Umberto Telarico – Intelligenze aliene e Cospirazioni Governative? – Terza parte

intelligenze aliene

– Parte terza –

Guerra nucleare per scelta politica o per errore

3. Alle numerose occasioni in cui, per futili motivi o una precisa intenzionalità, si è rischiato un conflitto nucleare dagli effetti devastanti;

La Guerra di Corea e l’Opzione Nucleare del 1952

44

44-il Giornale d’Italia del 16 dicembre 1980 – Pag.24

Per ben 12 Volte l’Umanità è stata sull’Orlo di un Olocausto Nucleare……e Questo Solo Fino al 1962

45

45-Paese Sera (quotidiano) del 23 ottobre 1962

46

46-Epoca (settimanale) n.906 del 04 febbraio 1968

47

47-Test (rivista mensile) n.1 di gennaio 1980 – Pag. 60

I Governi trattano i popoli come ignare cavie da esperimento

4. Agli innumerevoli casi in cui, organismi governativi, hanno condotto esperimenti biologici e nucleari su ignare popolazioni sia sul proprio territorio nazionale che in territori stranieri (ossia su comunità di nativi). A tale proposito, l’ex presidente degli USA Bill Clinton (in carica dal 1993 al 2001) fece pubbliche scuse al popolo degli Stati Uniti d’America per averlo usato, in più occasioni. come cavia inconsapevole per esperimenti chimico/batteriologici e nucleari atti a valutare gli effetti di una guerra chimica e quelli delle radiazioni ionizzanti su di un gran numero di abitanti.

49

49-Il Mattino del 5 gennaio 1994 – Pag.10

In realtà, però, il numero di tali atti criminali – compreso quelli relativi al controllo mentale degli individui -, compiuti sia da parte del governo USA che da quelli di tutte le altre potenze nucleari e non, sono molto più numerosi di quelli scoperti finora e, sempre contrariamente a quanto affermato dai vari portavoce governativi, continuano tutt’ora finanche sotto gli stessi occhi dell’opinione pubblica; il noto fenomeno delle così dette “scie chimiche” (responsabili di diverse patologie umane), difatti, è – con documenti governativi alla mano – una di queste occulte sperimentazioni.

50

50-Gallery (mensile USA) n° 4 – di ottobre 1978-Titolo e sottotitolo: GENOCIDIO CON I GERMI: L’ULTIMA ARMA ETNICA Ogni razza e gruppo etnico umano hanno enzimi sensibili a specifici alimenti. Nella loro infernale corsa agli armamenti, scienziati del Dipartimento della Difesa (USA), della CIA, del Cremlino (Russia) hanno sviluppato un ultimo orrore: Armi che possono colpire e uccidere o danneggiare specifiche razze umane. L’Editore del settore scientifico-tecnologico di “Gallery” rivela qui quanto sono state sviluppate tali armi etniche e cosa aspetta a questi individui umani se queste sarebbero usate.

51

51-La Repubblica del 16 novembre 1998 – Pag.15

52

52-Newton (mens.) n.2 del febbraio 1999 – A dx. Protezione integrale militare usata in caso di attacco con armi batteriologiche

53

53-Il Mattino del 31 luglio 2001 – Pag.12

54

54-Oltre (mensile) n° 31 del febbraio 1999

I Giapponesi Furono Solo i Primi ad Essere Usati Come Cavie per le Atomiche

55

55-La Repubblica del 22 gennaio 1993 – Pag. 9

56

56-La Repubblica del 01 marzo 2002 – Pag. 18

In molte altre occasioni, vari governi nazionali – in primis quelli dell’ex URSS, degli USA, dell’Inghilterra e della Francia (ed altri anche se molto più limitatamente), hanno compiuto esperimenti sugli effetti biologici letali e cronici – a medio e lungo termine – conseguenti alla dispersione e/o assorbimento di sostanze radioattive non che quelle del fallout radioattivo conseguente alla esplosione di una bomba atomica, sia sulla propria popolazione che su quelle aborigene residenti in territori “coloniali”. Ecco alcuni esempi al riguardo.

57

57-Corriere della Sera del 23 ottobre 1994 – Pag. 8

58

58-l’Unità/2 (scienza) del 07 febbraio 1998 – Pag. 5

Sistema Economico, o meglio di “guerra”, globale

59

59-Corriere della Sera del 21 agosto 2001 – Pag. 12

5. Allo stretto connubio tra politica, economia, sfruttamento umano e mercato delle armi sia convenzionali che di distruzione di massa; e questo in tutto il mondo.

60

60-la Repubblica delle Donne (sett.) del 28 settembre 2002

61

61-Panorama (sett.) del 05 giugno 2003

Anche la scienza e la medicina, basandosi su interessi economici (ossia i finanziamenti di stato e quelli privati), carrierismo e potere corporativo, sono di fatto integrati con il vigente sistema di potere mondiale

6. Gli aspetti di fondo sopra illustrati sono l’impalcatura sulla quale sono stati costruiti – ieri come oggi – gli ordinamenti delle società umane. Per di più, all’interno di tale complesso meccanismo finalizzato alla “gestione del potere mondiale”, più o meno maldestramente mimetizzato ed occultato alla maggior parte degli esseri umani mediante strumenti di controllo quali le ideologie politiche, il concetto di nazione, le regole sociali, il sistema economico, le religioni, ecc., trovano coerente collocazione anche aspetti quali la scienza in generale e la medicina, teoricamente avulse da ogni logica speculativa (in quanto appartenenti al mondo della conoscenza e finalizzate (in teoria) ad un sempre maggiore prosperità e benessere del genere umano), ma -in realtà- anch’esse perfettamente “raccordate” agli interessi del vigente sistema di potere economico-politico o di “guerra” globale. Il primo scienziato – per antonomasia – ad “inchinarsi” di fronte alla becera violenza del potere di stato, all’ora ecclesiastico, fu Galileo Galilei il quale, posto sotto accusa per aver convalidato la teoria eliocentrica di Copernico, una volta al cospetto del tribunale dell’inquisizione, ritrattò le proprie tesi scientifiche per paura di essere imprigionato e forse messo a morte.

