà attratto come se il PAN avesse creato un campo gravitazionale attorno ad esso e rivestendo, in questa occasione, il ruolo della palla di bowling. Così che l’aereo, se si avvicina dal basso, può ritrovarsi in volo ascensionale contro la volontà del pilota. Questo tipo di sorprendente osservazione è stata consegnata in dei rapporti seri resi da piloti della U.S. Army che hanno dovuto affrontare un PAN, rapporti studiati da Peter Sturrock e un gruppo di scienziati nel 1998 (vedi nota a fine articolo).

Quindi se avessimo una macchina in grado, ovunque essa si trova, di modificare la curvatura dello spazio quadrimensionale, essa si sposterebbe in modo naturale, vale a dire senza alcun mezzo di propulsione, lungo una geodedica dove ad accompagnarlo è la deformazione locale. Scegliere una traiettoria di ritorno è come considerarla una geodetica dallo spazio quadrimensionale e di conseguenza trarre un programma di modifica della curvatura preesistente per essere così.

Purtroppo, non sappiamo influenzare direttamente il campo gravitazionale e quindi produrre questo fenomeno strano e meraviglioso. Tranne, forse, se…

Gravità ed elettromagnetismo

Le equazioni di Einstein collegano la curvatura dello spazio-tempo per la massa m che genera, vale a dire, l’energia equivalente mc2. Ma esse sono valide per qualsiasi altra forma di energia e, in particolare, per l’energia elettromagnetica (EM). Purtroppo, essa è troppo bassa, di gran lunga, per un effetto misurabile. Pertanto, la densità di energia di un campo elettrico di 10 alla potenza di 4 V/m è 10 alla potenza 24 volte inferiore a quella della Terra! La prova migliore è che le leggi della energia elettromagnetica classica (secondo il gruppo di equazioni di Maxwell), la cui validità è ampiamente dimostrata, indicano la mancanza del campo gravitazionale indotto. Di conseguenza si esce quindi dalla possibilità di creare un campo gravitazionale significativo a partire da un campo EM!

Le leggi della natura sono diverse da quelle degli uomini, perché non possiamo cambiarle! Tuttavia, si può generalmente immaginare, senza riserve, che esse non contraddicono le leggi in vigore nel loro campo di validità. Così, la Relatività Generale ripristina la legge di Newton per i campi gravitazionali deboli. Questo è quello che propongo per le leggi della EM con la speranza che generalmente queste leggi, a condizione, naturalmente, che vengano convalidate dall’esperienza, permettano di aggirare l’impossibilità precedente. Questo può sembrare una scommessa insensata, ma la vedo come una proposta senza la pretesa ridicola di rifare la fisica.

Ecco il principio. Da un punto di vista formale, ignorando il campo gravitazionale creato dal campo elettromagnetico, le equazioni di Maxwell (nel vuoto) contraddicono la Relatività Generale, il che suggerisce che esse non possono più valere per campi estremamente elevati. Questa ipotesi sembra ragionevole in quanto queste equazioni sono lineari, e riflette il fatto che il campo EM obbedisce a un principio di sovrapposizione qualunque sia la sua intensità, che è il caso per qualsiasi sistema fisico. Questo suggerisce che la gamma di validità delle equazioni di Maxwell non è illimitata, ma è così estesa che non è mai stato osservato (e tanto meno attraversato) il confine.

In tali circostanze possono esistere equazioni più generali, linearizzate, che impartiscono le equazioni di Maxwell del secondo gruppo. Questo è il caso se si presume che la lagrangiana del campo EM in funzione non è solo il campo stesso ma anche, tramite i coefficienti della metrica, dei potenziali elettrici V e magnetici A da cui derivano i campi E e B. Non c’è spazio qui per dire molto di più. Questo approccio è stato oggetto di un articolo pubblicato in “Annales de la Fondation Louis de Broglie” (n 34-1/2009), dal titolo “effetti gravitazionali di intensi campi elettromagnetici (Effets gravitationnels des champs EM intenses)“, a cui si può fare riferimento.

Non è escluso che gli effetti “gravito-elettromagnetici“, che riflette il rapporto tra elettromagnetismo e campo gravitazionale, possono essere rilevati in stelle o nelle vicinanze di superconduttori ad alta temperatura o laser ad alta energia. Da una ventina di anni, molti ricercatori si stanno impegnando in ciò, ma a quanto pare al momento senza successo. Nel 1992, il chimico russo Eugène Podkletnov, specialista in superconduttori ad alta temperatura, pensò di aver osservato una riduzione del 2% del peso di un oggetto posto sopra un disco rotante superconduttore. Allo stesso modo, nel 2006, Martin Tajmar dell’Austrian Institute of Technology, finanziato dall’ESA, osservò effetti gravito-metrici su un disco superconduttore ma differenti da quelli osservati da Eugène Podkletnov. Ciò ha prodotto anche un numero di studi teorici, ma niente di tutto ciò è stato convalidato.

