Rispondi a: Massoneria – skull & bones – Illuminati

Home Forum L’AGORÀ Massoneria – skull & bones – Illuminati Rispondi a: Massoneria – skull & bones – Illuminati

#102665
elerko
elerko
Partecipante

La sposa scomparsa davanti alle telecamere

Il matrimonio di Annie Le era fissato per domenica. Ma lei si è dissolta nel nulla in un laboratorio di Yale

Annie Le si sarebbe dovuta sposare ieri ma alle vigilia delle nozze si è dissolta nel nulla entrando in un laboratorio dell’Università di Yale sorvegliato da 75 telecamere di sicurezza. La scomparsa della studentessa di 24 anni è il giallo che tiene con il fiato sospeso uno degli atenei più famosi d’America e lacera le famiglie che si accingevano a celebrare il matrimonio nel North Ritz Club di Syosset, a Long Island.Il mistero di Annie Le è nella sua ultima immagine, scattata 72 ore prima del matrimonio da una delle telecamere che sorvegliano il laboratorio della prestigiosa Medical School di Yale. La ragazza usa la tessera di riconoscimento per entrare e da quel momento sparisce. Non la vedono le telecamere all’interno dell’edificio, non arriva mai nell’aula dove la aspettavano e non lascia alcuna traccia. Polizia e Fbi setacciano il laboratorio dal momento della scomparsa e l’unica «probabile prova» è il ritrovamento, avvenuto ieri, di alcuni suoi abiti macchiati di sangue.

Ma «il corpo non c’è», come ribadisce Kim Mertz, portavoce dell’Fbi, in attesa degli esami sul sangue ritrovato per capirne l’origine. Come sia possibile che una studentessa di medicina si dissolva nel mistero nel cuore di Yale è un interrogativo che apre ogni sorta di dubbi in un ateneo noto per essere la culla di molte sette segrete, a cominciare dalla famosa «Skull and Bones» (Teschi e Ossa) alla quale aderirono anche George W. Bush e John F. Kerry quando studiavano da queste parti. A complicare la vicenda c’è il fatto che la borsa, il cellulare, le carte di credito e i soldi di Annie Le sono stati trovati ben in ordine sulla scrivania del suo ufficio. E’ un fatto che potrebbe far pensare a una fuga ben organizzata ma la polizia esclude che Annie, originaria di Placeville in California, abbia «voluto ingannare tutti». Nella convinzione che la ragazza possa essere ancora trovata viva, Yale offre diecimila dollari di ricompensa per «chiunque sia in grando di dare informazioni utili» su di lei.

Il fidanzato della ragazza sparita, Jonathan Widawsky, studente alla Columbia University, non riesce a darsi pace e si è chiuso nel mutismo. L’unico a parlare è il padre del mancato sposo, Michael, cui è toccato l’amaro compito di chiamare tanto il North Rizt Club che i 160 invitati per far sapere che «le nozze sono state rimandate». Fra chi conosce bene Annie Le, di origine asiatica, la sorpresa è totale. Sandra Sherry, cantore della sinagoga riformista che avrebbe dovuto celebrare il matrimonio, assicura che «Annie non è tipo da farsi prendere dalla paura delle nozze», anche perché «trasudava entusiasmo, ogni volta che parlava del matrimonio non faceva che sorridere».

Nadeen Fotopoulos è il manager del banchetto con il quale Annie aveva discusso «ogni particolare fin nei minimi dettagli, e più volte di seguito». Com’era avvenuto anche con Deborah Kiley, la parrucchiera che avrebbe dovuto fare alla sposa l’acconciatura a coda di cavallo «accompagnata da un trucco molto leggero». «Annie voleva che tutto fosse perfetto, aveva anche prenotato una spa dove andare venerdì per fare manicure e pedicure – racconta Kiley al “Daily News” -, concludendo un programma di preparazione al matrimonio durato oltre un anno. Era la ragazza più felice del mondo e non vedeva l’ora di sposarsi».

Ma qualcosa è andato storto e ora tocca all’Fbi tentare di risolvere un giallo che Tom Concory, portavoce di Yale, riassume così: «Non sappiamo dov’è Annie, non sappiamo cosa le è successo e non sappiamo neanche se è stato commesso un crimine».

Fonte: http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplRubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=43&ID_articolo=1406&ID_sezione=58&sezione=