WISE Non Conferma Asteroide Killer Dei Dinosauri

Segnalato da arteluigi

Grazie alle osservazioni fatte dal “Grandangolar Infrared Survey Explorer” montato sul telescopio ad infrarossi WISE, è stata esclusa l'ipotesi su una famiglia di asteroidi che era ritenuta responsabile della scomparsa dei dinosauri, mantenendo aperto il caso su uno dei più grandi misteri cosmici della Terra.

Gli scienziati ritengono che un grande asteroide sia caduto sulla Terra circa 65 milioni di anni fa, portando all'estinzione dei dinosauri e di altre forme di vita sul nostro pianeta, ma non sanno esattamente quale sia la sua provenienza o il percorso che lo avrebbe portato in rotta di collisione verso la Terra. Uno studio del 2007 basato dai dati provenienti dai telescopi ottici terrestri suggeriva che ad impattare potesse essere stato il residuo di un enorme asteroide, noto come Baptistina. Secondo tale teoria, Baptistina si è schiantato contro un altro asteroide della fascia principale tra Marte e Giove, circa 160 milioni di anni fa. La collisione avrebbe mandato in frantumi pezzi grandi come montagne volanti. Uno di questi pezzi potrebbe aver colpito la Terra, causando l'estinzione dei dinosauri.

Con le nuove osservazioni nella luce ad infrarossi fatte dal telescopio WISE, gli astronomi ritengono che Baptistina potrebbe finalmente essere esclusa:
“Come risultato delle indagini della squadra scientifica di WISE, la scomparsa dei dinosauri rimane ancora senza responsabile”, ha detto Lindley Johnson, direttore del programma per il Near Earth Object (NEO), il programma di osservazione presso il quartier generale della NASA a Washington.

“I calcoli originali nella luce visibile hanno stimato che le dimensioni e la riflettività dei membri della famiglia del Baptistina, portando le stime della loro età, ma ora sappiamo che queste stime erano errate. Con la luce a infrarossi, WISE è stato in grado di ottenere una stima più precisa, che mette i tempi della teoria di Baptistina in discussione”. WISE ha sondato l'intera volta celeste due volte nella luce infrarossa dal gennaio 2010 al febbraio 2011. La missione di osservazione degli asteroidi, chiamata NEOWISE, ha utilizzato i dati di catalogo di più di 157000 asteroidi nella fascia principale, scoprendone più di 33.000.

La luce visibile si riflette su un asteroide ma senza sapere come è composta la superficie dell'asteroide è difficile stabilire con precisione le sue dimensioni. Le osservazioni a raggi infrarossi permettono una stima più precisa di tali dimensioni. Essi rilevano la luce infrarossa proveniente dallo stesso asteroide, che è legata alla temperatura del corpo e alla sua dimensione. Una volta che la dimensione è nota, la riflettività dell'oggetto può essere ricalcolata combinando i dati del a luce infrarossi con quelli della luce visibile. La squadra di NEOWISE ha misurato la riflettività e la dimensione di circa 120.000 asteroidi nella fascia principale, tra cui 1.056 membri della famiglia Baptistina. Gli scienziati hanno calcolato che l'asteroide che collise con Baptistina fu circa 80 milioni di anni fa, metà del tempo originariamente proposto.

Questo calcolo è stato possibile perché le dimensioni e la riflettività dei membri della famiglia dell'asteroide indicano quanto tempo sarebbe stato necessario per raggiungere le loro posizioni attuali. Gli asteroidi più grandi non si disperdono nelle loro orbite velocemente come quelle più piccoli. I risultati hanno rivelato che un frammento dell'asteroide originario di Baptistina per colpire la Terra, avrebbe dovuto impiegare meno tempo di quanto si credesse, cioè circa 15 milioni di anni. “Questo non dà ai resti dalla collisione molto tempo per trasferirsi in un luogo di risonanza, e ottenere un impatto con la Terra 65 milioni di anni fa”, ha detto Amy Mainzer, un co-autore dello studio e ricercatore principale del progetto NEOWISE della NASA al Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena. California. “Questo processo invece dovrebbe normalmente richiedere molte decine di milioni di anni”.

Le risonanze sono zone nella fascia principale dove la gravità da Giove e Saturno possono agire come un flipper a scagliare fuori orbita gli asteroidi della fascia principale nella regione vicino alla Terra. La prova che un asteroide di 10 km impattó sulla Terra 65 milioni di anni fa è data da un enorme cratere nel Golfo del Messico e minerali rari presenti nei reperti fossili, che sono comuni nei meteoriti, ma raramente si trovano nella crista terrestre. Oltre ai risultati Baptistina, lo studio di NEOWISE ha mostrato che le principali famiglie di asteroidi nella cintura degli asteroidi hanno simili caratteristiche. Il team spera di utilizzare i dati di NEOWISE per districare le famiglie che si sovrappongono e tracciare la loro storia.

“Stiamo lavorando sulla creazione di un albero genealogico di ogni sorta di asteroide”, ha detto Giuseppe Masiero, l'autore principale dello studio.
“Stiamo iniziando a raffinare il nostro quadro di come gli asteroidi nella fascia principale si distrussero e poi si mescolarono”.

Crediti:
JPL gestisce WISE per la missione DG Science della NASA. La navicella spaziale è stata messo in stand-by dopo la scansione l'intero cielo per due volte, portando a termine i suoi obiettivi principali. Il ricercatore principale, l'astronomo Edward Wright, è alla UCLA. La missione è stata selezionata nell'ambito del programma NASA Explorers gestito dall'agenzia del Goddard Space Flight Center di Greenbelt, nel Maryland Lo strumento scientifico è stato costruito dal Laboratorio di Dinamica spazio a Logan. La navicella spaziale è stata costruita dalla Ball Aerospace & Technologies Corp. in Boulder, Colorado. Le operazioni scientifiche e l'elaborazione dei dati hanno luogo presso il Centro di Analisi del California Institute of Technology di Pasadena.

Caltech gestisce il JPL della NASA.
Ulteriori informazioni sono online sul http://www.nasa.gov/wise http://wise.astro.ucla.edu http://jpl.nasa.gov/wise
Traduzione a cura di Arthur McPaul

Fonte: http://nemsisprojectresearch.blogspot.com/2011/09/wise-rigetta-non-conferma-l-killer-dei.html http://www.sciencedaily.com/releases/2011/09/110919144042.htm
Vedi: http://www.link2universe.net/2011-09-29/neowise-i-nuovi-risultati-indicano-una-popolazione-di-asteroidi-piu-piccola-del-previsto/


Segnalato da Marino

WISE Non Conferma Asteroide Killer Dei Dinosauri ultima modifica: 2011-09-30T14:06:48+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)