Un'Ispirazione da Garrett Lisi

Il Giornale Online

da backreaction.blogspot.com

Alcune settimane fa ho chiesto a Garrett Lisi di scrivere un contributo per la nostra serie di ispirazioni. Lui ha suggerito un'intervista per email. L'ho trovata una buona idea, perchè ho pensato che possa essere più facile tenere queste ispirazioni ad una lunghezza più gestibile, dopo tutto, potrei semplicemente smettere di chiedere giusto?

B: Lasciami partire con alcune domande di introduzione in modo che i lettori sappiano con cosa hanno a che fare. Dieci parole che descrivono Garrett Lisi?

G: “Beh, Zaphod semplicemente questo ragazzo, sai?” (non posso seguire le istruzioni)

B: Cinque cose importanti nella tua vita?

G: Fisica, amore e il surf, sono solo tridimensionale..e no, non sono in questo ordine.

B: Completa questa frase: quando avevo 15 anni pensavo che potessi..

…farmi piacere da una ragazza mettendomi in mostra.

– Ora so..

…tutto quello che serve è ascoltare.

– Il mio errore più grande è stato/è…

..non ascoltare.

– Io sogno…

..di scoprie una bellissima T.o.E. (ndt. Theory of Everything – Teoria del Tutto) che dia un calcio alla teoria delle stringhe.

B: Bene, la prossima volta che una ragazza dice dieci parole, cerca di ascoltare.

G: Ha!

B: Ok, quindi tra tutte le possibilità mostrarsi con la fisica e il surf?

G: Perchè sono molto difficili? No, la fisica e il surf non significano mettersi in mostra. Sono sempre stato coinvolto dalla relazione tra matematica e natura. A scuola, apprendiamo prima la matematica, quindi apprendiamo della fisica e vediamo che la matematica si collega a quello che avviene nel mondo. Quindi apprendiamo matematica più complessa, calcoli, teorie di gruppo, geometria differenziale e così via.. e vediamo come questo si connette e descrive il funzionamento dell'universo e così via.. meraviglioso. Sono rimasto agganciato. E il surf..fare surf su buone onde è semplicemente la cosa più divertente che si possa fare su questo pianeta.

Abbiamo questi grandi cervelli e poco tempo. Quindi cosa fare ? Molte persone spendono il tempo cercando di fare soldi, a volte con la speranza che riusciranno a fare quello che gli piace dopo averli fatti. Però non ti riprendi mai il tempo indietro. La fisica teorica è il percorso astratto più bello e stimolante che ci sia. E' quello in cui voglio spendere il mio tempo pensando, quindi ecco cosa faccio.
Però solo pensare senza azione renderebbe la vita noiosa. Quindi faccio surf. Molto.

B: E' stato destino, scelta casuale o la tua insegnante di fisica e i suoi argomenti convincenti?

G: Ha, no, il mio primo insegnante di fisica una volta disse ai miei genitori: “Mi dispiace, Garrett non andrà mai da nessuna parte in fisica.” Ricordo che discutevo con lui costantemente in classe, ad un certo punto ostinatamente sosteneva che la forza di gravità diviene più forte vicino al centro della Terra. Era un chimico.
Da bambino volevo essere un ingegnere aerospaziale. Ero molto bravo in matematica. Venne fuori che ero troppo bravo in matematica, sono rimasto così interessato in matematica e fisica che mollai ingegneria nel secondo anno di college.

B: Qual'è la bellezza che stai sognando?

G: Al momento, questa:

B: Scusa per il ritardo, E8 (ndt. http://www.moebiusonline.eu/news/071203Teoria_tutto.shtml ) è rimasto nel filtro PI antispam…Pensi che la bellezza sia nella simmetria e nella semplicità e che dovrebbe guidarci?

G: Ho sempre trovato la simmetria e la complessità bellissime. Non la complessità nel senso di “confusione casuale”, ma come ricchezza di struttura..che sta in una sottostante semplicità. Penso che la natura sia un bilanciamento di semplicità e complessità in questo modo divertente. Io seguo una guida per la costruzione di teorie:

“Rendi tutto il più semplice possibile, ma non più semplice” A.Einstein

B: Allora perchè vuoi dare un calcio nel sedere alla teoria delle stringhe?

G: Perchè penso che probabilmente la natura non funzioni così.

Abbiamo due modelli molto buoni nella fisica fondamentale, la relatività generale e il modello standard delle particelle e interazioni. Una T.o.E. è una teoria che combina le due, riproducendole in un limite. (Che una T.o.E. esista è un dibattito separato). E' una cosa difficile da costruire, dato che la struttura di queste due teorie sembra molto diversa. la RG è fondamentalmente geometrica, mentre la QTF contiene algebra ovunque. Se pensi che esista una T.o.E. e sei guidato dalla semplicità, allora dovrebbe esistere una teoria unificata che dia entrambe.

