Una relazione tra i raggi cosmici galattici e gli anelli degli alberi, di Sigrid Dengel, Dominik Aeby and John Grace


Flusso dei raggi cosmici (linea in grassetto) e l’anomalia di crescita (linea sottile) dell’abete rosso di Sitka. Una periodicità distinta è visibile con quattro distintivi massimi nel periodo 1961-2005.

“Il rapporto degli anelli al ciclo solare è molto più forte di tutti i fattori climatologici”
-Sigrid Dengel Università di Edimburgo

Ecco una sorpresa. La crescita degli alberi in Gran Bretagna sembra essere correlata all’intensità dei raggi cosmici. Ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno scoperto che gli alberi crescono più velocemente quando i livelli elevati di raggi cosmici arrivano dallo spazio. Questo si può anche correlare al campo magnetico interplanetario che tende a modulare i raggi cosmici galattici. La scoperta porta a credere nel lavoro del Dr. Svensmark. I ricercatori hanno fatto la scoperta studiando come gli anelli di accrescimento degli alberi di abete cambiato negli ultimi cinquant’anni.
La variazione dei raggi cosmici influenza la crescita degli alberi più delle variazioni della temperatura e le precipitazioni. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica New Phytologist.

*In questa ricerca abbiamo studiato la variazione interannuale nella crescita degli anelli degli abeti rossi (Picea sitchensis) nel nord della Gran Bretagna (55 ° N, 3 ° W) nel periodo che va dal 1961-2005, nel tentativo di inquadrare come le variabili atmosferiche agiscono nei diversi periodi dell’anno.

*I ricercatori hanno congelato le fette di tronco, per evitare il restringimento del legno, poi scansionato da un computer e usando un opportuno software hanno contato il numero e la larghezza degli anelli di crescita. Le correlazioni sono basate sui coefficienti di correlazione di Pearson, tra l’anomalia di crescita annuale e questi fattori climatici e atmosferici.

*Una correlazione piuttosto debole tra queste variabili e la crescita è stata trovata. Tuttavia c’è un rapporto coerente e statisticamente significativo tra la crescita degli alberi e la densità del flusso di raggi cosmici galattici. Inoltre, c’è una periodica crescita e una correlazione statisticamente significativa con i quattro minimi dal 1961, che ricordano il periodico ciclo della radiazione galattica cosmica.

Tuttavia, durante un certo numero di anni, la crescita degli alberi è particolarmente rallentata. Questi anni vanno correlati con i periodi in cui abbiamo un livello relativamente basso dei raggi cosmici, che raggiunge la superficie terrestre. Quando l’intensità dei raggi cosmici raggiunge la superficie della Terra in maniera più elevata, il tasso di crescita degli alberi è più veloce.

– Qui discutiamo le ipotesi che potrebbero spiegare questa correlazione: la tendenza della radiazione cosmica galattica nel produrre nuclei di condensazione, nubi, che a sua volta aumentano la componente diffusa della radiazione solare e quindi aumentano la fotosintesi degli alberi della foresta.

E ‘importante capire in che modo le foreste rispondono ai cambiamenti climatici e su quale scala temporale. Le foreste appartengono agli ecosistemi più estesi del pianeta e sono una parte sostanziale della biosfera, che sono quattro grandi piscine collegate, insieme con il carbonio fossile, gli oceani e l’atmosfera, che comprende il ciclo globale del carbonio (Schimel, 1995; Byrne & Green, 2004; Grace, 2004). Questi cambiamenti climatici includono quelli che sono tanto discussi come la temperatura, ma anche quelli che sono meno conosciuti, compresi i cambiamenti della copertura nuvolosa e torbidità atmosferica.
Nuvolosità e torbidità, sia il cambiamento nei brevi periodi di tempo, ma anche nei lunghi periodi a causa dell’inquinamento di origine antropica e aerosol naturali, come il polline, la polvere o materiali risultanti dalle eruzioni vulcaniche. Studiando come le condizioni atmosferiche, la radiazione diffusa influenza la crescita delle foreste, potremmo capire in che modo le foreste rispondono ai cambiamenti a breve termine della copertura nuvolosa e nei fenomeni del lungo periodo di ‘oscuramento globale‘ (Roderick et al, 2001;. Stanhill & Cohen , 2001, Roderick, 2006;. Mercado et al, 2009) associato con l’inquinamento industriale.

Michele

Fonte: http://daltonsminima.altervista.org/?p=18353 http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/j.1469-8137.2009.03026.x/full http://wattsupwiththat.com/2009/10/19/cosmic-rays-and-tree-growth-patterns-linked/

Una relazione tra i raggi cosmici galattici e gli anelli degli alberi, di Sigrid Dengel, Dominik Aeby and John Grace ultima modifica: 2012-01-25T16:47:00+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)