Un UFO presso la Base Aerea a Vandenberg

Il Giornale Online
Secondo un testimone ex militare in congedo, un UFO nel 1969 tramite un raggio interagì con misteriose scatole custodite all'interno di un aereo da trasporto militare.

L'investigatrice UFO Linda Moulton Howe tramite il suo sito internet Earthfiles.com ha reso noto di aver ricevuto una mail alla fine del mese di Febbraio da un ex dipendende dell'U.S. Air Force: “Ciao Linda seguo sempre il tuo sito, e ti voglio raccontare un episodio UFO che risale al 1969 presso una grande Air Force Base in California, nella quale stavo prestando servizio. Steve.

Linda ha pubblicato l'intervista.

“Steve” è nato a San Diego, in California. E' entrato nell'U.S. Air Force nel 1966. Dopo aver ricevuto una formazione di base nelle forze di sicurezza, dapprima fu assegnato per 18 mesi a Kunsan, in Corea e in seguito prestò servizio presso la Base Aerea di Vandenberg fino al 1970.

Da quanto emerge dall'email, il militare assieme ad altri agenti di sicurezza dell'USAF, sarebbero stati testimoni di un incredibile evento che fino ad oggi non è mai stato rivelato a causa delle forti pressioni da parte di superiori e in particolar modo da un Colonnello dell'AFOSI (Air Force Office of Special Investigation).
Steve oggi ha 60 anni, ed è convinto che i suoi contemporanei conoscono la verità, ed ha accettato di farsi intervistare al telefono “perché pensa che tutti hanno il diritto di sapere cosa il governo vuole nascondere”.

Legenda: Steve -Testimone. LMH – Linda Mounton Howe

Steve – Il fatto accadde otto mesi prima della fine del mio servizio, quindi verso la fine di novembre o dicembre del 1969 attorno alle 21.45. Ci fu ordinato di per radio di rafforzare la sicurezza per l'arrivo di un aereo da trasporto c-5 Galaxy, che sarebbe atterrato alle ore 21.00. Era considerato un volo prioritario.
Lo vedemmo atterrare e si fermò nello spazio riservatogli. Ci avvicinammo e prendemmo contatto con i militari naviganti. Vi erano 4 o 5 persone che vegliavano il carico.
Il C-5 Galaxy all'epoca, era un aereo recente, era di dimensioni impressionanti. Salimmo a bordo e lo sottoponemmo ad ispezioni. Ci mostrarono le sue incredibili particolarità e gli strumenti di controllo.
Notai che il suo carico consisteva solamente in due scatole in legno che non erano molto grandi, circa un metro per tre, poste l'una sopra l'altra. Negli altri stive non vi era nulla. In seguito uscimmo. Dopo circa un minuto o due che eravano scesi all'improvviso notammo una macchina completamente silenziosa che stava scendendo dal cielo. Doveva essere a circa 500 metri di distanza e si fermò ad un centinaio di metri di altezza.

LMH – Può descrivere la sua forma o colore?

Steve – Non fu facile avere un'idea della sua forma. Si notavano nettamente 2 luci rosse brillanti arancioni posizionate ai lati, a poche decine di metri l'uno dall'altra. Poi è apparso come un triangolo puntato verso l'alto, a forma di V. Sembrava fatto di metallo argentato.

LMH – Il cielo era perfettamente chiaro?

Steve – Erano le 21.45, una notte senza nuvole, molto buia e senza Luna.

LMH – Quelle erano le luci notate in un primo momento?

Steve – Si, erano lontane, ma sembravano unite ad un quadro che si trovava in piedi verticalmente nel cielo. Doveva misurare 800-900 piedi di lunghezza e in altezza e da 300 a 400 piedi di larghezza.

LMH – Quanto era distante la punta più vicina a voi?

Steve – L'aereo era in verticale sulla pista principale, quasi perpendicolare, e dal parcheggio dove si trovava il C-5 doveva trovarsi a 300 metri.

LMH – Quante persone lo osservarono?

Steve – Eravamo 3 o 4 persone della sicurezza, più 4 0 5 agenti di polizia che erano stati assegnati alla sicurezza del trasporto. Quindi, circa 9 in tutto.

LMH – Udiste qualche rumore?

Steve – No, era assolutamente in silenzio! Fummo tutti sorpresi quando iniziammo a notarlo, perché era sceso non producendo alcun rumore. Notammo la luce scendere verso il basso e stabilizzarsi a circa 150 metri dal suolo.

LMH – Che cosa vi diceste?

Steve – Nulla. Fummo sbalorditi. Non mi ricordo che dissi qualcosa e nessun altro commentò. Eravamo come pietrificati, cercando di scorgere qualcosa di familiare per darci una spiegazione.

LMH – Cosa accadde in seguito?

Steve – L'enorme velivolo era a forma di V silenzioso e stazionario, in seguito emise un raggio di luce che illuminò la sommità del C-5. Non era diretto verso di noi. Fu come un raggio laser sparato verso il C-5.

