Verdure spaziali

Il Giornale OnlineE’ una zucca gigantesca. Ma non ci si deve meravigliare, poiché i semi che hanno dato vita a questa mostruosa cucurbitacea sono stati nello spazio per due settimane. Al loro rientro sono stati piantati e hanno dato vita alle zucche oversize. Lottano per lo spazio nell’Accademia delle scienze agrarie nel Guandong anche i pomodori che hanno raggiunto il considerevole peso di 10 chili, mentre i cocomeri sono diventati enormi; della stessa resa anche i cetrioli, lunghi oltre 60 cm, le melanzane dal peso di 7 chili e i peperoncini la cui pianta assomiglia ad un piccolo albero.

E ad essere modificate non sono solo le taglie ma anche le qualità organolettiche: il contenuto di vitamine è doppio e la quantità dei frutti sulle piante è di almeno il 20% in più. I ricercatori hanno usato i 2000 semi lanciati con il satellite Shijian 8. Dopo le prime germinazioni sono stati selezionati gli esemplari migliori per un’ulteriore riproduzione. Hanno preso parte al programma 22 province e sembra che le verdure siano già state vendute in Giappone, Thailandia e Singapore.

Come mai i semi rientrati dallo spazio producano frutti così grandi è un fenomeno che non è stato ancora compreso dagli scienziati, si pensa che vi possa essere una certa influenza delle radiazioni cosmiche, della micro-gravità e dei campi magnetici.

Intanto gli scienziati si chiedono, se non sia questa la soluzione anche per i biocarburanti.[/size=12]

Fonte: ecoblog.it/

Verdure spaziali ultima modifica: 2008-05-19T07:03:25+00:00 da Nebula
About the Author