Una data precisa

Il Giornale OnlineUn perfezionamento nella tecnica di datazione con l’argon-argon permette di collocare più correttamente l’estinzione dei grandi rettili.

Quando si sono estinti i dinosauri? Sessantacinque milioni e mezzo di anni fa, 300mila più, 300mila meno. Questa è la risposta, o almeno lo era fino a ieri. Grazie a una tecnica più raffinata di datazione infatti, i ricercatori dell’Università di Berkley, in California, hanno ridotto di quasi 10 volte l’intervallo di errore, individuando con estrema precisione il “momento” in cui i dinosauri si sono estinti, che si fa corrispondere al passaggio tra l’era geologica del Cretaceo e quella del Terziario. La nuova risposta è dunque 65,95 milioni di anni fa, con un margine di soli 40mila anni.

Come riporta su Science Paul Renne, direttore del Berkley Geochronology Center, il suo gruppo ha perfezionato il metodo di datazione con l’argon-argon, sviluppato nella stessa università negli anni Sessanta e comunemente usato per datare rocce e fossili. La metodica è versatile ma poco precisa rispetto ad altre tecniche, per esempio quella uranio-piombo, poiché ha un’incertezza del 2,5 per cento. Questo è irrilevante per eventi a noi vicini, ma quando si parla degli albori del Sistema Solare, cioè di 4,5 miliardi di anni fa, un punto percentuale corrisponde a 50 milioni di anni. Renne e colleghi sono ora riusciti ad abbassare l’intervallo di errore allo 0,25 per cento, che è paragonabile a quello delle altre metodiche.

“L’importanza della tecnica con l’argon-argon è che si tratta dell’unica metodica che copre quasi tutta la storia della Terra” commenta Renne. “Averla raffinata significa ottenere un’identica risposta utilizzando diversi cronometri”. La tecnica sarà ora impiegata anche per datare la formazione dei meteoriti. [/size=12]

Fonte: galileonet.it

Una data precisa ultima modifica: 2008-04-26T12:32:13+00:00 da Nebula
About the Author