LMH – Quale fu il colore e la larghezza del raggio?

Steve – Per quanto ricordo era di colore verde-blu appena più ampio dell'aereo, circa 8 metri. Parlo solo della fusoliera, il fascio era diretto verso la parte centrale del C-5.

LMH – Lì c'erano i contenitori?

Steve – Si, più o meno erano in quella zona.

LMH – Cosa accadde dopo?

Steve – L'emissione del raggio durò circa 10 secondi, poi più nulla. Pochi secondi dopo, l'UFO si alzò rapidamente verso il cielo e scomparve.

LMH – Siete risaliti a bordo per controllare le casse?

Steve – Noi no, ma i poliziotti che erano a bordo del C-5 ci andarono. Ritornarono e ci dissero che dovevano ripartire, e noi dovevamo andarcene ugualmente.

LMH – Sai se cercarono di ispezionare i contenitori? C'era qualcosa di insolito sul C-5?

Steve – No, ma ricordo un dettaglio prima dell'arrivo dell'UFO. Parlammo con il gruppo che proteggeva l'aereo, chiesi al Sergente: “Dove siete, dunque?” Egli rispose: “A Groom Lake”. La zona che ora è chiamata Area 51. All'epoca dissero Groom Lake e io chiesi dove fosse e lui rispose: “Nevada”.

LMH – Hai avuto l'opportunità di saperne di più su ciò che si trovava all'interno dei contenitori?

Steve – No. Non avevamo il permesso di conoscere queste informazioni. Fummo solamente incaricati di rafforzare la sicurezza mentre l'aereo si trovava a terra. In seguito tornammo alla postazione, in quanto il nostro servizio terminava circa 40 minuti dopo, per passare le consegne ad un altro team. Segnalammo l'accaduto al nostro superiore, ci ascoltò e prese appunti.

Un Colonnello dell'AFOSI (Air Force Office of Special Investigation) minacciò Steve.
Il giorno dopo ero di servizio dalle 16 fino a mezzanotte, assegnato ad uno degli avamposti della Air Force Base di Vandenberg. Due ore dopo l'inizio del servizio, mi si avvicinò un veicolo di funzionari. Chi venne da me era vestito in abiti civili e mi diede la sua identità. Era un Colonnello dell'AFOSI.

Mi chiese se ero Steve ……… Gli chiesi se la visita era dovuta a proposito dell'incidente UFO. Lui solamente replicò: “Lei non ha visto nulla! Questo era tutto. Ma ripetè la cosa per essere sicuro che io avessi capito: “Lei non ha visto nulla, non è vero?”
Risposi: “No signore, non ho visto niente”. Dopo di che se ne andò.

LMH – Hai mai discusso l'episodio con i tuoi colleghi?

Steve – Non vidi mai più gli altri due ragazzi che si trovavano con me quella notte. Non mi ricordo di aver parlato. Non ricordo di averli mai visti in seguito. Ignoro che fine abbiano fatto.
Il fatto che l'ufficiale AFOSI non cercò nemmeno di sapere cosa avessi visto, significa che sapeva ciò che accadde. Voleva solo fare in modo che io stessi con la bocca chiusa.

LMH – La separazione dei testimoni è una procedura comune, in modo da non permettere di confrontare le loro valutazioni.

Steve – Si, questo è quello che pensai. Rapidamente fummo assegnati in altre posizioni. Potevamo non cooperare con l'AFOSI. Ero molto giovane allora, e non era divertente andare contro un Colonnello dell'OSI. Non accadeva spesso di trovarsi davanti ad un Colonnello, era più facile incontrare Capitani o Maggiori.

LMH – Fu una maniera efficace di intimidirti

Steve – Funzionò molto bene. Nessuno vide nulla, e se qualcuno avesse avuto voglia di parlare, gli sarebbe andata male.

LMH – Che ne pensi di questa storia oggi?

Steve – Penso che si trattò di un velivolo alieno, proveniente da un altro mondo. Per me era interessato al carico del C-5. Sembra evidente che erano loro. Non possiamo sapere cosa accadde quando il raggio colpì l'aereo, se fu usato per attivare o modificare ciò che si trovava nei contenitori.

LMH – Perché pensi che i politici mantengano questa politica di segretezza?

Steve – Hanno mentito per così tanto tempo che quasi impossibile riconoscerlo dopo più di 50 anni. Penso che i governi hanno paura di non essere in grado di controllare le popolazioni. Probabilmente collaborano con gli alieni, scambiandosi informazioni e fanno di tutto per non dover rispondere alle richieste da parte della gente per una possibile protezione contro gli alieni. Sarebbe troppo per loro chiedergli di prendersi cura di tutto.

Traduzione a cura di http://ufoplanet.ufoforum.it/
Fonte: http://www.earthfiles.com/news.php?ID=1683&category=Environment http://ufoplanet.ufoforum.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=8608

Un UFO presso la Base Aerea a Vandenberg ultima modifica: 2010-03-24T16:18:40+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)