Edgar Cayce: TORMENTI, PROVE E TENTAZIONI

Edgar Cayce: TORMENTI, PROVE E TENTAZIONI

Paradiso - InfernoSoltanto nel disinganno e nella sofferenza, in tempo, spazio e pazienza egli giunge alla saggezza che la sua vera volontĂ  è la volontĂ  di Dio, e nella sua pratica c’è la felicitĂ  e il paradiso. 2537-1 Lo spirito è continuamente in guerra con la carne… e quando un individuo regola la vita mentale e quella spirituale in modo da non essere in armonia con quell’elemento nel sĂ© che richiede tanto riconoscimento quanto il corpo puramente materiale, allora si deve sapere che bisogna pagare il prezzo in scontento e rotture. 5469-1

D- Verremo puniti con fuoco e zolfo?
R- …Il paradiso o l’inferno di ogni entitĂ  deve, attraverso qualche esperienza, essere ciò essa che ha costruito per se stessa. Il tuo inferno è uno pieno di fuoco e zolfo? Ma sappi, ogni singola anima viene giudicata per mezzo del fuoco; purificata, purgata; poichĂ© Lui, benchĂ© fosse il Figlio, ha imparato l’ubbidienza attraverso le cose che Lui ha sofferto. 281-16 Tutti vengono giudicati nei fuochi del sĂ©. PoichĂ© Lui non ha voluto che qualsiasi anima perisse, ma ha con ogni tentazione, ogni prova, preparato una scappatoia. E Lui non permetterĂ  che coloro che sono Suoi siano tentati oltre ciò che sono in grado di sopportare. 3292-1

Attraverso l’errore, attraverso la ribellione, attraverso il disprezzo, attraverso l’odio, attraverso il conflitto diventò allora necessario che tutti passassero sotto il castigo; tentati nei fuochi della carne; purificati perché possano essere dei compagni adatti per la gloria che può essere tua. 262-89 Da che cosa possono tutti essere salvati? Solo da se stessi. Cioè, dal loro inferno individuale; lo scavano con i propri desideri. 262-40

Dubbi e timori e desideri e disturbi bruciano e bruciano, ma tutti devono essere giudicati dal fuoco. E i fuochi della carne nella loro attivitĂ  nelle associazioni materiali devono essere purificati nell’amore. 294-174 Come Lui lottò da solo con la Sua propria Croce; così tu — quando lotti – hai la certezza che la Sua presenza sia con te … Conserva la fede, non nella Croce come sacrificio ma come la Croce come la Via, come la Luce, la Vita.
Poiché senza la Croce non c’è la Corona ! 1472-1

Senza la croce non c’è corona. Senza l’amaro non c’è il dolce. Senza l’amore sei perduto davvero. 254-78 La via della Croce non è facile, ma è la via armoniosa, ritmica, bella, graziosa. 1089-6 Se queste avversità vengono continuamente conservate come croci o come cose da superare, allora rimarranno delle croci. Ma se devono essere affrontate con lo spirito di verità e giusto nel proprio sé dovrebbero creare gioia; poiché è quello che sarà costruito. 552-2

Nella sofferenza si ottiene la forza. 5528-1 Il Suo amore non manca di sostenere coloro che ripongono la loro fiducia in Lui. E anche se Lui ti trucida, anche se Lui ti spezza come lino sulla ruota, anche se Lui ti porta alle profonditĂ  della disperazione, sappi che il tuo Redentore vive – – e Lo vedrai, e Lui ti purificherĂ  in quelle cose che fai che sono squisite per il tuo prossimo. 378-18 Le debolezze nella carne sono le cicatrici dell’anima. 275-19

L’entitĂ  ha in sĂ© volontĂ , quella conoscenza, quella comprensione con cui l’entitĂ  esercita la sua scelta, a cui dĂ  un’aggiunta o per soddisfare o per glorificare le emozioni del sĂ© o i desideri del sĂ©, o per ingrandire e glorificare le fonti spirituali o l’aiuto spirituale. Queste cose possono essere tutt’uno se l’entitĂ  mette in armonia la speranza, il desiderio del corpo, la mente, l’anima. Ma l’anima cerca sempre di ingrandire o glorificare il divino. Per cui la continua guerra che si trova nei membri- – corpo, mente, anima. Questi sono come la realtĂ  delle ombre di appetiti, di desideri, di quelle cose che sono abitudini del corpo e che rimangono come abitudine. Ma chi ha mai visto un’abitudine? PoichĂ© è una cosa mentale ed è personale. La sua individualitĂ  può far parte delle forze creative o delle forze distruttive. 3420-1
Attraverso prove, guai, tribolazioni si arriva alle cose migliori della vita e le prove vengono dimenticate. 288-1

edgarcayce.it