Un mega buco nero grande il doppio di quanto si pensava

Il Giornale Online
Il buco nero al centro della galassia M87 può essere grande il doppio di quanto si pensava, forse grande abbastanza da essere misurato direttamente.
La M87 è distante 55 milioni di anni luce. Il suo buco nero centrale divora enormi quantità di gas ed emette un getto di particelle che si estende nello spazio intergalattico.

Karl Gebhardt http://hoku.as.utexas.edu/~gebhardt/ dell'Università del Texas ad Austin e Thomas Jens del Max Planck Institute for Extraterrestrial Physics a Garching, in Germania, hanno pesato la M87 utilizzando i dati esistenti in un nuovo modello che simula la galassia su un supercomputer. Diversamente dai precedenti tentativi, il modello risponde per l'anello invisibile di materia oscura che si pensava circondasse la galassia. La loro analisi ha attribuito al mostruoso buco nero centrale una massa di 6.4 miliardi di soli, molto più di quanto atteso. ( (The Astrophysical Journal, http://dx.doi.org/10.1088/0004-637X/700/2/1690 )

Il buco nero della M87, visto dalla Terra, avrebbe la stessa dimensione apparente del buco nero più vicino, al centro della Via Lattea. Questo mette il buco della M87 a portata delle tecniche di radio astronomia che misurano direttamente un buco nero http://www.newscientist.com/article/mg20227091.200-coming-soon-first-pictures-of-a-black-hole.html , tracciando la sua silhouette oscura contro la luminosità dei gas circostanti.

23 Agosto 2009

Tradotto da Richard per Altrogiornale.org
Fonte: http://www.newscientist.com/article/mg20327223.600-mega-black-hole-twice-as-big-as-we-thought.html

Altrogiornale.org agrees to indemnify RBI and New Scientist against any claim arising from incorrect or misleading translation

Argomenti correlati:

Breve storia del tempo

Un mega buco nero grande il doppio di quanto si pensava ultima modifica: 2009-08-24T19:15:37+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)