Altri invece, come Giordano Bruno, rifiutarono di abiurare le proprie idee e finirono sul patibolo. Spesso gli scientisti moderni fanno riferimento alla “figura di Galilei” ed al suo “metodo scientifico”; probabilmente perché, in funzione di una sorta di “lapsus freudiano” condividono anche Il suo “peccato originale” che da quel momento, di fatto, ha privato per sempre la maggior parte degli uomini di scienza della propria indipendenza e libertà intellettuale e di coscienza nei confronti del potere costituito. Ecco qualche esempio al riguardo.

62-1

62-1-la Repubblica del 24 gennaio 1999 – cult. Pag.1

62-2

62-2-la Repubblica del 24 gennaio 1999 – cult. Pag.1

62-3

62-3-Newton (mens.) di Giugno 2001 – Pag.16

62-4

62-4-L’Unità del 11 aprile 1997 – Pag.3

63

63-L’Unità del 14 agosto 1977 – Pag.1

64

64-Terzo Millennio n.4 di Agosto 1998 – Pag.30

65

65-Il che si è puntualmente verificato! – Il Corriere della Sera del 06 febbraio 2003 – Pag.37

66

66-Oltre la Conoscenza n.33 di Aprile 1999

67

67-Il Corriere della Sera del 25 settembre 2000 – Pag.17

68

68-City del 18 febbraio 2003 – Pag.4

Lo stesso accade nel campo della medicina:

69

69-Il Mattino del 04 marzo 1994 – Pag.10

70

70-La Repubblica del 31 gennaio 2003 – Pag.28

71

71-Il Corriere del Mezzogiorno del 13 marzo 2002

72

72-Il Corriere della Sera del 10 giugno 1999 – Pag.17

73

73-Il Corriere della Sera del 18 marzo 2008 – Pag.23

74

74-il Giornale d’Italia del 05 settembre 1982 – Pag.11

75

75-Il Giornale d’Italia del 19 ottobre 1983 – Pag.19

76

76-Il Tempo del 29 ottobre 1998 – Pag.10

77

77-Scienza e Conoscenza n.14 di novembre 2005

[N.d.R. Abbiamo preferito non pubblicare alcune immagini forti sconsigliate ad un pubblico sensibile. Tuttavia sono eventualmente visionabili al link presente in ogni descrizione.]

Medici collaborazionisti a Guantanamo – Aguzzini in camice bianco – “E’ scattata la rivolta di una certa parte della psichiatria Usa per l’opera prestata da numerosi professionisti nella prigione-lager, dove lavorano fianco a fianco con i torturatori” di Ignazio Senatore – Immagine 78-La Voce n.9 di settembre 2006 – Pag.79

79

79-Nexus (mens.) n.20 del 1999 – Pag.6

80

80-La Repubblica del 21 ottobre 2001 – Pag.14

81

81-La Repubblica del 31 gennaio 2003 – Pag.28

82

82-La Repubblica del 05 febbraio 2005 – Pag.15

83

83-La Repubblica del 09 dicembre 2003 – Pag.14

84-1

84-1-Stetoscopio -Blog di Marco Accostato – 11 gennaio 2006

84-2

84-2-City del 18 ottobre 2010

85

85-Internet – febbraio 2003


miniatura libroUmberto Telarico

UFO del passato
Immagini e testimonianze
di oltre 3000 anni di contatti

X-Publishing

il libro è acquistabile qui


Leggi le altre parti

Umberto Telarico miniatura bioUmberto Telarico, programmatore elettronico nato a Napoli nel 1952, a seguito di un avvistamento avvenuto nel 1967, si interessa alla questione ufologica entrando in seguito a far parte del C.U.N. – Centro Ufologico Nazionale – anche in qualità di relatore.

Inoltre ha approfondito lo studio di varie discipline scientifiche ed umanistiche quali la fisica, la chimica, l’astronomia, l’esobiologia, l’antropologia, l’etologia (sia animale che umana), la psicologia, l’ecologia, determinate branche della medicina (come la biologia e la neurofisiologia umana), e la storia delle religioni.

Dal 1992 ha pubblicato diversi libri, in particolare sull’indagine del fenomeno “oggetti volanti non identificati” e realizzato diverse monografie tecnico-analitiche.

Ha partecipato a diverse trasmissioni radio-televisive RAI e Mediaset, tra cui “Maurizio Costanzo Show” e “Mistero”.

Umberto Telarico – Intelligenze aliene e Cospirazioni Governative? – Terza parte ultima modifica: 2016-08-01T22:32:43+00:00 da prixi
About the Author
prixi