Ora, la teoria delle stringhe è partita con queste motivazioni e ha avuto molto successo iniziale. Negli anni '80 le persone pensavano che il modello standard delle particelle sarebbe uscito naturalmente dalla teoria in qualsiasi momento. Ma non è accaduto. Per ottenere le particelle conosciute, le persone hanno dovuto costruire strutture elaborate di brane e orbifold usando ogni sorta di ipotesi e centinaia di parametri. A questo punto, la teoria delle stringhe è confusa, più disordinata della struttura del modello standard che dovrebbe descrivere. Per questo devo pensare che probabilmente non è così che funziona la natura.

Ora, io non detterei mai su cosa altri fisici dovrebbero lavorare. Penso anche che la teoria delle stringhe sia promettente e che sia bene che alcune persone ci lavorino. Semplicemente non fa per me. Quella su cui sto lavorando è una T.o.E. che combina tutti i campi del modello standard e della gravità in una teoria puramente geometrica Yang-Mills con una singola connessione.

B: Per quanto pensi, il tuo approccio alla T.o.E. è molto interessante. Devo dire che per me una connessione non sembra nè semplice nè bella.

G: Yah, anche io lo sentivo, vediamo tutta questa algebra disordinata. Però cos'è un gruppo di Lie? E' un grande collettore, con una forma e delle simmetrie descritte da campi vettoriali, gli elementi dell'algebra di Lie. Una connessione e la sua curvatura è una descrizione di come questa forma ruoti attorno al nostro spaziotempo quadridimensionale. Ecco cos'è, pura geometria. Questo non è il modo in cui i fisici pensano solitamente ad una connessione, ma i matematici ci hanno pensato in questo modo da almeno 50 anni e si sono divertiti molto.

B: Quindi la bellezza non è un requisito molto soggettivo?

G: Si, lo è. Però sai, quello che ci rende fisici e non filosofi è questo, almeno in principio le nostre teorie devono combaciare con gli esperimenti.

B: Vivi su un'isola e tieni le distanze dalle reti accademiche. Pensi che la solitudine e il silenzio siano necessari alla nostra comprensione della natura?

G: Ad un certo livello sì. Però passo il tempo a Maui soprattutto perchè è bellissima e si fa buon surf. Anche se lavoro da solo, la mia bellissima ragazza è vicina che dipinge o fa la maglia. Ho amici che vedo occasionalmente. Idealmente, penso che serva bilanciamento. Mi piace passare alcune ore lavorando in silenzio sulla fisica e alcune ore giocando fuori o rilassandomi.

Ho pensato a quale sarebbe l'ambiente di lavoro scientifico ideale e la cosa migliore che ho trovato è un Ostello della Scienza. Immagino una grande casa dove i teorici possono vivere e lavorare da soli o in gruppi avendo i loro pasti e spazi. L'idea è dare tempo ai ricercatori con un'atmosfera sociale accessibile ma senza pretese e con la minor responsabilità possibile. Chiaramente, dovrebbe essere in un posto bellissimo, per fare escursioni e altre belle cose. Nell'anno passato ho vissuto vicino al Lago Tahoe, un grande ambiente per pensare e giocare. Ovunque nelle montagne sarebbe probabilmente bello per un Ostello della Scienza, ancora meglio se vicino si può sciare bene 🙂

La ragione per cui sono fuori dalla rete scientifica non è perchè penso sia male, ma perchè non ci ho trovato posto. Io amo la geometria differenziale, la RG, la QFT, ma non mi preoccupo delle stringhe. Dieci anni fa, quando ho avuto il mio Ph.D., le unice posizioni postdottorato disponibili in queste aree sovrapposte erano nella teoria delle stringhe. Quindi dato che avevo dei risparmi, mi sono spostato a Maui per lavorare da solo sul puzzle e ho appreso come fare windsurf. Ora, dieci anni dopo, la teoria delle stringhe non va così bene e iniziano ad esserci altre opportunità nella fisica fondamentale. La comunità LQC è cresciuta significativamente e sono un gruppo meraviglioso. Inoltre, la fondazione FQXI si è interessata a quello che faccio tanto da supportarmi. Quindi ho sentito che fosse tempo per lasciare la mia isola tranquilla e iniziare a parlare alle persone.

B: Ok, grazie, penso sia sufficiente. Secondo la mia stima, l'attenzione del lettore medio è di circa 100 parole. Molti saltano la parte in mezzo e leggono la linea in fondo. Quindi, hai alcune ultime parole?

G: Ah, un epitaffio…
Fate quello che amate.

Fonte: http://backreaction.blogspot.com/2007/08/garrett-lisis-inspiration.html
Vedi: http://cordis.europa.eu/fetch?CALLER=IT_NEWS&ACTION=D&SESSION=&RCN=27340
Tradotto da Richard per Altrogiornale.org

Un'Ispirazione da Garrett Lisi ultima modifica: 2010-01-12T22:21:49+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)