Rispondi a: Facciamo un punto?

Home Forum L’AGORÀ Facciamo un punto? Rispondi a: Facciamo un punto?

#109572
giusparsifalgiusparsifal
Partecipante

In realtà (acc che parola!) io comprendo e condivido ciò che dici, figurati, penso che noi tutti qui siamo in qualche modo in “sintonia”.
Posso solo dire che ognuno di noi parte da dei propri concetti di base ed inizia a costruire, come già detto, e poi la costruzione finale dovrebbe coincidere.
Il mio era un sfogo, fondamentalmente indirizzato verso me stesso, sulla marea di informazioni acquisite da circa 30 anni a questa parte in maniera più o meno “cosciente”.
Probabilmente ci “divide” (questa è illusione :)) il punto di partenza delle nostre idee, e reputo che questo sia del tutto naturale.
Condividendo ancora una volta la frase di Lao tzu, vorrei porti ancora una questione tratta da quel che hai scritto ora.
Partendo da queste due frasi:
Comprendo e apprezzo il sentimento nel voler descrivere ciò che un contesto osservato può indurti a livello di sensazioni, ma La Natura non il tavolo è lo spettacolo oggettivo più variegato e pieno di migliaia di sfaccettature che io conosca.
e
la libertà non nasce da un bisogno di illusione, semmai dal riconoscere le cose così come sono.
ti chiedo:
dato che sappiamo di certo che i 5 sensi sono limitati (allo stato attuale ed almeno per me) e perciò non potendo in realtà comprendere questo spettacolo oggettivo, che tipo di libertà ci si può aspettare da questa oggettività solo parziale, proprio perchè non possiamo apprezzare le cose così come sono?