Torniamo ai PAN/D. Molte sono le testimonianze che hanno segnalato effetti luminosi (un alone di luce accecante e variante dall’arancione al colore blu), effetti termici (terreno bruciato, sensazioni di calore) ed effetti elettrici (guasti del veicolo, interferenze agli strumenti di bordo, paralisi), che sembrano rivelare la presenza di intensi campi EM. Si può ovviamente pensare che si tratti di effetti secondari, ma anche se si rivelasse un principio anti-gravitazionale basato sull’energia EM, questa ipotesi è coerente con quanto sopra. Tuttavia, la prudenza è necessaria. Così, è spesso riportato che il PAN/D si muove ad altissima velocità nell’atmosfera senza onde d’urto e senza alcun rumore. Allo stato della nostra riflessione, questo fenomeno non è facile da spiegare.

Per andare oltre

Se una qualsiasi esperienza o osservazione era necessaria per giustificare questa analisi, il controllo locale della gravità può cessare di essere definito fantascienza, anche se sembra impossibile oggi creare i campi EM necessari. Sul piano teorico, benché Einstein e i suoi contemporanei non siano riusciti a unificare la EM e la gravità in un quadro classico, a me sembra che la teoria EM modificata, di cui sopra, meriti di essere considerata “conoscenza”, altrimenti questo approccio resterà “classico” (nel senso di non-quantistico), e porterà dunque solo ad un contributo parziale alla unificazione delle forze fondamentali ricercata attivamente oggi.

Per quanto riguarda i PAN/D, si richiede di disporre di sensori in considerazione delle caratteristiche (osservazioni, misurazioni) di un fenomeno EM come descritto in precedenza, compresa la sua firma radar. Si può anche venire a confronto con delle ipotetiche manifestazioni di una macchina gravitazionale con osservazioni di differente natura, come la possibile influenza sui campi EM e gravitazionali. Ecco perché uno dei percorsi di pensiero del nostro gruppo riguarda l’osservabilità dei PAN in generale, se si tratta di osservazioni cinematiche misurabili (radar, ottici), ma anche la loro influenza sull’ambiente naturale.

coyne_ufo_1973Il “Caso Masfield”

Estratto dal libro di Peter Sturrock: “The UFO Enigma“.

Il 18 ottobre 1973, verso le ore 23, vicino a Mansfield (Ohio), l’equipaggio (pilota, copilota e due passeggeri) di un elicottero della U.S. Army, osservò, per circa un minuto, una luce rossa che sembra accompagnare l’elicottero prima di avvicinarsi ad alta velocità (stimata a 600 nodi). Il pilota avviò una discesa a 500 piedi/min e contattò la torre di controllo di Mansfield per informare del traffico aereo prima che le radio VHF e UHF smettessero di funzionare. La collisione appariva imminente, il pilota accelerò la discesa. L’ultima quota registrata risultò di 1700 piedi MSL. Ma la luce decelerò e si posizionò sopra e di fronte l’elicottero. L’equipaggio osservò la sagoma di un oggetto metallico grigio a forma di un sigaro con una luce rossa nella parte anteriore e bianca sul retro. La sagoma riempì l’intera vetrata anteriore e la cabina di guida fu immersa in una luce verde. Pochi secondi dopo, la luce si allontanò e scomparve.

Mentre la luce bianca era ancora visibile, il pilota osservò che l’elicottero salì a 3.800 piedi MSL con una velocità ascensionale di 1.000 piedi/min, mentre il controllo della profondità era ancora in posizione a tutta discesa. Anche se si avvertì la discesa rapida, nessun membro dell’equipaggio provò l’effetto G alla risalita. Successivamente, il volo procedette normalmente fino alla destinazione di Cleveland. L’inchiesta lunga e minuziosa, soprattutto dovuta a testimoni attendibili che, pur senza conoscersi, fornì un rapporto identico, non produsse alcuna spiegazione plausibile. Per Peter Sturrock, era presente un oggetto materiale, senza però essere certi e non poter dire nulla del suo funzionamento o la sua origine.

Nato in Inghilterra nel 1924, Peter Sturrock è un astrofisico di fama internazionale. Rinomato per il suo rigore scientifico, ha pubblicato più di 200 articoli e numerosi libri. Fondatore di varie istituzioni prestigiose, membro di stimabili società scientifiche, consulente per la NASA, detiene numerosi premi, medaglie e distinzioni, ha fondato nel 1982 la “Society for Scientific Exploration”, forum professionale d’investigazione di temi ignorati o poco studiati dalla scienza istituzionale. Nel 1997, il mecenate Laurence S. Rockefeller gli chiese di convocare un gruppo ad alto livello di scienziati per fare il punto sul mistero degli UFO (oggetti volanti non identificati). La sintesi di questo lavoro fu pubblicato nel 1999 con il titolo “The UFO Enigma”.

Articolo scritto da Pierre Marx, membro della Commissione Tecnica Sigma 2 della 3AF (Association Aéronautique, Astronautique de France).

ufoedintorni.wordpress.com

 

UFO, controllo della gravità: mito o prospettiva? ultima modifica: 2016-07-21T13:38:25+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)